Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PITY

All'interno del forum, per questo film:
Pity
Titolo originale:Pity
Dati:Anno: 2018Genere: drammatico (colore)
Regia:Babis Makridis
Cast:Evdoxia Androulidaki, Georgina Chryskioti, Yannis Drakopoulos, Makis Papadimitriou, Evi Saoulidou, Nota Tserniafski
Note:Presentato in concorso al XXXVI Torino Film Festival.
Visite:70
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/12/18 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Cotola
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Bubobubo


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 15/12/18 8:35 - 6849 commenti

"Teorema" greco firmato dallo sceneggiatore di Lanthimos, qui anche regista. E si vede, eccome se si vede: specie nello stile glaciale e distaccato. Si procede lentamente fino alla svolta narrativa che avrà effetti dirompenti e spiazzanti. Si arriva così ad un mezz'ora finale grottesca, feroce e potente che dà un senso a quanto visto sino ad allora. Fin lì la pellicola era abbastanza normale. Il crescendo è quindi riuscito così come alcune battute e situazioni intrise di umorismo nero che vanno a segno. Se vi piacciono Lanthimos ed il cinema ellenico, potreste gradire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il marito alla moglie: "Quando hai fatto l'ultima mammografia?". .
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Bubobubo 9/1/19 1:30 - 687 commenti

La pietà, come la fiducia e il credito, sono a tempo: una volta esauriti non si può tornare indietro. Che fare, allora, se ci si sente vivi solo attraverso la pietà altrui e le sciagure, vere o immaginarie, cominciano a scarseggiare? Il detonante cinema greco contemporaneo sgancia un'altra testata nucleare con un grottesco soggetto in perfetto equilibrio tra Ferreri e Lanthimos (le pause raggelanti, i tempi dilatati, il nonsense quotidiano). Difetta di ritmo nella parte centrale, ma l'allucinato finale ripaga della pazienza. Molto bene.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quando nemmeno sacrificare l'adorato cagnolino serve a risvegliare la pietà in chi lo circonda, il protagonista passa alla fase successiva.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)