Cerca per genere
Attori/registi più presenti

COME TI ROVINO LE VACANZE

All'interno del forum, per questo film:
Come ti rovino le vacanze
Titolo originale:Vacation
Dati:Anno: 2015Genere: commedia (colore)
Regia:John Francis Daley, Jonathan M. Goldstein
Cast:Ed Helms, Christina Applegate, Skyler Gisondo, Steele Stebbins, Chris Hemsworth, Leslie Mann, Chevy Chase, Beverly D'Angelo, Charlie Day, Catherine Missal, Ron Livingston, Norman Reedus, Keegan-Michael Key, Regina Hall, Michael Peña
Note:Nonostante sembri un remake è in realtà un sequel, di "National Lampoon's vacation", essendo Rusty (Helms) il figlio di Clark (Chase) e Ellen Griswold (D'Angelo).
Visite:647
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/8/15 DAL DAVINOTTI
Curioso remake in forma di sequel, dal momento che il capofamiglia (Ed Helm) risulta essere il figlio di Clark Griswold (Chevy Chase), deciso a ripetere l'epico viaggio in auto fino a Walleyworld che aveva fatto coi suoi da piccolo. Una buona scusa per ripetere l'esperienza, insomma, durante la quale si verificheranno più o meno lo stesso tipo di avventure che avevamo visto nell'originale. La differenza sta soprattutto nel carisma del novello Clark, imparagonabile a quello che aveva fatto di Chevy Chase una star (al contrario la Applegate si rivela più sexy e simpatica di Beverly D'Angelo): l'ingenuità mista all'ostinata convinzione di essere sempre nel giusto di Clark lo aveva reso personaggio unico e indimenticabile, regalando a Chase il ruolo della vita; diversamente Helm si limita a seguire correttamente il copione senza aggiungere molto di suo. Gli fa gioco però una sceneggiatura più esplosiva, ragionata, in cui qualche gag esilarante nobilita comunque il film, partito col piede giusto grazie a titoli di testa particolarmente spiritosi sulle note dell'immortale "Holiday Road" di Lindsey Buckingham (un autentico inno, per i fan dell'originale), riveduta e corretta. L'auto scelta non è più il cassone decorato d'un tempo - che verrà riportato in scena nel finale - ma un'orrenda scatola blu albanese, ricca di pulsanti misteriosi come nemmeno l'Aston Martin di 007 (c'è persino un pulsante con l'icona di una svastica!). Le tappe sono diverse, ognuna legata a qualche sketch diluito in cui i nostri eroi affronteranno gli imprevisti più svariati. Non mancano nemmeno questa volta la ragazzina innamorata del figlio maggiore, la bellona che occhieggia dall'auto che sorpassa, la tappa dal “cugino” un po' bizzarro (allora Randy Quaid, oggi Chris Hemsworth), che in realtà questa volta è il marito della sorella... Studiate singolarmente le scene sono anche più divertenti di allora, e per questo si può dire che l'operazione un suo perché ce l'ha. Si ride in più occasioni, insomma, e non si può dire che anche nell'originale qualche fase di stanca non ci fosse. Se la famiglia risulta meno credibile e unita rispetto ai Griswold originali, in ogni caso è comunque ben scelta e non si può dire non funzioni. L'umorismo particolare, che prende di mira la famiglia per giungere a sottolinearne il profondo senso di complicità nel finale, è mantenuto. Alcune gag restano in mente (il navigatore con stentorea voce orientale, "Se lo fa Vin Diesel perché non dovrei riuscirci io?", Hemsworth che esibisce l'enorme pene sotto gli slip, la corsa della birra...), le volgarità aumentano (il bagno nella fogna a cielo aperto) e il finale a Wolleyworld delude, ma lo spirito è quello giusto e rivedere Chevy Chase e Beverly D'Angelo in coppia a gestire un bed & breakfast scalda il cuore. Non lasciano troppo il segno, a dire il vero, ma nel ruolo ci stanno eccome e chiudono degnamente un buon remake, che conferma il valore comico del primo storico capitolo aggiornandolo con intelligenza e rispetto (a Wolleyworld riecheggia persino "Momenti di gloria").
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 20/9/19 5:52 - 10957 commenti

Sequel di una non memorabile commedia degli anni 80, diretta da Harold Ramis, ha per protagonista il figlio del personaggio originale alle prese con una vacanza familiare. Siamo più o meno sugli stessi livelli qualitativi; si tratta di una commedia leggera, con momenti comici riusciti, frutto di una discreta scrittura (il navigatore che parla in coreano è forse l’idea migliore, insieme alla parentesi nel ranch), laddove in altri il ritmo cala un po’. Protagonisti in parte. Simpatica ma non essenziale l’apparizione di Chase.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 20/8/15 11:20 - 4340 commenti

Sequel di un'indimenticata pellicola, che se non altro non danneggia l'originale, risultandone quasi una naturale conseguenza (il figlio che ripercorre le orme del padre, con risultati tragicomicamente simili). Se non si pretende troppo dagli attori, imparagonabili a Chase and family, ci si può abbastanza divertire, soprattutto durante la prima metà del viaggio, dove le gag riuscite sono piuttosto numerose, grazie anche alla "fantastica" auto con assurdi pulsanti dalle disastrose conseguenze. Poi il tutto scende lentamente di livello, riservando ancora qualche sporadico, simpatico momento.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il navigatore coreano; "Perdi i sensi!"; La moglie, detta "Debbie faccio di tutto"; I cespugli pieni di cose dure "Come esterna il protagonista".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Markus 18/8/15 19:59 - 2928 commenti

Certo Ed Helms non ha la forza comica del Chevy Chase originario, ma questo sequel ha di suo una migliore scrittura e qualche gag in più che di fatto lo salva dal confronto e ne esce inaspettatamente a testa alta, complice anche una sexy Applegate davvero in forma che si fa valore aggiunto. Sebbene la pellicola ricalchi di fatto le fantozziane vicende della famiglia Griswold annata ’83 nella collaudata formula del road-movie, c'è molta carne al fuoco scandita da ritmo e diverse situazioni ridanciane davvero felici.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Pinhead80 3/10/19 18:00 - 3484 commenti

Il fascino dello sgangherato road movie familiare rimane intatto anche a distanza di tanto tempo e ne conserva in maniera autentica la stessa forza. Ogni personaggio incarna una caratteristica differente che lo definisce e su cui si basano tutte una serie di gag. Il viaggio è sempre simbolo di una grande trasformazione che volente o nolente avviene. Alcune scene sono più riuscite di altre (la madre che vuole completare il percorso a ostacoli nel campus tra tutte) e nel complesso si ride spesso e quasi sempre di gusto. Ad averne, di film così.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Ryo 16/9/15 13:20 - 1908 commenti

Reboot che omaggia, anche sotto forma di sequel, il National Lampoon's vacation di 30 anni prima. Stavolta è il figlio di Clark che cercherà di portare i propri a Walley World seguendo le orme del padre. La regia è buona e i momenti comici sono stati utilizzati davvero bene: pur essendo in qualche caso "pesanti", riescono a non scadere mai nella volgarità gratuita. Apprezzatissime le comparsate di "Daryl" e di "Thor", nonché di un Chevy Chase invecchiato ma ancora simpaticissimo. Gradio anche l'utilizzo del classico tema "Holiday Road".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le acque termali e i fanghi; Zio Stone entra a dare la buonanotte; "Cos'è un anilingus?"; Kevin:" Lei è uno stupratore?".
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Taxius 22/9/19 17:22 - 1349 commenti

Divertente commedia demenziale on the road figlia di quel National Lampoon's vacation di ottantiana memoria. Il film funziona e diverte grazie a una sfilza infinita di gag quasi tutte riuscite e spesso molto spinte (basti pensare al bagno nei liquami o alla sfilata di Chris Hemsworth in mutande) ma mai volgari o eccessive. Il pregio principale è proprio quello di essere demenziale ma non stupido ed è cosa rara, per questo genere di film.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)