Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UNA QUESTIONE PRIVATA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/4/18 DAL BENEMERITO TARABAS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Tarabas 28/4/18 13:10 - 1540 commenti

Difficile, difficilissimo filmare il romanzo di Fenoglio, una vetta della nostra letteratura, con la sua misura perfetta, la prosa essenziale, nitida. Tralasciando la questione degli accenti (tutti romani i partigiani delle Langhe?), sono tempi e messa in scena a non convincere, dialoghi che oscillano tra eccessiva letterarietà (niente ci può essere di meno "fenogliano") e banalità a effetto. Peccato per Marinelli, che al netto della dizione è perfetto per il ruolo e molto bravo, mentre la Bellè è un disastro. Rileggeremo il libro.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Capannelle 29/4/18 11:33 - 3469 commenti

Tratto da un romanzo di Fenoglio, non riesce ad avere la carica necessaria per appassionare chi guarda, sia per la sceneggiatura da film televisivo sia per un cast di interpreti così così (volendo essere gentili). I momenti più interessanti sono legati a motivi musicali (le note ricorrenti di Over the rainbow o il partigiano che simula il ritmo jazzistico) e al progressivo impazzimento di Milton, ma il resto appare didascalico o debolmente onirico e a tratti soggetto a overacting imbarazzanti.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Decimamusa 13/11/18 17:21 - 53 commenti

Lasciamo stare il confronto con il grande romanzo da cui è tratto (al quale, peraltro, è abbastanza fedele). Il cinema ha altri linguaggi, si sa. Il fatto è che si tratta di un film che non emoziona, non avvince, freddamente calligrafico com’è. Non c’è pathos resistenziale, non c’è la tensione della macchia, della fuga, dell’agguato, i partigiani (troppo ben rasati…) non accendono scintille. Rarefatta e poco incisiva anche l’atmosfera che ammanta la vicenda d’amore e di gelosia. Il crepuscolo dei fratelli Taviani.
I gusti di Decimamusa (Drammatico - Sentimentale - Thriller)