Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ESCORIANDOLI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 25/7/08 9:19 - 7102 commenti

Da un genio assoluto della comicità, nonché fulminante autore di cortometraggi, come Antonio Rezza ci si aspettava di più per la sua opera prima. In realtà Rezza regista e attore cuce insieme 5 episodi che mandano in brodo di giuggiole i fans ma che decisamente non sono all’altezza del suo teatro né dei suoi corti. Senza la scenografia spiazzante o l’inquadratura distorta, che avevano funzionato altrove, rimane solo un film strano e curioso, ma senza mordente. Peccato perché le storielle sarebbero belle e lui è bravo.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 5/11/15 17:16 - 5737 commenti

Strambo, surreale, ipergrottesco e non privo di carica rivoluzionaria e ironicamente polemica, il cinema di Antonio Frezza si sintetizza nei primi due episodi; in quelli successivi la formula è ormai nota e viene ripetuta di continuo dalle smorfie, dai buffi travestimenti e dal folle linguaggio dell'attore-regista. Di rilievo il cast femminile: in testa Valeria Golino, Isabella Ferrari, Carla Cassola e una Valentina Cervi giovanissima ma già di eminente personalità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La veglia funebre e le parole del morto; le cure della dottoressa; «Certo, certo, certo...»; «Diventiamo qualcosa...»; il piede anarchico.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Fabbiu 12/12/12 2:51 - 1852 commenti

Aggira le regole del cinema con una sperimentalità del tutto stralunata, dosando critica ironica ed estremizzazione nei caratteri. Rezza interpreta 5 personaggi protagonisti di 5 folli episodi grotteschi. La scelta delle inquadrature ha un forte impatto al punto da nascondere il basso budget. Imprevedibilità totale e scambi di battute surreali; a tratti potrebbe essere poco fluido per chi non conosce l'umorismo di Rezza, ma permette subito di rimanere stupiti e al tempo stesso un po' smarriti.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Paulaster 21/6/18 12:19 - 1948 commenti

Sequenza di episodi che mostra il talento teatrale di Rezza. Nello sguardo spiritato del protagonista si rappresenta un teatro dell’assurdo in situazioni differenti (la veglia, la guarigione di un’apatica, le scuse per un piede pestato). Più ficcante nelle scene singole, non sembra adatto per un lungometraggio (si veda ad esempio la parte con la Gerini). Ambienti surrealistici e inquadrature ravvicinate per dare forza ai dialoghi illogici. Buon cast femminile, ai tempi fresco di gioventù.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’eccesso di cortesia al negozio di scarpe.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Ryo 14/7/17 23:41 - 1712 commenti

Antonio Rezza in teatro è un genio a volte incompreso. Il suo stile o lo ami o lo odi. Se lo ami, questo film fa al caso tuo poiché ne ricalca in toto lo stile e i suoi particolari personaggi grotteschi e surreali dotati delle tipiche vocine. A differenziarlo dal prodotto teatrale non c'è solo la componente aggiuntiva di numerosi attori di contorno, ma anche un montaggio folle, inquadrature impossibili composte in maniera bizzarra, dalla logica frenetica e fuori dai canoni cinematografici. Visionario assoluto nei contenuti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Cortesia, cortesia, cortesia..."; Proveremo con la carta vetrata, alla ricerca della personalità sottocutanea.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Marcolino1 9/11/16 16:02 - 291 commenti

Le caricature di Rezza esplodono nel film in miriadi di meteore tematiche. Troviamo l'auto-martirio su un principio di bon-ton opposto alla maleducazione quotidiana, l'ipocrisia del lutto, il rovesciamento sarcastico del menage marito-moglie-amante, la mente sequestrata dall'istituzione governativo-cattolico-psichiatrica-lobotomizzante, il contrasto tra impegno sociale e asocialità metaforizzato con le parti del corpo, la città come discarica e covo di affaristi. Il tutto con frasi ermetiche, una gestualità convulsa e situazioni estreme e surreali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Se la vita eterna è come questa vita, allora viva la morte"; I parenti depennati su un elenco scritto durante le condoglianze; La suora-psichiatra.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)