Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CASTLE FREAK

All'interno del forum, per questo film:
Castle freak
Titolo originale:Castle Freak
Dati:Anno: 1995Genere: horror (colore)
Regia:Stuart Gordon
Cast:Jeffrey Combs, Barbara Crampton, Jonathan Fuller, Luca Zingaretti, Jessica Dollarhide
Note:Trasmesso da Duel tv col titolo "Il castello".
Visite:1368
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Dagli autori di RE-ANIMATOR ci si aspettava decisamente di più. Stuart Gordon, dopo essersi in qualche modo riconfermato a buoni livelli con FROM BEYOND e DOLLS, fatica da anni a partorire qualcosa di buono. CASTLE FREAK (girato in Italia) non è altro che un mediocrissimo gotico in cui Gordon ha cercato di rubare qualcosa al “Fantasma dell'Opera” e provato a sfruttare le tetre location per proporre una storia di una banalità unica: un padre di famiglia (il redivivo Jeffrey “Herbert West, rianimatore” Combs) che perde il figlio in un incidente stradale e, arrivato nel castello appena ereditato, sente strane “voci” che gli ricordano quelle del figlio scomparso. Preso da tutti per matto (pure dal nostro Luca “Montalbano” Zingaretti, il poliziotto del paese), è in realtà il primo a riscoprire lo strano freak del titolo, abbandonato lì da chissà quando e ritornato per uccidere chi viola la sua privacy. Girato quasi completamente al buio, privo di un benché minimo fascino, decisamente povero nella realizzazione, recitato alla meno peggio, non offre davvero nulla di buono salvo forse qualche timido effetto splatter e un make-up accettabile. Gordon punta a dare una caratterizzazione vagamente singolare al suo “freak” (lasciando il vero protagonista Combs in balia di se stesso) facendogli indossare un lenzuolo lercio che lo ripari dalla vista degli altri. Per il resto si limita a seguire le vittime predestinate nelle solite passeggiate notturne per i corridoi del castello secondo gli schemi più tipici degli horror senza idee. Suspense inesistente, musiche anonime dell'immancabile Richard Band. Soggetto di Gordon e Denis Paoli, sceneggiatura di Paoli e produzione “Full Moon” di Charles e Albert Band.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 8/9/08 1:32 - 2343 commenti

Little Stuart si perde nei corridoi del suo bel castello, con un film lesso e tutt'altro che marcondirondirondello. Tali sono sciatteria e pauperismo che si incunea il sospetto che Gordon abbia fatto da prestanome a un povero sfigato bisognoso di una spintarella, e tanta è la bruttezza che anche un suppliziante invocherebbe pietà davanti a 'sta scorfanata filmica. Ad aumentare il gradiente trashacchioso accorre uno Zingaretti alle prime armi, in una prestazione (il brigadiere cattiiivo cattiiivo) che ora gli dovrà suscitare non poca vergogna.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 31/10/15 0:40 - 7045 commenti

Punto di non ritorno (nel male) di un ex grande regista horror. La storia è abbastanza soporifera e per giunta con alcuni accenti "patetici" e qualche ombra trash e da vera "televonela". La storia prosegue piatta e senza particolari scossoni, fino al finale anch'esso piatto e senza sorprese. Insomma un vero pasticcio. C'è un Zingaretti giovane (già amante dell'arma, ma qui dei Carabinieri) e doppiato, ma dubito che se ne vanterà mai. Bruttissimo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rufus68 31/3/19 23:32 - 2660 commenti

Famigliola con bimba cieca si reca in castello con essere deforme allegato: e allora? Insipido alla massima potenza, sembra più una scampagnata in terra umbra che altro. La caratteristica del sopravvalutato Gordon, infatti, è una: buona tecnica, ma passione men che zero. Al di là del suo esordio registico non si ricordano momenti davvero memorabili nel carniere (benché, come detto, la fluidità narrativa sia apprezzabile). Discreto Combs. Zingaretti ha già un taglio alla Montalbano.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 27/5/16 18:24 - 1996 commenti

Soffre i limiti di una produzione non sfavillante, eppure non perde mai la dignità di horror di buona fattura. Il make-up del freak è più che soddisfacente mentre la regia di Gordon è precisa e non sbaglia i tempi. La trama non è poi così scontata e non bisogna affrettarsi a identificare il freak come il cattivo della situazione. Qualche ingenuità non manca: i carabinieri non fanno mai la cosa giusta e sono piuttosto goffi, mentre in alcuni momenti si poteva osare qualcosa di più. Soddisfacente.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Pumpkh75 18/9/19 13:41 - 1208 commenti

Buono il vino, Jeffrey? Mentre il simpatico Combs svuotava la cantina del castello, offscreen Band & company devono averlo aiutato poiché non c’è altra spiegazione per giustificare la superficialità, la pochezza e il tradimento dei nobili natali dell’operina. Parrebbe astemio solo John Vulich al make-up, visto che il freak è l’unica sostanziosa attrazione. Via, consoliamoci con le chicche italiche: la sempre bella Umbria, il sempre graduato Zingaretti e la sempre smutandata Offidani, si veda il Brass guardone. Un bel Gaviscon per tutti.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Anthonyvm 17/5/18 23:49 - 1037 commenti

Stuart Gordon è un bravo regista e lo ha dimostrato molte volte; qui alla sua tecnica non riesce però ad abbinare una storia sufficientemente intrigante, dato che la linearità di fondo (un mostro vive in un castello e tormenta la famiglia che lo abita) è eccessiva e i drammi familiari dei protagonisti non danno poi così tanto spessore. Il cast, tuttavia, è molto interessante (Combs, la Crampton, persino Luca Zingaretti!) e certi picchi di violenza e di sporcizia (il mostro deforme non scherza affatto) non sono male. Non ottimo, ma guardabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il "freak" che si aggira per il castello seminascosto da un lenzuolo, come un lercio fantasma dell'opera; Il finale tragico.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Jena 14/5/17 15:27 - 1037 commenti

Lo staff tecnico di Re-animator (Jeffrey Combs, Stuart Gordon e Charles Band in testa) si concede una vacanza nel Belpaese con questo horror ambientato in un castello dell'Italia centrale. Ma siamo lontani, molto lontano dai fasti dei classici precedenti. I soldi sono pochi e si vede, comunque qualcosa di salvare c'è: Jeffrey Combs (he rimane un grandissimo attore), le incredibili impennate di ferocia quasi argentiana (l'omicidio della prostituta, quasi insostenibile). Trama banalotta. C'è pure Zingaretti, commissario dei carabinieri.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Von Leppe 13/9/19 22:38 - 942 commenti

L'essere deforme tenuto prigioniero nei sotterranei del castello ricorda vagamente la leggenda del mostro del castello di Glamis in Scozia, ma qui l'ambientazione è italiana, con belle location che conferiscono al film un'atmosfera riuscita. Ci sono rimandi sessuali morbosi niente male che sfociano nello splatter. La pellicola nell'insieme è buona ma qualche calo è dovuto soprattutto al personaggio di Jeffrey Combs e alle sue sfuriate sentimentali verso la moglie, che risultano un po' pesanti.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Aal 15/10/19 9:20 - 255 commenti

Se non fosse firmato da Stuart Gordon forse il film avrebbe valutazioni migliori. È comunque, per atmosfere e montaggio, un onesto omaggio al cinema gotico italiano degli anni '70 (Gli orrori del castello di Norimberga di Bava o La bestia uccide a sangue freddo di Di Leo). Una certa sciatteria nella fotografia lo fa quasi sembrare una fiction nostrana del periodo e la presenza di glorie italiche come Zingaretti e Sarchielli non fa che rafforzare l'impressione. Di Lovecraft c'è assai poco.
I gusti di Aal (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Snowbird 21/6/18 14:19 - 4 commenti

Piccola perla del cinema a basso costo. Peccato per la recitazione: se gli attori non fossero così terribili il film avrebbe riscontrato davvero un buon successo, in quanto dotato di una buonissima storia che, seppur già "spolpata" a più non posso dal cinema horror, continua ad appassionare. Davvero azzeccatissima la scelta di Helen Stirling per la parte della madre del mostro: il suo volto non può non rimanere impresso.
I gusti di Snowbird (Documentario - Drammatico - Horror)