Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ROAD OF THE DEAD

All'interno del forum, per questo film:
Road of the dead
Titolo originale:Wyrmwood
Dati:Anno: 2014Genere: horror (colore)
Regia:Kiah Roache-Turner
Cast:Jay Gallagher, Bianca Bradey, Leon Burchill, Keith Agius, Berynn Schwerdt, Luke McKenzie, Cain Thompson, Damian Dyke, Yure Covich, Catherine Terracini
Visite:317
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/2/17 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 8/3/17
Dall'Australia un film di zombi che ci ricorda come da lì venisse pure Mad Max. Solo alla lontana però, perché se escludiamo certi costumi dal look "postatomico" e una macchina “ingrigliata” alimentata originalmente, dell'eredità di Miller resta poco. Qui l'ambito è quello del tipico zombi-movie moderno, dove non si perde tempo in spiegazioni, la diffusione dell'epidemia è cosa fatta e ci si concentra sull'azione. Barry (Gallagher), dopo aver cercato di portare inutilmente in salvo moglie e figlia dall'orda famelica, se le trova contaminate e finisce col doverle accoppare a colpi di sparachiodi; nel frattempo sua sorella Brooke (Bradey), in altra zona, evita un attacco zombesco ma viene catturata dai soliti militari in tenuta antigas che la rinchiudono in uno sgabuzzino-laboratorio assieme ad altri non morti per esser studiata. Nelle sue vene scorre sangue A-negativo e per questo ha la fortuna di non poter essere contagiata, tanto che prima o poi sfuggirà alla prigionia riunendosi al fratello. Diciamo pure che l'orrore legato al buio e alla suspense ha poco o nulla a che vedere con il film di Kiah Roache-Turner (anche sceneggiatore assieme al fratello Tristan), girato quasi sempre in pieno sole e tra fiumi di sangue che sgorgano da teste fatte esplodere in nuvole rosse a dire il vero non troppo realistiche. Non è comunque certo agli effetti speciali - indubbiamente efficaci - che si può imputare il relativo fallimento del film quanto piuttosto a una sceneggiatura che esauriti i pochi spunti si limita a far scontrare i protagonisti con i non morti lavorando di montaggio e veloci primi piani secondo uno schematismo ben poco personale, lontano da poetiche romeriane ma anche dalla sottile ironia dei morti viventi di O'Bannon. E' una sorta di demenziale dalla mano pesante quello di ROAD OF THE DEAD, dove un professore in tipica tenuta antivirus si dimena e danza nel suo laboratorio al ritmo della "Get Down Tonight" della KC & The Sunshine Band mentre conduce esperimenti sulla povera Brooke. Barry invece, eroe senza macchia (si fa per dire, dal momento che è ricoperto da schizzi ematici in ogni dove), combatte nel bosco presto al centro dell'azione. Non c'è dubbio che qualche trovata simpatica esista (le alitate pestilenziali degli zombi abilmente convertite addirittura in carburante per auto!), che qualche guizzo di originalità faccia alzare il sopracciglio (la capacità di Brooke di poter guidare le orde di non-morti), ma la troppa "rumorosità" del tutto, associata alla sterile monotonia degli scontri, trasforma il film in un trascurabile action ipervitaminico che si compiace dell'ottimo lavoro di make-up e della buona tecnica registica senza metterli al servizio di scene che posseggano un minimo di respiro, raccontate all'interno di una trama guazzabuglio inconcludente assemblata male e affidata a un cast insignificante lontanissimo dal potersi definire valore aggiunto. Sarà forse anche la fotografia tanto priva di fascino, ma l'impressione - dopo una prima parte che sembrava promettere discretamente - è quella di uno zombi-movie per caso, deprivato di ogni poesia e – tematica a parte - associabile a generi ben diversi.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 24/2/17 12:59 - 4301 commenti

Una bella scoperta. Si tratta di uno zombimovie, che non si preoccupa di spiegare il perchè (stelle cadenti?), ma fa in modo di interessare lo spettatore tramite l'azione, personaggi a dir poco singolari (su tutti, una sorta di scienziato pazzo in tuta protettiva), sangue, teste che scoppiano e zombi che urlano come maiali sventrati. In più, il loro sangue ha una simpatica caratteristica (a tempio), che risulterà molto utile, visto il rovescio della medaglia. Senza alcuna pretesa, ma onestamente piacevole e, qua e là, divertente, al limite del demenziale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Messa a dormire "come una volta"; Il sangue "focoso"; "Dobbiamo corazzarci...roba seria"; La sveglietta dello scienziato ballerino per la siringona.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Taxius 17/10/17 19:54 - 1266 commenti

Originale zombie-movie ambientato in mezzo al nulla australiano. L'idea di base è divertente e, come detto, originale in quanto gli zombi vengono usati dai vivi come una sorta di fonte d'alimentazione, perché il loro sangue funge da benzina. Si tratta di un film semiamatoriale sia per quanto riguarda la recitazione che per gli effetti speciali. Non è nulla di eccezionale ma nel marasma di zombie-movie tutti uguali almeno qui si può vedere qualcosa di diverso.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Pumpkh75 9/5/17 14:06 - 1174 commenti

Come per le barzellette, bisogna saper raccontarle: dopo tanti narratori improvvisati, ecco finalmente un zombie-movie di quelli ruspanti e freneteci, con poca pecunia ma con i cari estinti protagonisti senza intrusi e una declinazione secondo il modus Mad Max affatto invasiva e utilissima alla forma. Personaggi strampalati, trovate bizzarre, sano splatter: peccato non si sia continuato con un anticonformismo dentato fino all’usuale finale aperto. Bellissimo, per colori e pathos, l’attacco durante il servizio fotografico. A-.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Gestarsh99 18/6/19 16:58 - 1150 commenti

Brancicando e mugugnando attraverso il bush australiano, il classicismo dei revenants monta al volo su un pick-up fortificato e abbraccia l'innovatività velocizzante di un mash-up "locale" di madmaxismo e jacksoniano spinto: armamentari macelleschi, loriche corazzate, psicocinèsi manipola-zombi, fiati pestilenziali infiammabili da usar come fonti energetiche alternative (!). Camera nevrastenica, strappi di montaggio e repentinità sincopate alla Wright/Aronofsky, razioni da cavallo di auto e meta-ironia. Una nuova mitogenìa si prospetta all'orizzonte di tutti i "romeròfili" dalle larghe vedute.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli zombi "catalitici"; Lo scatenato mad-doctor; La ragazza emotrasfusa che acquisisce il potere di "burattinare" i morti viventi...
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Kinodrop 22/5/17 17:48 - 1048 commenti

Un'imprecisata epidemia trasforma in zombi gli abitanti di un imprecisato luogo australiano; il resto è tutta azione e splatter che non danno nessun brivido né un minimo di partecipazione. Un avvio quasi discreto in ambiente familiare degenera subito in un guazzabuglio di teste mozzate, corpi scoppiati e una dovizia di grugniti mefitici; alcune trovate grottesche e "auto-ironiche" salvano un po' la parte finale: il fuoristrada corazzato alimentato a sangue zombesco, l'aborigeno con tanto di boomerang e lo scienziato pazzo ballerino. Puro intrattenimento.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)