Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA BALLATA DI BUSTER SCRUGGS

All'interno del forum, per questo film:
La ballata di Buster Scruggs
Titolo originale:The ballad of Buster Scruggs
Dati:Anno: 2018Genere: western (colore)
Regia:[6e] Ethan Coen, Joel Coen
Cast:James Franco, Liam Neeson, David Krumholtz, Brendan Gleeson, Zoe Kazan, Stephen Root, Tom Waits, Matthew Willig, Harry Melling, Ralph Ineson, Tim Blake Nelson, Tyne Daly, Saul Rubinek, Bill Heck, Chelcie Ross
Note:Prodotto da Netflix, il film è pensato come un'antologia di 6 parti.
Visite:389
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/9/18 DAL BENEMERITO NANCY POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/11/18
Omaggio al western in sei episodi che vanno a toccare altrettante tematiche tradizionali del genere riviste attraverso la lente dei Coen, uno stile che guarda con disincanto e personalità ai modelli alti senza tradire lo spirito dissacratorio di chi ha amato e ancora ama giocare con l'ironia e i paradossi. Ed è in questa direzione che il film apre; con un episodio frizzante, spassoso, mirabile sintesi di tutto ciò che ha rappresentato il cinema dei due fratelli negli anni, anima musical compresa. Tim Blake Nelson è il Buster Scraggs del titolo, pistolero sbarazzino e infallibile che fa il diavolo a quattro nel paesello western dove arriva. C'è lo splatter, c'è il gusto dell'eccesso e della battuta, del colpo di genio improvviso (la botta data all'asse del tavolo per fregare il tizio con la pistola), il finale fumettoso e surreale in un concentrato Coen esemplare, che predispone al meglio. E sulla stessa linea sembra continuare NEAR ALGODONES, con James Franco fuorilegge ad assaltare una banca dispersa nel nulla del deserto, presidiata da un unico impiegato. Ancora tracce di quella buffa follia che ha resi grandi molti film dei due registi. Poi si arriva al momento dell'impiccagione e qualcosa si spezza (oltre alla corda), nonostante la folgorante idea del cavallo che sostenendo l'impiccato è bene resti il più fermo possibile. Il ritmo cede e il finale subentra fulminante lasciando già un po' interdetti. E' il prodromo dell'episodio più ripetitivo, MEAL TICKET, con Liam Neeson viandante che allestisce lungo la strada il suo teatrino dove si esibiscono un freak monologante e una gallina che indovina i numeri. Moraletta elementare, amara come d'obbligo in casi come questi e un inutile fiume di parole che il freak elargisce senza che nulla venga aggiunto a un episodio profondo finché si vuole ma scontato e fine a se stesso. C'è da ammirare, soprattutto da qui in avanti, mentre la sceneggiatura si fa pedante e i tempi si dilatano, la straordinaria fotografia di Bruno Delbonnel, che molti difetti nasconde preparandosi a lasciarci meravigliati di fronte alla sconfinata bellezza di scenari ripresi magnificamente e spesso in campo lungo con una ricchezza cromatica abbacinante. Scenari che diventano assoluti protagonisti in ALL GOLD CANYON, in cui un invecchiato Tom Waits con folta barba bianca cerca l'oro nel fiume di una verde vallata popolata da animali che occhieggiano come vedette di un'oasi naturalistica. Poi certo, c'è la seconda parte in cui qualcosa si doveva pur dire, ma anche qui ci si rifugia in una sorta di BLOOD SIMPLE pretestuoso di scarso interesse. In THE GAL WHO GOT RATTLED Zoe Kazan è alla guida di una carovana assieme al fratello e al suo cagnolino. Tutto sembra andare per il meglio quando il fratello muore lasciando lei e gli altri nelle peste. In aggiunta arrivano pure gli indiani... Episodio piacevole, scritto con buona mano ma anch'esso claudicante, eccessivamente estatico e che prima di ingranare impiega troppo. Esattamente ciò che capita con l'ultimo segmento, THE MORTAL REMAINS, in cui due cacciatori di taglie su una diligenza assieme ad altri passeggeri raccontan le loro storie senza che una sola lasci il segno: verbosissimo, chiuso d'improvviso senza un vero perché, claustrofobico, ci saluta con un ultimo quadro superbo nel quale vediamo i nostri scendere dalla carrozza e dirigersi verso una locanda. La sequenza degli episodi conduce a una seconda parte molto meno sopportabile della prima e, benché la mano dei Coen sia comunque sempre ravvisabile, riesce difficile considerare il film qualcosa di più che uno stantio omaggio al genere con qualche sporadico colpo d'ala. Cinema d'autore a tratti deleterio e comunque assai ruffiano, per quanto a tratti indubbiamente efficace e godibile.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 18/11/18 7:13 - 10686 commenti

Piccola antologia western dei Coen in un film apparentemente minore ma che si rivela assolutamente godibile come rassegna degli archetipi narrativi del genere elaborati in modo totalmente personale e capace di affrontare temi serissimi in modo leggero. Si vede l’episodio della carrozza e i dialoghi tra i passeggeri. Film segnato da un’ottima fotografia e dalla grande prestazione degli interpreti. Tra tutti Liam Neeson e Tom Waits. Da vedere.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 24/11/18 10:24 - 4166 commenti

Parte molto bene, con un personaggio memorabile, seguìto dai suoi soprannomi, non proprio lusinghieri (il nano, il cretino. Ma lui ne ha altre versioni); e prosegue piuttosto bene col perseguitato dalla corda, iniziando però a perdere qualche colpo col tronco umano. Poi dal cercatore, che poteva essere riassunto in cinque minuti, paesaggi a parte; e soprattutto dagli ultimi due (quello della carovana è tirato all'inverosimile; e il finale è più intenzione che sostanza), la discesa è piuttosto repentina, non giustificando più il minutaggio e finendo per creare una certa insofferenza. Peccato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Noi non beviamo coi pupazzi"; Il triplo autosparo indotto; Il "brucavallo"; tiracollo; "Padella! Padella!"; Il pitagorico razzolante; Nonna Turner.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 18/11/18 15:22 - 6795 commenti

Delizioso e sentito omaggio dei Coen al genere western con tutti i suoi topoi (personaggi e situazioni narrative): c'è il pistolero invincibile, il rapinatore di banche, la carovana con tanto di cowboy ed indiani, il cercatore d'oro, la diligenza. Rispetto ai film ad episodi qui la qualità è omogenea e tendente verso l'alto. I primi due sono divertenti e dal ritmo più frizzante; poi ci si emoziona con gli altri in maniera più tranquilla ed introspettiva ma non meno fluida. Buona la scrittura. Qualche pecca ogni tanto, ma risultato notevole.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Capannelle 28/11/18 20:15 - 3469 commenti

E anche i Coen sbarcarono su Netflix con un omaggio al genere western dal tono più beffardo che epico, suddiviso in sei parti distinte. Scelta che non favorisce il coinvolgimento e soffre di un progressivo diradarsi delle emozioni. Da ricordare con piacere solo i primi due episodi, mentre quelli successivi presentano giusto qualche trovata e personaggio azzeccato. Il resto incide poco, è autocompiaciuto e decreta il fallimento di un'operazione già di per sé non facile, nonostante un cast più che adeguato.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Rambo90 17/11/18 16:08 - 5399 commenti

Summa del genere western, con i Coen che attraverso sei piccole storie ne coprono ogni sfaccettatura. L'insieme può risultare stancante, visto che il ritmo è quasi del tutto assente, ma presi singolarmente brillano per dialoghi, situazioni e regia. Il segmento migliore è quello con un Neeson inaspettatamente cinico, forse anche quello meno legato al genere ma un piccolo gioiello. Segue l'allegra ballata che dà il titolo al film, dalla violenza grottesca e con un bravo Nelson. Nel complesso, buono.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Didda23 9/12/18 21:31 - 1983 commenti

Il primo esaltante episodio - in pieno stile Coen dei tempi d'oro - faceva presagire una pellicola in grado di cavalcare i fasti sontuosi di un tempo. Invece già dal secondo episodio qualcosa in termini di qualità di scrittura si perde per poi franare in un ultimo episodio di assordante vacuità. Nel mentre si ammira la capacità registica dei fratelli nel confezionare sequenze dall'indubbio fascino visivo (supportate ottimamente dalla stratosferica fotografia di Delbonnel) e dalle musiche mai banali. Un film vuoto, ma dal fascino estetico innegabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Buster Scruggs vede le carte e scopre di avere la "mano del morto"; Il bancario con l'armatura di padelle; L'ambientazione dell'episodio di Waits.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Il ferrini 18/11/18 0:21 - 1292 commenti

È la morte la vera protagonista del film: inattesa, beffarda, quasi sempre ingiusta. Sei storie amarissime, in bilico fra la black comedy (Franco che chiede al compagno di patibolo se è la prima volta che lo impiccano) e il dramma (l'episodio del freak), girate con una profondità di campo inusuale per un prodotto tv (vedi i paesaggi in cui si muove Tom Waits) e una colonna sonora di cui ci s'innamora subito. Forse l'episodio migliore è quello della carovana, ma la penna dei Coen si percepisce ovunque. Filmone e non poteva essere altrimenti.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Kinodrop 25/11/18 19:11 - 860 commenti

Sei racconti/ballata sull'epopea del vecchio west come una sorta di libro illustrato che si anima di volta in volta. Le storie sono molto diverse e procedono dall'ironia iniziale al dramma dell'ultimo episodio e sono accomunate dal senso di precarietà e di morte che segna lo spirito di avventura dei pionieri americani. All'apparenza un'operazione fuori tempo massimo per l'argomento, ma non per i significati e per la qualità del tocco e l'estetica dei fratelli Coen. Certo le diverse puntate non costituiscono un'unità, ma l'insieme è di grande impatto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il duello del pistolero "usignolo"; Il freak e la gallina; "La sfida" al filone d'oro; I pellerossa e la carovana.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Nancy 8/9/18 21:17 - 744 commenti

Film antologico, atto supremo d'amore dei Coen nei confronti del genere western. Infatti ogni storia (e il film ne conta sei) ne dà una declinazione sottilmente differente, a partire dalla Ballata, alla storia della carovana, alla caccia all'oro (i tre episodi migliori). Filo conduttore di tutto è la musica, che segue tutti gli episodi, quando cantata, quando over, quando a malapena fischiettata. Rimane comunque piuttosto pesante da vedere tutto di fila, ma le trame assurde dei Coen si riconoscono e difficilmente si scordano.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Pesten 19/11/18 0:31 - 396 commenti

Interessante esperimento dei fratelli Coen, che con questo film a episodi danno la loro versione del mondo western inteso come tipologia di cinema e come rappresentazione della vita a quei tempi. Con la loro diversità, le storie ci mostrano varie sfaccettature dell'essere umano e di quella America nella sua crudeltà, cinismo, difficoltà, speranza e via dicendo. Proprio per la loro impostazione gli episodi divideranno molto gli spettatori in quanto a gusti, ma li metteranno tutti d'accordo per come vengono trattati i sentimenti umani.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cast, con grandi personaggi e alcune prove eccellenti come quella di Tom Waits; La solita grande fotografia e tecnica di ripresa dei Coen.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)