Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL FILO NASCOSTO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/2/18 DAL BENEMERITO BEFFARDO57 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 7/7/18
Ci si potrebbe fermare ore intere ad ammirare l'espressività intensa, l'arte vera di Daniel Day-Lewis. E in un film così, tutto costruito su di lui (il suo ultimo, come l'attore ha già annunciato) è inevitabile che la scena gli sia dedicata per intero. Lewis se la prende imponendo il suo carisma, le sue pause studiate, gli sguardi carichi di sentimenti diversi e mutevoli. Sarto e insieme stilista nella Londra degi Anni Cinquanta, Reynolds Woodcock è uomo affascinante, ricco di mistero, dalle risposte meditate, eccentrico fino al midollo, abituato a considerare le donne con l'occhio di chi osserva modelle senz'anima, corpi vuoti su cui far scivolare la fettuccina del metro, ricche nobildonne di cui poco gli interessa. L'unica che per lui ha un significato vero è la sorella Cyril (Manville), sua socia in affari. Almeno fino a quando non conosce Alma (Krieps), di umili origini, semplice ma con qualcosa in più. Che l'attrae e lo spinge a chiederle di stargli accanto, dal primo momento in cui decide di cucire un abito per quel corpo perfetto nelle sue piccole imperfezioni. Ma naturalmente vivere con un uomo così è un'impresa e Alma se ne accorgerà, ripagandolo con la stessa moneta e senza farsi mettere i piedi in testa. Il film, interrotto da pause lavorative che ci riportano ai contatti sociali del nostro col mondo dell'alta società londinese, è soprattutto il racconto del rapporto tra i due protagonisti, dei loro mutamenti d'umore che li portano a odiarsi e ignorarsi per poi ritrovare l'amore. Attraverso una sceneggiatura che non si può dire virtuosa, Paul Thomas Anderson ricama un film raffinato e rarefatto, messo in scena coll'abituale rigore stilisticamente impeccabile ma anche un incedere lento e sfibrante, che tirato avanti per oltre due ore può anche indisporre. Perché non è che poi dica molto, e se non fosse per l'intensità degli attori, la sfolgorante bellezza di certe immagini, si starebbe lì a chiedersi soprattutto dove voglia andare a parare il film, affogato in quel "vizio di forma" a cui Anderson non pare più voler rinunciare. E dopo due ore di scambi giocati sulla malizia di sguardi mai innocenti, di mezze frasi e di pontificazioni sul nulla o quasi ci si chiede se non era il caso magari di inserire qualche variante, alla linearità del racconto, qualcosa che potesse allontanarci almeno temporaneamente dallo stesso tema declinato più o meno nello stesso modo in situazioni che poche varianti propongono. Musiche di stampo classico a commento, sdilinquimenti e struggimenti, furia controllata e scatti d'ira che irrompono suscitando reazioni irritate, di quell'irritazione corrisposta che in fondo appartiene a tantissime coppie. Però certo, se a dire certe cose è uno come Day-Lewis (che Massimo Lodolo doppia al meglio) il qualunquismo diventa unicità (scontata la nomination all'Oscar, vinto poi da Oldman). Quindi ci si sieda ad assistere meravigliati, cercando magari di capire come film così sfoggino sintassi d'autore che poco concede una visione disimpegnata.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 28/7/18 6:12 - 10551 commenti

Regista talentuoso ma discontinuo, Anderson firma con Il filo nascosto il suo capolavoro. Complice lo stato di grazia del suo attore protagonista (ma anche le due attrici offrono una prova di tutto rispetto) il regista dirige una partitura musicale dove ogni singola inquadratura è essenziale. La sublimazione del sentimento amoroso in un uomo sostanzialmente misogino, è rappresentata con ricchezza di dettagli e “commentata” da una colonna sonora straordinaria. Da non perdere.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Cotola 12/3/18 23:20 - 6690 commenti

Paul Thomas Anderson si conferma un grandissimo regista che continua a fare il suo cinema così particolare, fuori dalle mode e fuori dal tempo. Raramente accade ma qui sì: non c'è un'inquadratura sprecata o fuori posto, così come pure i dialoghi. Tutto è calcolato (qualcuno potrebbe dire troppo), al millimetro e nei minimi particolari come solo i grandi "sarti"-cineasti sanno fare. Strepitosa, more solito, la prova di Day Lewis al quale basta uno sguardo, e nel film ce ne sono tanti, che vale più di mille parole. Tra l'altro anche la storia è molto bella ed ha un notevole colpo di coda.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pasto, totalmente consapevole, finale. .
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 18/3/18 22:42 - 7286 commenti

Sarto-artista prediletto dagli alti ranghi, egocentrico, maniacale, con bizze da primadonna che solo la sorella vestale riesce a gestire, avvezzo a relazioni usa e getta... troverà degna antagonista nella nuova amante/modella, un'ex cameriera di provincia apparentemente dolce e sottomessa? Accompagnata dalle note di una splendida colonna sonora, una storia pudica e reticente di amore/odio che nasconde spilli fra le pieghe della seta di una confezione impeccabile e sfocia in un epilogo sorprendente. Memorabile la prova di Day-Lewis, ma anche Krieps e Manville offrono prestazioni notevoli.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le colazioni a tre; La cena con gli asparagi con il burro invece che all'olio e sale; Lui osserva la moglie che prepara la frittata.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 5/3/18 10:40 - 2325 commenti

Anderson ci racconta i rapporti che legano la "strana" coppia Day-Lewis/Krieps: il primo affermato stilista, la seconda cameriera di un ristorante che diventerà sua amante/collaboratrice/moglie. Sicuramente il film patisce qualche lentezza e lunghezza di troppo e anche una trama non eccessivamente coinvolgente. Per contro si avvale di splendide interpretazioni e la messa in scena è sontuosa. Siamo di fronte a un prodotto che ha molta più "forma" che "contenuto". Non male ma non particolarmente riuscito.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 4/3/18 13:49 - 3011 commenti

Grande sfarzo e notevole sensibilità registica (abile nel caricare i dettagli di significato) per un film inizialmente a rischio calligrafia, ma poi intrigante nel suo incamminarsi lungo i morbosi e sottilmente disturbanti binari dell'amore-dominio, gioco di forze asimmetriche un po' Luna di fiele, un po' Misery, un po' La mia droga si chiama Julie. Sempre giocando sull'implicito e sugli sguardi, giungendo allo zenith nei momenti più dolenti ma omettendo qualche snodo di troppo, specie verso la fine. Ottimo cast svilito dal doppiaggio italiano.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 5/7/18 16:24 - 3423 commenti

La definizione di opera non viene spesa a caso per l'ultima fatica di Anderson, che poggia su una confezione raffinata e altrettanto solida e su di una prova attoriale di primo livello. I tre protagonisti sono abili nel dare corpo a un progressivo carico di detti e sottintesi, in bilico tra regole patriarcali e angoscia interiore. Non trova sempre corrispondenza nella giusta visceralità e qualcosa pare mancare, ma merita senza dubbio la visione.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 8/3/18 16:28 - 1333 commenti

No! Nemmeno stavolta Anderson convince. La sua insistenza a seguire storie e linguaggi di riporto e a costruire falsi capolavori eseguiti con ansia da pignolo copista raggiunge uno dei suoi zenith negativi in questo film. Non passa un brivido che già non si sia provato e meglio in Scorsese (qui siamo nelle zone di L'età dell'innocenza). Si racconta la storia di un barbablù e di una sorella complice come se fosse un bell'abito con uno scheletro eroso dentro. Day-Lewis è immenso ma non è una novità.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Enzus79 24/2/18 20:03 - 1540 commenti

Capolavoro di Paul Thomas Anderson. Sembrerebbe scontato dirlo, ma ci troviamo dinanzi a un film che ha pochi difetti (la durata della trama non pesa). Come l'incontro con una donna può cambiare la vita di un uomo dell'alta società inglese che ha un'ottica della vita tesa nei comportamenti alla perfezione (come i vestiti che lui crea). Ottimo cast con un Lewis superlativo. Belle le musiche.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rambo90 3/3/18 17:14 - 5218 commenti

Un amore bizzarro, che trova in una specie di follia il suo equilibrio, enigmatico come il film che comunque affascina lo spettatore, nonostante una durata non sempre facile da affrontare. Anderson cura ogni dettaglio, ma si lascia sfuggire via il ritmo, a volte troppo fermo. Ottime le interpretazioni, fatte di sguardi, di gesti, molto naturali e realistici. Bellissima la confezione, tra una colonna sonora da Oscar e costumi ricercati. Letargico ma intrigante.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Giùan 24/6/18 7:37 - 2442 commenti

Paul Thomas Anderson ribadisce un magistero conclamato con un'altra opera al contempo tanto difforme ed eccezionale rispetto alla cinematografia corrente, quanto ricca di riferimenti cinefili e letterari tessuti dentro gli orli della visione (Visconti, Scorsese, Henry James, il romanzo ottocentesco). Ne vien fuori un vestito straordinariamente confezionato, all'interno del quale quasi disperatamente l'autore cuce (e occulta) la propria firma. Il rapporto disturbato Day-Lewis/Krieps (fenomenali come pure la Manville) rammenta il fagocitante Primo amore di Garrone.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La lotta di sguardi e parole Krieps/Manville al capezzale di Woodcock ammalato.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Didda23 18/7/18 9:53 - 1936 commenti

Nella ricostruzione ambientale (vedasi anche il film precedente) Anderson è maniacale e imbattibile. La sceneggiatura pare superficialmene diluita e priva di una verve che possa esaltare, ma nelle pieghe della storia si assaporano piccole cose che la rendono interessante. Un'opera che cresce ora dopo ora e che declina un rapporto amoroso coraggioso e fuori da schemi. Il tema del rito è fondante, con una riflessione sociologica assolutamente stiomalante. La regia è rigorosa e si stacca da derive "altmaniane" tipiche del passato. Grandissimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La firma dell'artista; L'egoismo esasperante del protagonista; Il rapporto fra fratello e sorella; La cena, nel finale.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 5/4/18 10:07 - 1843 commenti

Sarto d’eccellenza dal carattere ostico troverà in una giovane donna il riparo dalle sue ossessioni esistenziali. Confezione degna di un classico che spazia dai dettagli di cucito a feste sfarzose utilizzando al meglio i silenzi tra i personaggi. Poca costruzione nel personaggio di lei e senza una vera direzione la parte conclusiva. Day-Lewis è straordinario negli sguardi e nella presenza all’atelier, lei si fa notare solo quando gli tiene testa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visione della madre in abito; Il veglione; Lo scontro mentre giocano a dadi.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Jandileida 13/5/18 12:35 - 1039 commenti

Come al solito Anderson è formalmente ineccepibile e talmente attento a non sbagliare un'inquadratura che il contenuto finisce per venire relegato in un ruolo di secondo piano. Di storie d'amore in cui si provano a conciliare due poli opposti sono pieni gli scaffali e qui non c'è nemmeno un piccolo sforzo per uscire da sentieri già battuti, fino a un finale ai limiti della psichiatria. Tuttavia il solito monumentale Day-Lewis renderebbe indimenticabile anche guardare lo svuotamento di una lavatrice, ragion per cui il film è comunque da vedere.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Xamini   2/3/18 11:27 - 811 commenti

Urticante gran lavoro di Anderson. Cessa di esserlo nell'istante in cui trova l'equilibrio, allorché l'animo dello spettatore finalmente si cheta, al pari di quello del protagonista. Daniel Day-Lewis dà vita a un personaggio difficile da dimenticare tanto è il fastidio che suscita, cesellando ogni singolo dettaglio. La regia lo segue ora fredda, minuziosa, ora accalorata, innamorata si direbbe. Come il personaggio della Krieps che trova il suo complicato ruolo laddove era impossibile incastonarsi. Amore e psiche.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il secondo pasto e la sua consapevolezza.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Nancy 28/2/18 20:56 - 734 commenti

Il fine artigiano PTA (qui anche operatore non accreditato) cuce con grande trama di dettagli il suo film più delicato, forse il più perfetto. La forma assorbe perfettamente il contenuto e l’interpretazione di Day-Lewis, possibilmente, batte quella de Il petroliere: lui è Woodcock, non lo interpreta. Anche la Krieps stupisce per l’aderenza al prropio personaggio. Una sceneggiatura scritta su carta millimetrata, personaggi che si sviluppano mai in modo prevedibile. Questo è il realismo, questa è la vita vera. Ma molto più bella da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La colazione, le cene, i silenzi, gli sguardi, i dettagli.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 4/3/18 11:18 - 691 commenti

Paul Thomas Anderson realizza un film raffinato come pochi su una personalità malata, un grande sarto inglese degli anni 50 ossessivamente dedito al suo lavoro. A lui si affianca una giovane donna inizialmente sottomessa e compiacente, ma che col tempo saprà essere diabolica e riuscirà a domarlo. Cinema di grande classe, per nulla banale, con splendide immagini e cura di ogni dettaglio, recitato benissimo dal fuoriclasse Day-Lewis.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Beffardo57 18/2/18 21:58 - 206 commenti

Durissimo vivere a fianco del Genio, tirannico, capriccioso, nevrotico, egocentrico, affiancato da una sorella-vestale e devoto alla memoria materna; ma la ragazzotta di provincia non si lascia rottamare e alla fine riesce a domarlo divenendogli indispensabile. Straordinaria messa in scena della Londra upper class degli Anni Cinquanta (tristissimi per il resto della popolazione) con al centro del palcoscenico l'acclamato sarto dell'aristocrazia, tanto carismatico e fascinoso quanto umanamente insopportabile.
I gusti di Beffardo57 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Manrico 12/3/18 10:51 - 78 commenti

Anderson, innamorato (giustamente, data la bravura) del "suo" Daniel Day-Lewis, gli "confeziona" - mai termine fu più azzeccato - un film raffinato e dettagliatissimo, in cui l'attore inglese impersona un burbero e maniacale stilista inglese alle prese col complicato rapporto con una musa/poi moglie di umili origini e di carattere opposto. Se gli attori sono ottimi (anche la sconosciuta Krieps è perfetta nel ruolo) e l'ambientazione pure, la storia alla fine lascia un po' a desiderare e si esce dalla sala con un gusto di delusione in bocca.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il ballo di capodanno; La visita del dottore.
I gusti di Manrico (Comico - Erotico - Fantascienza)