Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BASKIN - LA PORTA DELL'INFERNO

All'interno del forum, per questo film:
Baskin - La porta dell'inferno
Titolo originale:Baskin: Karabasan
Dati:Anno: 2015Genere: horror (colore)
Regia:Can Evrenol
Cast:Gorkem Kasal, Ergun Kuyucu, Muharrem Bayrak, Mehmet Cerrahoglu, Fatih Dokg÷z, Sabahattin Yakut, Berat Efe Parlar, Sevket Suha Tezel, Seyithan Ízdemir, Sevinc Kaya
Note:Proiettato al V Film Festival turco di Roma con il titolo "L'assalto: un incubo",
Visite:1109
Il film ricorda: Hellbound: Hellraiser 2 - Prigionieri dell'inferno (a Undying), Reeker - Tra la vita e la morte (a Undying), Shadow - L'ombra (a Undying)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/7/16 DAL BENEMERITO DEEPRED89

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Undying 15/10/16 14:08 - 3875 commenti

Caotico, confuso, incerto e sicuramente non nuovo per quanto - fatte le debite differenze - debitore del nostrano Shadow, di Reeker e altri modesti horror che certo non hanno lasciato traccia del passaggio cinematografico (tanto meno home video). Certo, trattandosi di prodotto turco, stupisce per la prima mezz'ora davvero ben girata e in grado di rapire l'attenzione, poi purtroppo sfiora il patetico con la rappresentazione di scene splatter fini a se stesse e fuori contesto narrativo. Si dice il regista omaggi Barker (Cabal), ma se Ŕ vero lo fa ma malissimo!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I rospi.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Schramm 6/2/18 15:53 - 2314 commenti

Ci voleva la Turchia, solitamente ricordata quale madrepatria del remake-trash, per vedere sovvertiti parametri e perimetri dell'ortodossia horror con una sophia figurativa che lascia storditi d'ammirazione. Evrenol, Eresiarca dell'horror tutto e pronipote di Pinhead, fa della mise en abyme moebiusiana un grimaldello per scardinare sensi e ratio, confezionando imprevedibili trame ipnagogiche che confinano nell'angolo con orecchie da somaro O'Malley e DiBlasi in una totentanz sognata da Sutter Cane. La fotografia, sfruttata come script 2.0, applica il teorema di Euclide al triangolo della Paura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'orgia S/M nelle segrete; il sogno subacqueo; la ost che a capocchia va in zona Deodato.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 31/12/18 12:25 - 7006 commenti

Buon horror ottomano che dopo un'ottima prima ora, cade sul pi¨ bello quando Ŕ il momento di sciogliere le fila: cosa che viene fatta senza troppa fantasia e senza convincere (l'Inferno turco, con molta sapiditÓ barkeriana, non Ŕ diverso da quello visto tante altre volte in altre pellicole). Fin lý invece il carico di mistero accumulato era notevole ed aveva intrigato non poco. Peccato anche per qualche passaggio di sceneggiatura poco chiaro che andava curato meglio. C'Ŕ anche del metaforico, o cosý sembrerebbe, ma ci˛ lascia il tempo che trova. Manca di qualcosa per stagliarsi nella memoria.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 9/2/18 8:03 - 8073 commenti

Notte senza fine per un pattuglia di poliziotti turchi perduta in una selva oscura disseminata di rane: l'anticamera di un inferno popolato da baccanti e mostri mitologici, anche se un personaggio avverte che il vero inferno Ŕ dentro di noi, fornendo una possibile chiave di lettura: l'incubo circolare in cui resta intrappolato il giovane agente Ŕ forse una punizione per la trasgressione infantile? ossia, l'amplesso immondo a cui Ŕ costretto ad assistere Ŕ la proiezione di quello immaginato tanti anni prima attraverso una porta chiusa? Pur squilibrato nel suo andamento, un horror affascinante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le mani gigantesche immerse a schermire il corpo che sta affondando; La donna-bestia che avanza carponi .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 5/7/16 0:10 - 3107 commenti

Il turco Evrenol, per 2/3 di film, dona all'horrorofilo ci˛ che ha sempre sognato: atmosfera cupissima e senza fronzoli, misteri su misteri, tensione alle stelle, un perfetto equilibrio tra orrore mostrato (anomalo, fulmineo, ripugnante) ed evocato, prendendosi pure il tempo per annientare l'immagine della polizia turca senza uscire fuori tema. Poi nell'ultima parte l'ingranaggio si spezza e il film deraglia verso i triti lidi del torture porn (versione ottomana): il grossolano incombe e un possibile gioiello sprofonda nella medietÓ.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Mco 15/11/16 12:17 - 2076 commenti

Catabasi turca per un manipolo di poliziotti in mezzo al nulla. Se in taverna si respirano sentori di Bravi ragazzi ("perchÚ ridi tu?"), appena se ne esce l'olezzo diventa man mano pi¨ insopportabile, intriso delle fragranze tipiche dello zolfo. Le rane ci segnalano un'amara profezia, i bad cops sprofondano nei loro peggiori incubi. Il sangue e le barbarie riportano immediatamente ai gironi danteschi, raggiunti infatti dopo aver disceso ripide scale. Un gioiello di tensione e orrori che ripercorre vecchie vie per giungere a nuove destinazioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La canzone a tutto volume sparata dalla radio del camioncino; L'epifania del Padre-Diavolo.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Trivex 21/8/19 8:50 - 1413 commenti

Un horror a tratti piuttosto estremo, con elementi complicati rispetto a un ci˛ che si vede e che, in particolare nell'ultima parte, diviene sostanzialmente semplice. La dimensione dell'orrore non Ŕ esplicitata completamente; la spirale di nebbia avvolge i personaggi alternando passato e presente sino a un finale in cui a trionfare Ŕ solo la follia. Migliorabili i dialoghi, ottime invece le location, con l'edificio degli orrori che si mostra pian piano attraverso le torce dei malcapitati. Complessivamente un buon film ma di nuovo, sotto il sole, c'Ŕ ben poco.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rufus68 29/10/18 23:05 - 2626 commenti

Parte discretamente lasciando presagire una storia trita, ma con personaggi definiti. Si inabissa, poi, assai velocemente, in un classico "horror baluginante" ovvero in un orroricchio in cui, fra tenebre (tante) e squarci di luce (pochi), si risparmia sul budget senza far capire troppo. Sbraca nell'ultima mezz'ora a nadir da presa per i fondelli con accoppiamenti satanici e mostriciattoli spelacchiati. Pare, ma non Ŕ detto, che tale minestrone avariato alluda alla leggenda ebraica del Dibbuk (o quel che Ŕ). Da evitare come la peste.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Didda23 19/4/17 10:44 - 2110 commenti

Per pi¨ di metÓ film si respira un'atmosfera da grande cinema di genere, con personaggi azzeccati e una tensione che si fa sempre maggiore; peccato che la seconda parte offra soluzioni trite e ritrite (reminiscenze barkeriane e il tanto modaiolo torture) che fanno scendere il livello complessivo della pellicola. Non rimane che gustarsi i dialoghi della prima parte, le soluzioni registiche e una buona capacitÓ di confezionare il tutto con una notevole fotografia. Il regista ci sa fare, speriamo che in futuro possa contare su una migliore sceneggiatura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il racconto del poliziotto con la donna e "sorpresa"; Il momento goliardico sull'autobus; L'ingresso nell'edificio abbandonato.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Rigoletto 31/8/16 11:34 - 1401 commenti

Classico esempio di film "non per tutti" che riesce a smuovere le emozioni dello spettatore. Notevoli sia la costruzione che l'ambientazione, curate dal regista Evrenol con sorprendente attenzione. Ma se il contenitore, chiaro a tutti, Ŕ oggetto di lode, non altrettanto si pu˛ dire per il contenuto, il quale, complici anche differenze culturali e di tradizione, non pu˛ essere apprezzato appieno a meno di non avere un po' di conoscenza di... cose turche. Comunque la promozione Ŕ meritata.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Pumpkh75 9/11/16 13:27 - 1194 commenti

Mamma li turchi! Angosciante discesa negli Inferi a metÓ tra la sconvolgente frammentazione dei peggiori incubi e lo stordimento psicotropo, spennella simbolismi e brandelli torture porn su una tavolozza surreale, rimanendo in sospensione tra Barker e il Rob Zombie pi¨ allucinato e donandoci una chiave simbolica che non sappiamo in quale toppa infilare. Il coinvolgimento visivo Ŕ ai massimi livelli, quello celebrale idem in quanto incatenato ai stridenti ganci dellĺirrazionalitÓ. Stordito, confuso e ammaliato, sentitamente ringrazio.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Kinodrop 27/2/17 17:59 - 1088 commenti

Cinque poliziotti turchi dai metodi a dir poco spicci sono inviati per un sopralluogo in un misterioso edificio "abbandonato". Qui si scatenerÓ un vero incubo da girone infernale, tra creature indefinite, sacrifici, sangue e tante rane. La scenografia e qualche inquadratura sono notevoli (specie nella prima parte di attesa e mistero), per˛ nell'insieme siamo di fronte a una storia artificiosa e senza costrutto, che vorrebbe strafare e atterrire, ma senza una struttura che renda "verosimile" anche il fantastico. Nessun momento di vera tensione.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Jdelarge 22/7/17 2:38 - 714 commenti

Si salvano i primi trenta minuti in cui la tensione Ŕ alta e a livello scenografico tutto sembra ben calibrato. Il resto del film, invece, Ŕ assolutamente trascurabile. Il genere horror Ŕ un campo dalle sconfinate potenzialitÓ: pu˛ comunicare un contenuto di spessore, pu˛ essere un semplice esercizio di stile (cosa assolutamente degna) e pu˛, pi¨ semplicemente, configurarsi come perfetta macchina narrativa. In questo film, invece, non c'Ŕ nulla di tutto ci˛ e la regia, salvo qualche sprazzo di qualitÓ, si perde in spicciole scabrositÓ.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Pesten 17/1/18 13:39 - 527 commenti

Inizia bene, procede in maniera decente trasformandosi in un prodotto cupo e forte, dopo aver dipinto in maniera decisamente negativa le forze dell'ordine turche e poi cala clamorosamente nella seconda metÓ quando si cerca di farlo diventare un qualcosa di giÓ visto nel cinema tipicamente occidentale. Una sorta di setta/culto capitanato dal fratello radioattivo di Johnny Dorelli e nonostante le scene di violenza decisamente toste, la storia prende una piega quasi ridicola, con tanto di (presunto) colpo di scena che non funziona.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)