Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DAI SBIRRO

All'interno del forum, per questo film:
Dai sbirro
Titolo originale:Adieu poulet
Dati:Anno: 1975Genere: poliziesco (colore)
Regia:Pierre Granier-Deferre
Cast:Lino Ventura, Patrick Dewaere, Victor Lanoux, Julien Guiomar, Pierre Tornade, Françoise Brion, Claude Rich, Michel Peyrelon, Claude Brosset, Gérard Hérold, Gérard Dessalles, Jacques Rispal, Patrick Feigelson
Note:Tratto dal romanzo di Raf Vallet (pseudonimo del giornalista Jean Laborde), "Adieu poulet!" (1974).
Visite:341
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/11/16 DAL BENEMERITO GIUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Myvincent
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Nicola81, Pessoa
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Fauno
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Rufus68, Gius


ORDINA COMMENTI PER:

Rufus68 14/9/17 21:38 - 2257 commenti

Poliziesco un po' trito e di scarsa tensione che vive esclusivamente sul duetto degli attori: il grande Lino Ventura, ovviamente, un blocco di granito con la cravatta, simbolo del vecchio ordine "onore e lealtà" e la promessa Dewaere, concitato e disilluso, antesignano del detective che non crede più a nulla. Il resto è contorno: un piattino né carne né pesce che non soddisfa deciso alcun palato.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Myvincent 15/1/19 7:28 - 2171 commenti

Non lasciatevi ingannare dal titolo all'italiana, perché trattasi di un solido poliziesco con implicazioni politiche da seguire attentamente, vista la sceneggiatura complessa e il ritmo dei suoi snodi. Un mostro sacro come Lino Ventura è vis-à-vis con l'eclettismo di Patrick Dewaere e così l'ennesimo contrasto caratteriologico si profila come carta vincente dell'intera operazione. Piatto sostanzioso per palati raffinati.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Fauno 28/4/17 0:58 - 1744 commenti

Ottimo come sempre il Lino d'Oltralpe, Non eccelle il soggetto, seppure sia ottimo lo stratagemma adottato dal commissario per prolungare il servizio a Parigi al fine di compiere una giustizia che invece verrà da sé quando ormai a lui non importerà più nulla. Anche Dewaere, a noi noto per La stanza del vescovo, se la cava bene, solo che questo è il più classico esempio degli antipodi del poliziottesco italiano: chi ama i film d'azione rischia di trovarlo poco incisivo nella conclusione e troppo cervellotico nel suo svolgersi. Per me è salvabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quando scaccia gli Hare-Krishna dal commissariato lanciandoli come fantocci giù dalla scalinata; Le performance con l'altoparlante, specie la prima.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 27/11/17 16:02 - 1545 commenti

Buon prodotto che oscilla tra il poliziesco e il cinema di denuncia (si parte da un duplice omicidio che funesta la campagna elettorale). La regia di Granier-Deferre è a tratti legnosa, ma garantisce un buon ritmo e la storia si segue con interesse sino al giustamente beffardo epilogo. Sempre grande Ventura nei panni del commissario brusco e inflessibile, bei personaggi di contorno l'ispettore tra il serio e la macchietta di Dewaere, il politico arrampicatore di Lanoux, l'accomodante questore di Guiomar, il giudice zelante ma ingenuo di Rich.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'agguato in ospedale; Il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Pessoa 9/1/19 13:58 - 867 commenti

Robusto polar di Granier-Deferre che contiene alla perfezione la maschera del grande Lino Ventura. La trama noir a sfondo politico non è grande cosa ma una sceneggiatura essenziale contribuisce a tenere alta la tensione. Ritmo non esaltante come da tradizione nei polizieschi d'oltralpe ma l'azione non manca, soprattutto nella seconda parte. Regia attenta e quadrata che lascia pochi spazi ai salti di fantasia, cast in buona forma dominato da un Ventura sontuoso. Si lascia guardare ma siamo comunque lontani dai grandi esempi del genere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Verjeat è a Montpellier. Ciao sbirro!" (Ventura).
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Gius 12/11/16 18:17 - 36 commenti

Discreto poliziesco francese ambientato a Rouen. Non è certamente tra i migliori film di Ventura, che interpreta un ruolo a lui abbastanza congeniale come quello del comissario. Film che si inserice in un filone (il poliziesco-politico) che in Francia era in auge negli anni 70. Il contrasto tra la politica, i vertici giudiziari e la polizia è abbastanza bene rappresentato. Peccato che la trama, seppur incalzante, risulti un po' lenta.
I gusti di Gius (Giallo - Horror - Poliziesco)