Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ANTISOCIAL 2

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/5/19 DAL BENEMERITO TAXIUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Pumpkh75, Pesten
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Taxius


ORDINA COMMENTI PER:

Taxius 11/5/19 13:30 - 1507 commenti

Brutto era il primo, pessimo è il secondo. La storia è ambientata qualche mese dopo la fine del primo in un mondo post apocalittico totalmente infettato dal virus social. Le poche buone idee del lavoro precedente vengon qui totalmente stravolte in una accozzaglia di banalità, come i soliti militari psicopatici e il bambino misterioso con poteri psichici. Film girato male e scritto peggio, con un cast poco più che amatoriale. Solo una perdita di tempo.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Pumpkh75 14/6/19 13:15 - 1242 commenti

A metà film, il regista filma un ragno spiaccicato che risorge zampettante: è il momento più eccitante del film. D’altronde, che Calahan non abbia lo straccio di una idea è una costante: per la seconda volta si dà al riciclaggio spudorato, con la tremenda aggravante della recidività e con la sola abilità (definiamola così...) di far sembrare due capannoni e tre carcasse d’auto un set di discreta ricchezza. Nel finale si tenta la carta della disperazione ma il twist inatteso è solo confusione. Antisocial 3? Sarebbe una sventura.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Pesten 18/11/19 14:25 - 577 commenti

Primo capitolo scialbo, non si sentiva il bisogno di un sequel. E invece, oltre a girarlo, ci si impegna anche per creare un risultato forse peggiore del precedente. Per l'occasione assistiamo anche a un cambio di genere, visto che dall'horror zombesco si passa a una sorta di sci-fi oscuro, ambientato in un presunto futuro distopico creatosi dopo la pendemia del primo capitolo, in cui la stessa protagonista monoespressiva parte alla ricerca del figlio, che a quanto pare è diventato oggetto di studio e di culto. Si salva quasi nulla.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)