Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MOSTRO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 23
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
È incredibile quanto i tre film del Benigni regista (gli altri sono IL PICCOLO DIAVOLO e JOHNNY STECCHINO) siano accomunati dagli stessi, identici difetti (nonché dalle medesime, e innegabili, qualità): dopo tre film (senza contare NON CI RESTA CHE PIANGERE, diretto assieme a Troisi), più alcune partecipazioni di grosso prestigio con registi del calibro di Fellini e Jarmusch, Benigni non ha ancora imparato a strutturare i propri lavori secondo una vera logica. Così anche IL MOSTRO sembra più un’accozzaglia di sketch che non di scene montate per contribuire a raccontare una storia. E’ sicuro che ci si diverte nell'assistere a un Benigni massimamente cinico nel perpetrare i suoi piccoli furti (compreso quello di un nano da giardino), ma non va dimenticato che un film deve avere anche una sua precisa sceneggiatura, soprattutto se ci si affida ad attrici come Nicoletta Braschi e a comprimari bravi ma inadatti come Michel Blanc. Piace la crudeltà surreale della vita che Loris (Benigni) conduce nel suo condominio, perennemente in lotta con l'amministratore e i vicini, divertono il suo rapporto con l’insegnante di cinese e l’esame relativo (anche se palesemente in debito con l’Alberto Sordi di GUARDIA, GUARDIA SCELTA E MARESCIALLO). Purtroppo ogni episodio appare slegato, frutto di continue improvvisazioni ancorate al solito gioco degli equivoci. In ogni caso il pubblico ha di nuovo premiato Benigni con affluenze “mostruose” nelle sale confermando che comunque se si cerca un film comico (a suo modo pure originale) IL MOSTRO è una certezza.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 18/8/11 6:56 - 10868 commenti

Tra commedia e farsa si snoda il film scritto da Benigni e Cerami, diretto ed interpretato dall'attore toscano. Piuttosto "spezzettato" tra gag e siparietti comici di indubbio effetto, il film paga la mancanza di una sceneggiatura organica e una regia piuttosto modesta. Benigni giganteggia come attore in un film che diventa una parabola a favore della tolleranza.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 10/12/07 15:28 - 3875 commenti

Titolo omonimo di un celebre dramma (venato di giallo) diretto da Luigi Zampa nel 1977. Ma Benigni priva la storia di qualunque aspetto tetro o tragico per infracire -con sapiente preparazione- la sceneggiatura (co-redatta assiema al bravo Vincenzo Cerami) con esilaranti scambi di persona, sino a pervenire al succo del film: un fondo moralistico in favore del "diverso", del più debole e dell'emarginato. Diverte e fa riflettere, dunque, la 5a regia del genio italiano, unico baluardo di un cinema, ancor'oggi, di contenuto e di qualità.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pigro 25/10/08 9:44 - 7227 commenti

Tranquillo e squinternato omuncolo è scambiato per un maniaco sessuale e serial killer. Una classica farsa degli equivoci che Benigni interpreta al massimo della sua verve clownesca, in gag e sketch frammentati ma spassosissimi. Per il resto, rimane il solito discorso su Benigni: ottimo attore (particolarmente felice in questo film) e mediocre regista, che tra l'altro affronta sceneggiature con retrogusti sottili (qui il fragile confine tra verità e apparenza) senza approfondirli (come accade qui) o amplificandoli retoricamente.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 15/5/07 10:23 - 4284 commenti

Il film può contare su una prima metà decisamente riuscita (la festa, sega elettrica, il corso di cinese, la riunione di condominio - Mammolo - al supermarket). Poi la pellicola scivola sempre più inesorabilmente nella farsa, ogni tanto, anche di grana piuttosto grossa (l’idea in sè non poteva reggere più di tanto). Benigni è comunque una forza e, grazie a lui, il film merita di essere visto. La Braschi (come al solito) bisogna sopportarla: purtroppo è sempre in omaggio con tutto il pacchetto, come gli inutili allegati dei quotidiani.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 21/1/10 19:57 - 6896 commenti

Ultimo film veramente comico di Benigni prima della svolta buonista e falsamente e fasullamente poetica. Dopo un inizio un po’ in sordina, si inizia a ridere parecchio grazie ad un discreto ritmo condito da alcune trovate davvero riuscite e divertenti (quella dei nanetti ad esempio). La sceneggiatura è firmata col fedele Cerami. La Braschi purtroppo è onnipresente nei film del marito. Un Benigni più “ruspante” e “genuino” di cui a più di tre lustri di distanza si sente un po’ la mancanza.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Magnetti 21/4/07 23:51 - 1103 commenti

Buon film di divertimento. Ma nulla più. La comicità di Benigni è sicuramente efficace (la camminata a gambe piegate, il nano nell'armadio, i furti al supermercato etc). Azzeccata anche l'ambientazione nella periferia dei casermoni romani. Ma per favore non scomodiamo i piani alti della cinematografia. Questo film non è infatti superiore ai vari film orientati al botteghino all'italiana. Se oltre alle risate si vogliono ricercare altri significati, non ci siamo proprio.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Hackett 8/5/10 17:59 - 1593 commenti

Ad un passo dalla celebrità internazionale, che gli costerà un po’ di libertà di movimento e naturalezza, Benigni confeziona una commedia graffiante e divertente, a tratti spassosa ma non priva di contenuti. Il mostro siamo noi, banalità manifesta quanto vera. Noi che guardiamo con sospetto il vicino e ci mettiamo un attimo ad additare gli altri come causa delle paure che abbiamo. Attorno a questo tutto è spettacolo, per gli altri mostri che guardano da casa. Benigni riesce a far ridere e pensare, diverte e lancia messaggi senza renderli palesemente didascalici, come succederà in seguito.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Redeyes 19/2/08 11:54 - 2010 commenti

Ancora un altro sberleffo. Qui si prende per i fondelli sedicenti profiler, psicologi e criminologi. Lo si fa con il consueto buon gusto del nostro Roberto, che ci allieta con esilaranti trovate dal primo all'ultimo minuto. Benigni si avvale sempre di schemi classici nelle sue costruzioni, ma d'altra parte il cinema comico ha dei criteri! La regia è semplice, così come la fotografia. L'equivoco domina e non risulta mai scontato merito di un Benigni in gran forma. Troppe scene deliziose per sceglierne una!
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Lovejoy 20/2/08 20:01 - 1825 commenti

Diverse gag e battute vanno a segno, tipo quelle in cui il protagonista si ritrova in situazioni ambigue o quella della riunione del condominio. Il resto è una commediola simpatica ma leggera, ravvivata dalla scatenata interpretazione di un Benigni mattatore come suo solito e da un sobrio Blanc. Memorabile anche il cameo di Girotti. Delude invece la Braschi. Come la regia. Benigni rimane un grande come attore ma come regista il segno non lo lascerà.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Rambo90 13/11/10 1:28 - 5683 commenti

Uno dei miei preferiti di Benigni, per come gioca sapientemente con gli equivoci e per il suo rasentare la volgarità senza sforare mai. La Braschi è un po' più simpatica del solito e Blanc è davvero tanto spassoso nel ruolo dello psichiatra. Indovinata la colonna sonora, un po' inutili i titoli animati. Eccezionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cena con lo psichiatra e la moglie.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 23/10/10 20:22 - 3367 commenti

A mio parere uno dei migliori film (e il più divertente) di Roberto Beningni. Si ride dall'inizio alla fine grazie alle molteplici situazioni, che fanno sì che il nostro protagonista venga scambiato per un efferato assassino. La sceneggiatura è ben congegnata e le gag a tratti irresistibili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Benigni che si finge malato; il gioco d'ombre che fa apparire Benigni con un membro smisurato; l'esame di cinese.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Nando 31/8/10 9:30 - 3278 commenti

Equivoci a iosa in questo film in cui un individuo abbastanza normale viene scambiato per un sanguinario serial-killer. Benigni genera gag esilaranti e di buon livello e suscita spesso la risata convinta. La Braschi è leggermente monocorde ma la verve del marito fa passare in secondo piano anche qualche momento di stanca.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Didda23 21/5/19 10:47 - 2088 commenti

Benigni scrive, dirige e interpreta una commedia che poggia quasi esclusivamente sulle sue vulcaniche attitudini attoriali, con siparietti dall'indubbio valore comico. Peccato che la sceneggiatura sia avara di idee veramente originali, ma nonostante ciò il film si fa seguire senza troppi ostacoli per merito di un ritmo narrativo mai domo. Registicamente è quel che è, nel solco della tradizione dell'artista nostrano. La Braschi offre una prestazione più che dignitosa. Deludenti i personaggi di contorno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La telefonata che allontana il possibile acquirente; Gli approcci sexy della Braschi; La "complicatissima" domanda all'esame di cinese.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Stefania 28/9/10 15:17 - 1600 commenti

Il passaggio tra la potenziale tragicità di un protagonista emarginato-perseguitato e la comicità assoluta di un aereo folletto che saltella zig-zagando tra circostanze avverse si compie attraverso l'espediente dell'inconsapevolezza e il meccanismo dell'equivoco: Benigni ingenuo furfantello sospetto serial killer sfodera gag tra le migliori del suo repertorio, e c'è anche un pizzico di humor macabro. A un certo punto, il gioco degli equivoci mostra la corda e il film si assottiglia in una farsa un po' trita ma, nell'insieme, diverte dall'inizio alla fine!
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Il ferrini 21/5/16 23:57 - 1430 commenti

Altra riuscita pellicola di Benigni. Siamo sul terreno della commedia degli equivoci e i meccanismi, benché noti, vengono abilmente messi in scena dal regista/protagonista assieme a un frizzante Michel Blanc (esilaranti i suoi esperimenti su Benigni) e l'immancabile Braschi, che qui ha il ruolo particolarmente divertente di provocatrice del "mostro" che la rende quasi sopportabile. Si ride spesso e tutto il cast appare affiatato. Sarà l'ultimo film "comico" di Benigni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La riunione di condominio: "vaffanculo alla maggioranza".
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Disorder 14/6/09 11:31 - 1382 commenti

È un vero peccato che non si sia fatto qualche sforzo in più sulla trama: è il classico film di cui si ricorderanno a memoria tutti i vari sketch (davvero divertenti), ma si avrà qualche difficoltà a ricordare la trama per intero. Alcuni episodi sono davvero riusciti (il furto al super-market, l'assemblea di condominio), ma nel complesso è solo il talento di Benigni a fare la differenza. Comunque sia, si ride e non poco.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'esame di cinese; Il furto al supermarket.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Ultimo 2/2/13 21:07 - 1213 commenti

Il genio Benigni, prendendo ispirazione dai fatti di cronaca fiorentini, dirige uno dei suoi film più riusciti. Ottima anche l'interpretazione della brava Nicoletta Braschi, che riesce a far "impazzire" colui che in realtà mostro non è. Geniale Benigni, in ogni scena. Da vedere.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Gabrius79 13/12/13 21:28 - 1092 commenti

Divertente commedia degli equivoci diretta e interpretata da uno scatenato Roberto Benigni in stato di grazia. Ottime le performance di Nicoletta Braschi e Ivano Marescotti a cui si aggiunge il cameo delizioso di Massimo Girotti che sorprende ogni volta (gag ripetuta alcune volte e molto gustosa) Benigni e la Braschi mentre camminano accovacciati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La gag della camminata accovacciata.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Pessoa 17/12/18 14:30 - 1003 commenti

Benigni punta in questa commedia sulla fisicità clownesca che piaceva tanto a Fellini ma il film non decolla a causa di una storia piuttosto arrangiata e non proprio originalissima. Il protagonista lascia parlare il corpo e indovina molti tempi filmici, ma i personaggi di contorno non sono sempre all'altezza e alcune scene funzionano poco. Molto buona la confezione, che si fregia delle splendide musiche di Lurie. Nel complesso un buon film, che strappa parecchi sorrisi e qualche risata di pancia, ma non fra i migliori del regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I primi venti minuti; Le scene fra la moglie del dottore e Benigni.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Modo 14/3/15 22:22 - 710 commenti

Ottima prestazione di Benigni, particolarmente ispirato. Prima parte (forse anche oltre) sicuramente efficace e irresistibile; poi, causa "forza di gravità", si scende di livello. Avesse retto fino alla fine si tratterebbe di un capolavoro! Classico film dalla trama leggera che non scalfisce per nulla la godibilità complessiva. Nicoletta Braschi sembra sempre atterrata da Marte, ma qui non reca danni e se la cava. Riuscito.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Siregon 9/3/10 14:06 - 347 commenti

Davvero poca cosa questo film. La regia è piatta, la fotografia non sfrutta le discrete location metropolitane e alcune delle gag sono riciclate (la torcia). Come al solito Nicoletta Braschi è inascoltabile, Benigni recita sempre se stesso (lo spaesato poetico dal cuore buono) e il misunderstanding rimanda al più riuscito Johnny Stecchino. Non c'è sceneggiatura e questo per il comico toscano è un grosso problema. Non si tratta di uno spettacolo teatrale ma di un film, e questo non lo è.
I gusti di Siregon (Avventura - Gangster - Giallo)

Werebadger 19/1/14 0:44 - 270 commenti

Loris è un buon diavolo il cui unico crimine è non pagare le tasse; tuttavia viene sospettato di essere un feroce serial killer. Notevole commedia degli equivoci, dalle gag irresistibili e con una morale per nulla scontata e che fa riflettere (il diverso guardato con sospetto per le sue abitudini o la scarsa simpatia che suscita in chi lo circonda). Si ride di gusto grazie alla simpatia di Benigni, circondato da un buon cast (sua moglie, Marescotti, Blanc, Brialy e perfino un cameo del grande Girotti). Da non perdere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del manichino; Loris che ficca in un cassetto gli spaghetti al sugo che stava mangiando, nel tentativo di nascondere una lettera anonima.
I gusti di Werebadger (Animazione - Fantastico - Horror)

Cristian 31/1/10 13:19 - 27 commenti

Film di Benigni che ho sempre apprezzato. Il titolo e le copertine fanno immaginare tutt'altro che un film comico, mentre in realtà ci si piega in due dalle risate per le varie gag che si rincorrono. Ottima scelta del cast, dall'amministratore all'insegnante di cinese, dalla poliziotta (Braschi) al detective!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La rapina all'ipermercato. Tutte le volte che Benigni è accovacciato per nascondersi da vari creditori.
I gusti di Cristian (Avventura - Comico - Commedia)