Cerca per genere
Attori/registi più presenti

NAPOLI VELATA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/1/18 DAL BENEMERITO COTOLA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/1/18
Ozpetek avvolge Napoli e la sua storia nell'ammaliante manto del magnifico Cristo velato di Giuseppe Sanmartino (suggestiva scultura conservata alla Cappella Sansevero non a caso inquadrata nel finale). Come un illusionista si diverte a giocare confondendo sogno e realtà e spingendo lo spettatore a porsi mille interrogativi destinati a non trovare risposte univoche. Seguire la vicenda come un giallo è una partita persa, nonostante nelle prime fasi si sia portati a immaginare d'esser di fronte a un'indagine vera e propria, con segreti e moventi da svelare. L'apertura su un feroce omicidio compiuto sulle scale d'un condominio colpisce immediatamente, ma un salto cronologico che ancora non si sa se in avanti o all'indietro riporta tutto all'apparente normalità di una donna single (Mezzogiorno) che conosce un giovane (Borghi) e ci va a letto lasciandosi trascinare in un focoso amplesso. Il tempo di darsi un appuntamento al museo e questi scompare, ritrovato poi dalla donna stessa sul lettino ove per mestiere (è anatomopatologa) analizza i cadaveri. Chi l'ha ucciso? Indizi disseminati lungo il film si mescolano ai ricordi d'infanzia di lei e alla comparsa di personaggi folcloristici il cui chiaro intento è quello di caricare al massimo la forte napoletanità dell'insieme. Gli ossessivi rimbalzi tra i cortocircuiti mentali della protagonista ci fanno perdere e confondere, rincorrere elementi poi abbandonati, ripresi, modificati, lasciati vanamente a macerare in attesa che possano in un successivo momento essere recuperati per riannodare le fila di una trama volutamente aleatoria, secondaria rispetto a luoghi e personaggi, minuto dopo minuto soffocata dall'ostinato rifiuto del regista di riportarla in primo piano. Così, causa anche una conduzione che indugia sui particolari, sugli sguardi e più spesso sul nulla, si fatica a seguire un filo logico sempre più sfilacciato frantumato ossessivamente da divagazioni estetizzanti che si crogiolano in un'altra Grande Bellezza italiana intrufolandosi tra scorci suggestivi e ricche scenografie d'interni. Ammennicoli, maschere, simboli riempiono la scena insieme alla Mezzogiorno, inquadrata in ogni espressione e posizione, dalle più audaci di un gratuito sesso ansimante alla plasticità scultorea solo apparentemente intaccata da un look assai poco giovanile. Esteticamente è un Ozpetek ricercato e ambizioso, ma narrativamente le stesse qualità si concretizzano in un velleitarismo deludente, in un troppo disinvolto gioco di ombre e fantasmi, in “magnifiche presenze” spogliate ed esibite senza vera necessità, in indizi destinati ad ingrossare le fila dei film aperti a più interpretazioni, artatamente alterati per sconquassare ogni azzardata collocazione logica. E mentre l'occhio si fa rapire dalle forme contraddittorie di una città solare quanto ingannevole, la buona recitazione complessiva e la magia di risposte che galleggiano nel dubbio mascherano i difetti donando effimera sostanza all'impossibile.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 6/6/18 5:45 - 10473 commenti

Storia di mistero e passione tra i vicoli di Napoli, città che certamente si confà a Ferzan Ozpetek. La prima parte del film funziona per l’equilibrio che il regista riesce a trovare tra la componente passionale e gli aspetti oscuri della storia. Nella seconda parte la trama diventa forzata e il regista sembra incerto sul tono da dare al film. Buona la prestazione degli attori con menzione particolare per Giovanna Mezzogiorno e Beppe Barra. Nel complesso, un'occasione sprecata.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 2/1/18 9:17 - 7027 commenti

I misteri di Napoli, città barocca e segreta, fascinosa e ambigua: delitti, omertà, fantasmi e un eros debordante, all’ombra di un’arte mozzafiato, in un gineceo fragile e infido. Mille temi in una storia che accompagna un’anatomopatologa a cercare di svelarsi a sé stessa dopo il barbaro omicidio dell’amante di una notte. Roba da registi spericolati, amanti del rischio e dell’oltraggio, non da Ozpetek che riporta l’intrigante soggetto alla propria dimensione edulcorata e cartolinosa, dove il vero dolore lascia il passo al bello della vita.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 2/1/18 0:06 - 6634 commenti

Melodramma familiare, da cui Ozpetek sembra proprio non riuscire a stare lontano, travestito da "thriller" la cui vena è più che blanda. Ben presto infatti non interessa quasi più a nessuno della soluzione del mistero ed il colpo di scena finale è prevedibile (e non solo esso), e per certi versi ridicolo, come poche altre volte. Ma il turco si diverte a rimescolare le carte con troppi finali che vogliono confondere lo spettatore rivelandosi francamente fastidiosi e disonesti. Dialoghi spesso banali e scene sul folclore partenopeo evitabili poiché gratuite rispetto all'economia della storia.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 5/1/18 12:08 - 2980 commenti

Ennesima occasione mancata che annega un intrigo giallo sulla carta pure interessante (gli spunti a ben vedere abbondavano, tra misteri del passato e probabili omertà del presente) tra eccessi melodrammatici e manciate di folklore e di sesso spinto buttati nella mischia per far colore. Di buono una tutt'altro che inetta regia (memorabile la vertiginosa inquadratura iniziale), un buon cast (eccetto Borghi, poco credibile sia come amante di una notte che come impalpabile stalker da camera) e musiche funzionali. Discutibile il finale ambiguo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La prima inquadratura del film.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 5/1/18 17:45 - 2529 commenti

Napoli e i suoi misteri, a partire da una fattaccio di sangue che coinvolge suo malgrado la normale vita di una quarantenne. Un bel quadro esteticamente ineccepibile di Ozpetek, che mette nel calderone sesso patinato, esoterismo, fantasmi d'amore e una specie di giallaccio da sbrogliare. Non tutto fila liscio, in quanto la vicenda prevede troppe situazioni non chiare, creando quindi nello spettatore il desiderio di una spiegazione che quasi mai c'è. La Mezzogiorno incarna molto bene il personaggio e questo indubbiamente aiuta alla fruibilità.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Capannelle 1/5/18 22:56 - 3415 commenti

Pronti, attenti, via e la Mezzogiorno inizia la sua intensa relazione erotico misteriosa con un Borghi double face. La prima parte funziona grazie alla vitalità di alcuni interpreti (tipo il Barra) e a un certo gusto nell'inquadratura e nella resa cromatica che non compensano però un intreccio thriller sentimentale artefatto, poco credibile, che alla lunga non tiene. Come non tengono sia il Borghi sempre più sibillino che alcune sottotrame (dalle due donne lesbiche al poliziotto). Abbastanza elegante ma inconcludente.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Rambo90 3/1/18 14:54 - 5182 commenti

Inizia noir, diventa però presto un dramma, avvolto dalle ombre di una famiglia che cela segreti in una Napoli ben fotografata ma impalpabile dal punto di vista folcloristico (nonostante gli sforzi nel far parlare tutti con accento dialettale). Il film alla lunga annoia, qui e là risuscitando interesse quando sembra ritrovare la traccia gialla, persa poi completamente in una parte finale confusa e ingiustamente inspiegata. La Mezzogiorno poco convincente, molto meglio il cast di contorno tra Barra, la Bonaiuto e altre presenze. Mediocre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La colonna sonora.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 9/1/18 19:44 - 2991 commenti

Nonostante il suo stile sia ben presente anche in questo film, Ozpetek cerca di confondere lo spettatore mescolando le carte in tavola. Lo fa sfruttando le magiche atmosfere di Napoli e una sceneggiatura che porta alla ribalta alcuni degli stilemi classici del giallo italiano. Il risultato e un'opera straniante che fino alla fine alimenta domande senza dare risposte, in un crescendo di tensione che culmina in un finale spiazzante.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Myvincent 8/1/18 19:36 - 2053 commenti

Polpettone come pochi, peraltro tedioso, segna uno dei livelli più bassi dell'elegante produzione del regista turco. Si aggiunge la presupponenza di conoscere a fondo un mondo, quello partenopeo, mescolato di sacro e profano assieme, promettendo la fascinazione di un mistero che, francamente, viene disatteso. La Mezzogiorno quando alza il tono della voce fallisce miseramente, il resto del cast è di gran lustro: Lina Sastri, Peppe Barra, Anna Bonaiuto. Ozpetek un vero "turco napoletano", comico non volutamente.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Gabrius79 2/1/18 22:07 - 1042 commenti

Ozpetek ambienta la storia nella città partenopea con esiti fiochi. Pur avendo a disposizione un bel cast assistiamo a una pellicola piuttosto scialba che talvolta si fa fatica a seguire: non si capisce bene dove voglia andare a parare. La Mezzogiorno recita con un certo trasporto, Borghi fa "il bello che non balla", il resto del cast veleggia sulla sufficienza piena. Probabilmente un'occasione sprecata, se si credeva di realizzare una sorta di mix fra melodramma e thriller.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Taxius 2/2/18 19:46 - 942 commenti

Ozpetek ambienta la sua storia in una bella e benestante Napoli ricca di segreti e misteri. Dal punto di vista tecnico il film è girato molto bene grazie anche a un buon cast che non delude e alla bellissima città che fa da sfondo; a deludere è un po' la storia in generale, a tratti lenta, intricata e di non facile comprensione tanto da rischiare di perdersi nei cunicoli della storia. Interessante il finale enigmatico. Tutto sommato non è poi così male, ma è il tipico film che si fa vedere solo una volta.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Nancy 9/1/18 13:55 - 732 commenti

Ozpetek ritorna in una forma migliore rispetto a quelle a cui ci aveva abituato ultimamente. Il film pecca di lacune e di qualche colpo gobbo nella trama, ma tuttavia si tiene unito e incede bene fino alla fine, tenendo l'attenzione dello spettatore. Grande prova quella della Mezzogiorno, ottimo anche Borghi nel doppio ruolo di seduttore/sedotto, da brividi la scena d'amore iniziale. Il regista fa centro in un film che racconta una città, un'atmosfera, senza cadere mai nel cartolinesco e nelle banalità in cui poteva facilmente incorrere. Bello.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 28/3/18 0:26 - 682 commenti

Inutile farsi troppe domande sul finale, conviene lasciar perdere la trama e concentrarsi sull'ambientazione napoletana, che Ozpetek caratterizza con un grande carico di folclore e mistero, affascinante ed esteticamente pregevole. Molto teatrale e verace la prova del gruppo di attori partenopei. E' un film di grandi eccessi, con troppe forzature, tra cui anche le scene di sesso spinto della Mezzogiorno con Borghi che velate certo non sono.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Ira72 21/2/18 21:14 - 532 commenti

Di velata c’è solo Napoli nei primi dieci minuti del film (di certo non Borghi e la Mezzogiorno). Detto questo, devo mio malgrado ammettere che, sebbene apprezzi Ozpetek, sono rimasta basita. E non in positivo: lavoro forzato e farsesco (troppi finali aperti tra l’onirico e il passato che fu - o forse no - tra ricordi, allucinazioni, incubi e turbe psichiche che potrebbero essere - ma anche no). Barra, Sastri e Bonaiuto danno il colpo di grazia alla credibilità del film con una recitazione teatrale all’eccesso. Poi. C’è tutto il resto. Lo stile inconfondibile.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Beffardo57 30/4/18 17:29 - 206 commenti

Un gran pasticcio. Sembra all'inizio un thriller, poi vira sul dramma familiare, con corredo psicopatologico di allucinazioni. Attorno, il solito coro di conventicole gay, apparizioni folkloristiche e personaggi variamente pittoreschi. Napoli è ritratta come un idilliaco luogo di piazze e vie scarsamente popolate, scorci marini fascinosi, interni museali, insomma un posto totalmente immaginario. Anche della lunga e insistita sequenza erotica iniziale si poteva fare tranquillamente a meno.
I gusti di Beffardo57 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Neapolis  14/7/18 11:22 - 169 commenti

Molte pellicole negli ultimi tempi sono ambientate a Napoli ma Napoli non è una location qualunque e Ozpetek sbaglia di grosso a voler rappresentare la magicità di una città ricorrendo agli stereotipi che la caratterizzano. Napoli è dramma e tragedia allo stesso tempo e ciò può essere reso solo attraverso le voci e il grido di dolore che si leva dal popolo. Questo manca del tutto al film e spiace per gli attori impegnati (tranne Barra, il cui viso disgustato la dice tutta). Deludente.
I gusti di Neapolis (Drammatico - Horror - Thriller)

Macbeth55 6/1/18 0:56 - 32 commenti

Napoli è ormai una città senza un’identità precisa; o meglio, è frammentata in cocci di vario tipo tra cui purtroppo una inutile borghesia biodegradabile dall’effetto social, virtuale e non. Quindi l’effetto Napoli cinematografica è assolutamente oleografico senza mai essere drammaturgia, ma solo un set nelle mani di un buon direttore della fotografia. In quest’ottica "Napoli velata" è un film qualunque, né bello né brutto, che si accartoccia su una sceneggiatura che fa acqua da tutte le parti. Bellissime le musiche, orribili i costumi.
I gusti di Macbeth55 (Commedia - Documentario - Fantascienza)

Mario976 4/2/18 18:30 - 1 commenti

Prima volta che Ozpetek mi delude. Il cast non è dei migliori (Peppe Barra un gigante, la Mezzogiorno bravina, gli altri così così), ma in generale sia gli attori sia l’ambientazione napoletana appaiono incompiuti, frenati, abortiti. Forse il regista, romano di adozione, dovrebbe girare solo a Roma. La mia Napoli sembra artificiosa e un po' stereotipata, la trama banale, lo svolgimento a singhiozzo, l’indugiare sul corpo del protagonista esagerato.
I gusti di Mario976 (Documentario - Giallo - Poliziesco)