Cerca per genere
Attori/registi più presenti

HELL FEST

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/2/19 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Herrkinski 27/2/19 1:33 - 4259 commenti

Se sinossi e ambientazione nel parco di divertimenti horror ricordano da vicino il contemporaneo Blood fest, il mood qui è differente; laddove uno era più uno spoof di certe pellicole, il film di Plotkin sembra invece un omaggio puro allo slasher anni '80/'90 e mantiene un tono serioso. Hooper, Carpenter e Craven aleggiano per tutta la durata e in generale l'originalità sta altrove; il ritmo è discreto, un paio di omicidi ben fatti e la chiusa finale è sardonica, oltre a lasciar spazio a probabili sequel. Sufficiente ma non entusiasmante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La testa sfracellata col martello.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Pumpkh75 13/3/19 14:02 - 1155 commenti

L’itenerante luna park degli orrori è ok, ma sembra che agli autori interessi più mettere in scena attrazioni visionarie e baracconi di classe piuttosto che nutrire di carne il nucleo slasher che in teoria dovrebbe sorreggere il tendone; difatti l’assassino difetta in look e fantasia e quando il finale quasi sprezzante lo risposta al centro vien quasi da arrabbiarsi perché ritardatario. Splatter tra alti (due gli omicidi super sanguinolenti) e bassi (qualche monotono fendente con il sangue dimenticato in magazzino). Un giro di giostra e via.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Digital 18/3/19 11:39 - 933 commenti

Un gruppo di giovani si reca a un festival a tema horror imbattendosi in uno psicopatico mascherato con intenzioni tutt'altro che amichevoli. Come location ricorda da vicino il pluridecorato Tunnel dell’orrore, ma il film di Plotkin vive di luce propria. Il divertimento non manca mentre la pittoresca ambientazione permette al direttore della fotografia di sbizzarrirsi con luci stroboscopiche e al neon in un tripudio di colori sgargianti. Gli omicidi sono piuttosto cruenti ed è da premiare la scelta di utilizzare effetti speciali artigianali.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)