Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SOTTO L'OMBRA

All'interno del forum, per questo film:
Sotto l'ombra
Titolo originale:Under the Shadow
Dati:Anno: 2016Genere: horror (colore)
Regia:Babak Anvari
Cast:Narges Rashidi, Avin Manshadi, Bobby Naderi, Ray Haratian, Arash Marandi, Bijan Daneshmand, Sajjad Delafrooz, Behi Djanati Atai, Hamid Djavadan, Soussan Farrokhnia, Aram Ghasemy, Nabil Koni
Note:Aka "L'ombra della paura", "Under the shadow - Il diavolo nell'ombra".
Visite:482
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/1/17 DAL BENEMERITO CAPANNELLE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 3/2/17 22:52 - 6797 commenti

Horror iraniano, con i ritmi tipici (ma non troppo lenti) di quel cinema lì, che sa destreggiarsi abbastanza bene tra genere (storia di fantasmi), dramma (della guerra e della condizione femminile) e metafora. Nulla di eccezionale, per carità, ma la sceneggiatura è accettabile ed il film abbastanza fruibile. Così i novanta minuti passano in fretta e magari alla fine della visione qualcosa resta, se non altro per l'ambientazione insolita. Non male, dopotutto.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 21/7/17 12:26 - 7433 commenti

La storia in se stessa non presenta elementi di novità: una madre stressata col marito lontano, una bimba lagnosa che vede e parla con una presenza legata ad antiche leggende, rumori sospetti e fuggevoli apparizioni. Quello che la rende particolare è ambientazione e contesto: a Teheran al tempo dei bombardamenti iracheni, per una donna fuggire in strada in preda al panico senza essersi coperta il capo è un reato che può essere punito con le frustate, come ricorda severo un commissario di polizia alla protagonista. Orrore reale, più spaventoso di qualsiasi creatura partorita dall'immaginazione.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 24/1/17 14:37 - 3469 commenti

Particolare mistura tra ambientazione e ritmo dell'Iran anni 80 (e conseguente accenno a tematiche ancora irrisolte nel mondo arabo) e i tipici effetti dell'horror occidentale, artigianali ma efficaci. Lo script funziona abbastanza e permette alla brava Rashidi di delineare le aspirazioni e le ansie del personaggio. Una bambina meno "tonta" però potevano trovarla, oltre a impiegare risorse migliori per la fotografia e scenografia.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Hackett 5/1/18 10:32 - 1561 commenti

Curioso e riuscito horror iraniano che ovviamente si avvale di un'ambientazione insolita e possiede più di un piano di lettura. Se da un lato infatti si tratta di un horror di "infestazione" abbastanza ordinario e nemmeno troppo approfondito, dall'altro restituisce un quadro indicativo di quanto sia difficile la vita delle donne all'interno di stati a regime islamico, ben più opprimenti e minacciosi delle minacce ultraterrene utilizzate nella storia.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Mco 6/2/17 11:56 - 1994 commenti

Casa infestata da strane presenze in Medio Oriente. Già questa premessa varrebbe la visione di quest'insolito horror. Una donna che si ribella alle imposizioni religiose e politiche, gira a piedi nudi e senza velo, ascolta musica occidentale e (addirittura!) segue le lezioni di Jane Fonda in vhs. Ma c'è di più, con quelle entità che appaiono come una longa manu dell'estrazione del potere, che coarta e irretisce. Qualche sussulto, una bimba dal viso inquietante ma soprattutto il contesto di guerra in lande senza pace. Discreto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Ma dove sta andando in quello stato, crede di essere in Europa?".
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Minitina80 15/11/18 18:19 - 1810 commenti

Raro imbattersi in un horror iraniano, soprattutto se tocca argomenti legati a case infestate e oscure presenze. Sullo sfondo troviamo la guerra tra Iraq e Iran e le difficoltà delle donne di inserirsi nella società. Lo scenario parrebbe interessante avendo molteplici situazioni da cui attingere, eppure non riesce a prendere il via e per troppo tempo rimane ancorato in un limbo in cui non c’è niente di veramente rilevante. Nell’ultimo quarto d’ora si ricorda di alzare il livello di adrenalina e dimostra di saperci fare, ma è tardi.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Pumpkh75 11/1/18 13:28 - 1116 commenti

Chi fa più paura, il demoniaco Djinn svolazzante o l'oscurantista Teheran sotto bombardamento? Nel porre l’enigma, Anvari è notevole nel tratteggio dell’epoca (il desiderio nascosto di occidentalizzazione, la religione e il regime che opprimono) ma si smarrisce nella parte prettamente di genere forse proprio per una diversa cultura di base, facendo inoltre un uso di metafore troppo leggibili per intrigare con forza. Bene la protagonista mentre la bambina, poverina, è inadatta. C’è più di una riserva ma se ne può consigliare la visione.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Taxius 30/11/17 16:36 - 1072 commenti

Horror iraniano molto interessante e ben girato che, pur partendo da uno spunto ampiamente abusato come la casa infestata, riesce a creare tensione, paura e pure a far riflettere su quella che è la situazione della donna in paesi come l'Iran dopo la rivoluzione islamica. La presenza infestante è un maligno djinn, figura propria della cultura islamica. Un film d'atmosfera capace di inquietare pur senza mostrare praticamente nulla; ovviamente scordatevi scary jump, mostri o sangue. Promosso.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Kinodrop 18/8/17 18:21 - 860 commenti

Teheran: agli orrori effettivi della guerra e a quelli di una situazione restrittiva e crudele specie contro le donne, si aggiunge una discutibile interpolazione legata alla presenza dei jinn o spiriti inquietanti che si insinuano tra gli uomini condizionandone il destino. Il dislivello tra la reale condizione iraniana di quegli anni e le fantasticherie più o meno condivise dalle protagoniste madre e figlioletta è fuorviante e distoglie dalla partecipazione al "dramma". Del genere horror c'è ben poco, si salva la prova della protagonista e poco più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La fissazione della noiosa bimba per la bambola perduta.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Fedeerra 27/11/17 5:53 - 268 commenti

Un horror dall'aspetto semplice, che scava nell'irrimediabile solitudine dei personaggi e che riesce a creare uno strato di paura onnipresente. Il film vuole anche mostrare un lato difficile dell'infanzia (quello che lega una bambina a una madre insoddisfatta) senza manifestazioni di infantilismo o eccessi di drammaturgia. L'orrore c'è, fuori e dentro casa; tra fantasmi legati a credenze religiose e quelli creati dalla guerra. Una guerra che, come dice la protagonista, sembra non cessare mai.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)