Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA PARANZA DEI BAMBINI

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/2/19 DAL BENEMERITO RYO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Capannelle 14/6/19 20:03 - 3550 commenti

Chi teme di assistere a una scopiazzatura di Gomorra rimarrà sorpreso dalla vitalità e compattezza dell'insieme, assemblato con bravura da Giovannesi con il solito gruppo di attori non professionisti che non perde mai la bussola e poco ha da invidiare a quelli veri. Qualcosa o qualcuno non sarà approfondito a dovere ma sono due ore godibili senza ricorrere a pietismi o scene efferate. Di efferato c'è la trasformazione degli adolescenti, ma viene messa in scena con sfumature intelligenti, personaggi empatici e sufficiente credibilità.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Piero68 10/6/19 9:19 - 2631 commenti

Sono ormai undici anni che l'uscita del film di Garrone ha segnato un confine creando un vero e proprio genere e alimentando innumerevoli sottoprodotti. Anche questo La paranza viene da un romanzo di Saviano, scrittore che continua a instillare nella gente che non conosce le vere dinamiche di Napoli la sensazione che tutto questo sia realtà colata. Non che a Napoli sia tutto rose e fiori, ma si ha l'impressione che le problematiche vere lascino il posto al folklore. Non come è davvero, ma come la gente immagina che sia. Risibile e con un cast deludente.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Ryo 18/2/19 1:10 - 1852 commenti

Una banda di ragazzini poco più che adolescenti entra nel giro della camorra per riappropriarsi del proprio quartiere. Tratto dal primo romanzo completamente inventato di Roberto Saviano, il film si propone come possibile spaccato di una realtà dei bassifondi di Napoli. Diretto con maestria e ottimo stile, ben amalgamato alla sceneggiatura. Niente male il folto cast, che risulta credibile dall'inizio alla fine. Si sarebbe apprezato un finale meno "tronco".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'attentato a Carminiello, che finisce con una sonora figuraccia.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Alf62 14/6/19 21:44 - 64 commenti

Un film di formazione. La sensazione di un futuro senza sbocchi può portare una banda di ragazzini a voler colmare il vuoto lasciato da una gerarchia criminale decimata dagli arresti: una scalata che nella loro fantasia è l'unica strada per raggiungere potere e soldi. Partito come un gioco, diventa una guerra vera, che travolgerà affetti e amicizie costringendoli in un ruolo che li accomuna a tutti i bambini soldato sparsi per il mondo. Meno didascalico di Gomorra, un City of God made in Italy.
I gusti di Alf62 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Belgazzara 15/4/19 15:31 - 20 commenti

Piccolo Gomorra in erba (in tutti i sensi) che indaga con verità e freschezza sulle suggestioni che la criminalità esercita sui più giovani, assumenendo come perno un sistema di valori di cui è necessario non vergognarsi per comprenderne il radicamento sociale. Gli attori, per lo più non professionisti, diretti dall'ottimo Giovannesi, filano via come in un videoclip di Francesco Lettieri e ci regalano una struggente gamma di episodi di vita, dove delinquenza e spacconeria riescono a non contrastare con la loro fondamentale purezza d'animo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'orda iniziale della paranza davanti al falò; L'estrema dolcezza della ceretta alle gambe di Nicola, verò must di giovanile napoletanità.
I gusti di Belgazzara (Avventura - Giallo - Thriller)