Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SCAPPO A CASA

All'interno del forum, per questo film:
Scappo a casa
Dati:Anno: 2019Genere: commedia (colore)
Regia:Enrico Lando
Cast:Aldo Baglio, Jacky Ido, Fatou N'Diaye, Hassani Shapi, Angela Finocchiaro, Giovanni Esposito, Lana Vlady, Rocco Barbaro, Dino Longo, Awa Ly, Thierno Thiam
Note:E non "Scappo da casa".
Visite:308
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/3/19 DAL DAVINOTTI
Nell'estrarre Aldo Baglio dal suo contesto naturale (a fianco cioè dei due compagni di sempre), il regista Enrico Lando ce lo presenta subito con look inedito e accattivante: improbabile parrucca bionda, occhiali da sole, auto di lusso... E' il prototipo del “social-viveur” dei nostri anni e, proprio come spesso capita ai fenomeni di tal fatta, la patina da ricco & bello nasconde la fregatura: le macchinone sono prese in prestito da chi le porta nell'officina in cui lavora, i soldi mancano e il massimo della vita è subentrare a un collega (Barbaro) per una trasferta pagata profumatamente a Budapest con contorno di cocktail e ragazze facili. Nel suo razzismo caricaturale, nei suoi eccessi da uomo del proprio tempo Michele trova la sua massima realizzazione, ma il contrappasso è... a un passo: vittima di un furto nella capitale ungherese, si ritrova d'improvviso da solo senza auto, cellulare e documenti, presto "sciocchizzato" (ovvero tramortito a colpi di taser) dai poliziotti locali e scambiato per un migrante da rinchiudere nei poco invitanti "centri di accoglienza". Lo identificano come un tunisino dal nome impronunciabile e non c'è verso di far loro cambiare idea. A prospettive invertite Aldo capirà cosa significa vivere "dall'altra parte" e comincerà a solidarizzare con chi sta nella sua stessa condizione: Babelle (N'Diaye) e Mugambi (Ido) per esempio, quest'ultimo un medico che da lui pretende di sapere la combinazione di una cassaforte sussurratagli da un malato poco prima di morire. Nella cassaforte ci sono i documenti utili a espatriare in Svezia, vista come meta di quello che si trasformerà in uno zoppicante road-movie attraverso i boschi d'Europa. Se nella prima parte Lando si preoccupa di dopare il ritmo con un montaggio svelto, musiche sempre presenti e un Baglio particolarmente scatenato, che a tratti sembra poter davvero reggere da solo il film passando sopra ai difetti evidenti della sceneggiatura, col passare dei minuti la storia si fa fumosa e la carenza di situazioni spiritose progressivamente sempre più cronica. Non che inizialmente tutto funzionasse, ma almeno l'estro del protagonista riusciva a metterci una pezza. Nel prosieguo si vira invece grossolanamente in direzione della commedia "educativa", si lascia spazio a spalle che non sanno bene come gestire i personaggi e il film in breve si spegne definitivamente. Al punto che in tutta la seconda parte si fa una fatica terribile a individuare scene vagamente spiritose, come se lo spostarsi da un ambiente all'altro potesse bastare a ravvivare la narrazione. Non è così, e il poco di buono che s'era visto nella prima metà s'impantana in rapporti di superficiale amicizia che non portano a nulla. Resta l'esuberanza dominante del protagonista, capace da solo - sfruttando modi ed espressioni del suo repertorio - d'inventare battute dal niente che in bocca ad altri sortirebbero effetti deprimenti, per quanto talvolta si capisca come l'inusuale ricercatezza dei termini usati non sia solo farina del suo sacco. Le musiche sono scelte intelligentemente per vivacizzare, la fotografia svilisce parzialmente i colori filtrandoli ma le idee, è palese, sono davvero pochissime e in buona parte riciclate. Sottotitoli che subentrano inevitabilmente in più occasioni, una Finocchiaro in versione balcanica che suscita simpatia ma poco aggiunge. Il finto stop-frame finale riassume nella sua gratuità il procedere un po' a tentoni di una regia che vorrebbe distinguersi ma non trova i mezzi per farlo con la coerenza e la grazia necessarie. Velleitario.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Markus 25/3/19 8:26 - 2764 commenti

Un meccanico con il vizio della mondanità viene derubato di tutto a Budapest e scambiato per immigrato clandestino. Sarà l'inizio di un'avventurosa carambola. Film sbagliato: Aldo Baglio in formato single poteva funzionare in un contesto meno pretenzioso, in cui la battuta facile con un pizzico di cinismo di fondo (che pure talvolta non manca, ma non basta) doveva essere l'asse portante della pellicola. Invece, specie nella quasi tremenda seconda parte, si piomba in una melassa alla "volemose bene", de "gli altri siamo noi" e via discorrendo.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)