Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BENVENUTO PRESIDENTE!

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 30
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/3/13 DAL BENEMERITO PANZA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 2/4/13
L'uomo comune incidentalmente alle prese con un incarico di massima responsabilità a lui del tutto estraneo. Il cinema, coi presidenti occasionali, ci ha creato quasi un genere, e in un clima italiano di generale disprezzo delle istituzioni come quello in cui il film esce vien da pensare che il momento non potesse essere più propizio. Bisio viene eletto presidente a causa del suo nome (Giuseppe Garibaldi), votato a maggioranza da un parlamento in vena di scribacchiare sulla scheda nomi celebri in attesa di trovare il candidato giusto. Si insedia con l'idea di pronunciare il discorso di rinuncia ma poi rinuncia alla rinuncia e fa il presidente a modo suo. Il messaggio - populista quanto ovvio - non è in fondo diverso da quello dei tanti film simili: l'uomo semplice e onesto può senza fatica far meglio dei professionisti della politica, legati a mille intrallazzi e soggetti a ogni sorta di corruzione. Una satira all'acqua di rose, alla Totò (per citare il nume che sembra celarsi dietro la corsa in testa ai bersaglieri), che tuttavia nella prima parte sa trovare - grazie anche a un Bisio piuttosto in palla - le battute giuste al momento giusto. Lo stravolgimento programmatico del protocollo diverte in più occasioni, ma quando poi c'è da affilare davvero i coltelli per trovare una via personale con cui sganciarsi dai binari del già visto il film si arresta, s'incaglia nelle pastoie di una scadente love story con l'assistente ligia ma dai natali hippie (Kasia Smutniak) e rallenta decisamente con l'entrata in scena di un personaggio scialbo come il "deviato" (nel senso di servizi) cui dà il volto il pur bravo Gianni Cavina. In questo modo la seconda parte, con tanto di cena dalla madre di lei (Piera degli Esposti) e colloqui con i "poteri forti" (Avati, Della Casa, Wertmuller e Rondolino) diventa un bagno letale nell'oceano dei buoni sentimenti (tremendo l'incontro col presidente brasiliano), aggravato dall'ennesimo ricorso alla gag della marijuana inserita a tradimento nelle pietanze dei potenti. Si emerge solo nel buon finale, unico momento davvero "inatteso". Nel complesso un film modesto, poco credibile nel disegno dei caratteri, sceneggiato con troppo qualunquismo, diretto mediocremente. Peccato, perché Bisio offriva un registro diverso dal consueto, e avrebbe meritato almeno di poter proseguire a mostrare ciò che di buono s'era visto nella prima parte. Deludente Antonutti (macchietta veneta da dimenticare), un po' meglio Girone.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 2/5/14 2:31 - 4265 commenti

Agghiacciante. Il peggior film visto da un anno a questa parte. Non funziona nulla di nulla. Sbraca da sùbito, dopo l'unica cosa guardabile (l'incontro dei potenti lungo il torrente) con una serie di sciocchezze, di esagerazioni, di banalità, di cose già straviste da lasciare basiti. Si guarda fino in fondo per capire fin dove può arrivare l'abisso, che ogni minuto è sempre più in basso. La presenza di nomi di rango, per certi versi, è un'aggravante. Mi ha fatto tornare in mente che sulle pagine de "La Notte" di Nino Nutrizio certi film prendevano N.M.R. (Non Meritevole di recensione).
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 17/8/13 8:49 - 10644 commenti

Una commedia sul malcostume politico italico estremamente attuale, questa diretta da Milani. L'utile idiota interpretato (bene) da Bisio è elemento disfunzionale nel sistema dei poteri immaginato dalla pellicola, e non molto distante dalla realtà. Peccato che le buone intenzioni non vadano oltre lo spunto iniziale. La sceneggiatura si rivela presto lacunosa e la vicenda annaspa con siparietti sterili e la solita storiellina d'amore con cui puntualmente si infarciscono le commedie italiane.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Daniela 6/3/14 11:25 - 7407 commenti

Il cinema ha già raccontato altre volte la storia di un uomo qualunque che per una serie di circostanze si trova investito di un ruolo di potere e, dotato di buon senso e onestà, risulta migliore dei politici di professione: succede a Dave negli Usa e qui al protagonista di questa commedia che tenta di coniugare risate e impegno civile. Ed in effetti qualche occasione di sorriso c'è, grazie alla bonomia di Bisio (con un comico più aggressivo ci sarebbe stato poco da ridere), però il "messaggio" è nel segno del qualunquismo corrente, certi passaggi sono stucchevoli, la fiaba è troppo modaiola.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 7/1/14 17:05 - 2345 commenti

Bisio è simpatico. Questo l'unico aspetto positivo di una commedia che, cogliendo al volo il momento in cui la credibilità dei nostri politici ha raggiunto il minimo storico, vorrebbe divertirci facendoci riflettere sul fatto che abbiamo ciò che ci meritiamo. Il grande problema del film è che non si ride mai e si sorride pochino, in quanto la sceneggiatura è veramente poca cosa, inserendo qualche scena veramente "scult". Un prodotto, molto poco incisivo e piuttosto qualunquista, che diverte molto meno di quanto avrebbe potuto fare.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 8/4/13 0:22 - 3034 commenti

Primo tempo divertente, acuto, non smagliante nella forma ma abile nel sottolineare con semplicità i numerosi paradossi in cui è immersa la politica del Belpaese. Secondo tempo fiacco, ripetitivo, quasi sempre fallimentare negli spunti comici e reso claudicante da scivoloni rovinosi (la famiglia hippy su tutti). Un quasi ***! che sfocia in un *!. Ci sarebbero pure brani di Janis Joplin che c'entrano come i cavoli a merenda e un finale un po' buttato lì, ma anche un Bisio in gran forma. Nel complesso discreto, ma anche un'occasione sprecata.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 31/3/13 20:18 - 2622 commenti

Un bibliotecario piemontese di montagna con la passione della pesca diventa suo malgrado Presidente della Repubblica: ovverosia l'uomo qualunque - possibilmente onesto - che insegna la creanza alla becera politica italica affamata di potere e soldi facili. Un cast di prim'ordine ricco di grandi nomi per una farsa parzialmente riuscita, ma schiacciata da una sceneggiatura puerile e una regia poco accorta nei tempi. Una pellicola in cui Bisio ripete il suo personaggio di sempre, ma che funziona solo in parte. Finale con moraletta.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Saintgifts 22/5/13 11:49 - 4099 commenti

Vuole essere di più di una semplice commedia-satira sul modo di far politica in Italia; arrivare a esprimere una morale sull'etica e sui comportamenti dei cittadini (dopo i politici corrotti, ovviamente), ma cade fragorosamente sull'equazione "gli italiani hanno i politici che si meritano". Non voglio pensare che forse non se ne poteva fare a meno, in una sorta di autocensura imposta, oppure volutamente scelta per rendere innocue verità che non scandalizzano più nessuno. Occasione mancata per pungere forte oltre che divertire.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 23/4/14 10:28 - 3183 commenti

Commediola italica che vede un sempliciotto diventare prima carica dello stato. Nella prima parte qualche situazione e la verve di uno scatenato Bisio conducono la pellicola a livelli accettabili con sporadici sorrisi. Nella seconda parte tutto implode scadendo tristemente tra incontri in camera da letto con una monolitica Smutniak, sviluppi narrativi con brodo allungato e ridicolaggini (vedi la famiglia della stessa protagonista femminile). Si poteva far meglio, simpatico Popolizio.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 22/4/14 12:24 - 2434 commenti

Fare commedie sul malcostume politico nel nostro Paese è ormai la moda del momento. Dopo Viva l'Italia, Tutto tutto niente niente e altri, ecco che ci prova anche Bisio con Milani alla regia. Il soggetto è inflazionato, la sceneggiatura certo non brilla e le gag che funzionano si contano sulle dita di una mano. Ha però il pregio di uscire dal solito grigiore della commedia recente grazie alla verve di Bisio. E anche se alcune gag sono risapute almeno la pellicola è scevra dalle solite volgarità gratuite. Ottimi il cast di contorno e i camei vari.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 23/7/13 15:05 - 1955 commenti

La fiera della semplificazione permea il lavoro di Milani di un fastidioso qualunquismo che cerca di mettere alla berlina i cattivi costumi della politica. Invece di cercare di dissacrare i poteri forti dello stato, si tenta la via più facile criticando gli sprechi e i favoritismi che ormai sono sotto gli occhi di tutti. Peccato per uno script poco ficcante, perché Bisio è in palla. Davvero inutile la parentesi amorosa e il cast di contorno è anonimo (nonostante qualche nome illustre).
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ryo 23/5/17 13:39 - 1704 commenti

Claudio Bisio è un ottimo comico; sempre apprezzato come conduttore e come improvvisatore, nel cinema poche volte mi ha convinto. La sceneggiatura e la regia di questo film, poi, non viene in soccorso, perché per quanto mi riguarda mi ha sempre fatto storcere il naso quel tipo di comicità esageratamente nonsense collocata in situazioni realistiche. Le trovate umoristiche non mi fanno ridere, trovo solamente giustificato il messaggio generale che ne deriva alla fine; scontato, ma che non fa una piega.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Panza   24/3/13 17:57 - 1340 commenti

Commedia davvero attuale e briosa nel descrivere la situazione italiana. Bisio, mattatore di turno, sorprende per la sua recitazione misurata e mai sopra le righe. Cade qualche volta in un eccessivo macchiettismo, ma stupisce come in maniera divertente si riesca a tratteggiare la girandola di situazioni che sommerge l'apparente ingenuo di turno. Poteva essere una farsa all'acqua di rose, ma sorprendente per la feroce critica allo stato italiano. Interessanti i personaggi che rappresentano i "poteri forti". Finale maestoso ed eccezionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'onestà del Presidente; La sua segretaria; L'inseguimento con i bersaglieri; La marjuana-origano; "Non restare chiuso qui/Pensiero... "; La pizzeria.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Il ferrini 8/3/16 23:31 - 1256 commenti

Regia decisamente televisiva per questa commedia che a tratti divertirebbe anche, se non palesasse in più d'un'occasione velleità di "denuncia" che proprio non le appartengono. L'idea di partenza non è male, anche se Kevin Kline arriva con vent'anni d'anticipo rispetto a Bisio, ma la satira politica finisce là e il tutto si basa sull'idea (sbagliata) che "l'uomo comune" sia migliore dei politici, come se quest'ultimi provenissero da un altro pianeta, dove son tutti cattivi. Se si riesce a soprassedere sul populismo, qualche risata ci scappa.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Ultimo 22/7/18 10:53 - 1143 commenti

Ci si aspettava di meglio. Vuoi per la bravura di Bisio, vuoi per l'idea di base (un uomo modesto eletto Presidente della Repubblica). La pellicola invece non arriva alla sufficienza. La prima mezz'ora può anche passare, ma in seguito il film è zeppo di banalità e di ripetizioni, così che si arriva alla fine annoiandosi. Guardabile una volta, non di più.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Furetto60 2/1/14 10:16 - 1129 commenti

Quanto mai attuale, la commedia ha il solito sapore agrodolce della satira politica; nello specifico ha il pregio di mostrare dall’interno la “reggia di Versailles” che siamo costretti a mantenere. Bisio è bravo e riesce a reggere quasi da solo la scena, apprezzabili alcuni ruoli di contorno come Cavina e i registi che rappresentano i poteri forti (ad averne, come Avati e la Wertmuller). Il finale, con la penetrante domanda rivolta tre volte agli spettatori, segna un cambio di registro e non ha nulla di comico.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Pumpkh75 22/4/14 12:43 - 1101 commenti

Passati i primi minuti, dove l’evidenza del ricircolo di abusate idee non affossa le speranze di qualche risata, arriva la triste consapevolezza di trovarsi di fronte a un’accozzaglia, talvolta fastidiosa, di stereotipi e luoghi comuni, pervicace nella sua linea e quasi irreale nella mancanza di momenti realmente ilari. Bisio scimmiotta in lungo e in largo, gli altri vivacchiano non scrollandosi mai di dosso una soffusa aurea d’antipatia. Brutto.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Gabrius79 24/10/13 0:28 - 1061 commenti

Commedia discretamente divertente e che poteva essere sviluppata meglio per renderla ancor più accattivante, dato che l'idea di partenza era sicuramente simpatica. Claudio Bisio cerca di fare il possibile per renderla gustosa, ma ogni tanto la noia si fa sentire. Prova tutto sommato buona per la Smutniak, che riesce a essere spiritosa. Il trio Popolizio, Fiorello, Bocci piuttosto insipido, mentre si registra una buona prova di Gianni Cavina.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Jandileida 18/2/17 21:52 - 1053 commenti

Il grottesco bisogna saperlo fare: Milani non lo sa fare. Si oscilla infatti tra siparietti inutili e inopportuni e presunti attimi di denuncia della malapolitica che hanno lo spessore di un tramezzo e risultano decisamente agghiaccianti nella loro pochezza. Bisio se la cava anche benino ma pure il suo personaggio dopo un po' viene a noia; per amore del cinema sorvolo sulla Smutniak, uno dei pochi personaggi che restano antipatici anche dopo la telefonata "svolta umana". Insomma, da salvare c'è poco: all'inizio un po'si ride ma si smette presto.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Taxius 19/6/15 21:07 - 1038 commenti

Divertente commedia in cui un perfetto nessuno diventa presidente della repubblica. Film leggero, ma non stupido, che critica fortemente la situazione politica italiana riuscendo a colpire nel segno; il film poi uscì al cinema proprio durante l'elezione del presidente della repubblica. Divertente Bisio e brava la Smutniak. Calcolando il basso livello della commedia italiana di questi ultimi decenni, "Benvenuto presidente" è sicuramente al di sopra della media.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Lou 15/7/18 23:31 - 716 commenti

Di grande attualità, questa commedia grottesca che racconta di un presidente della repubblica eletto per sbaglio, persona semplice e inesperta ma capace di interpretare i bisogni della gente comune, opponendosi alla politica più becera e corrotta. L’idea, anche se non nuova, è buona e inizialmente diverte e incuriosisce, per poi cadere rapidamente nell’ovvio e nel ripetitivo.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Graf 18/5/15 0:23 - 601 commenti

Sarà pure un film qualunquista che sfrutta lo sdegno degli italiani contro la cattiva politica ma è soprattutto un film innocuo, del tutto inoffensivo, capace, al limite, di fare il solletico ai poteri costituiti. Una pellicola priva di incisivi e di canini ma che porta la dentiera. Però qualche sghignazzata di scherno e qualche puntura di spillo vanno a segno e la simpatia di Claudio Bisio, perfettamente a suo agio nell'insolito ruolo del Presidente per caso, è contagiosa per tutto il film. Sceneggiatura timida, interesse a calare, regia senza slanci.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Vedere il film e "scoprire" che "poteri forti" hanno la faccia di Pupi Avati, Lina Wertmüller, Steve Della Casa, Gianni Rondolino...
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Vitgar 25/10/14 9:06 - 586 commenti

Classico film che non dice niente. Luoghi comuni uno dietro l'altro, scenette che dovrebbero far ridere e una morale da parrocchia di fondo. La trama è insulsa come un brodino senza sale e Bisio, che pure è simpatico, non riesce a dare vigore. Il cast è ricco di nomi importanti (Antonutti, Girone tra gli altri). Simpatica l'idea della telefonata finale.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Motorship 29/3/13 18:14 - 567 commenti

Una bella sorpresa. Onestamente mi aspettavo una farsa fantapolitica, invece è un ottimo film con una buona analisi critica ai poteri forti e alla malapolitica di oggi. Qualche situazione farsesca c'è, ma non stona affatto col contesto del film, in quanto l'obbiettivo è sia far ridere che far riflettere (obbiettivo quantomai centrato). Ottimo il protagonista, un Claudio Bisio allo zenith della forma, molto misurato e assai credibile. Del resto del cast bene Girone, Bocci, Cavina e in parte Beppe Fiorello. Eccellente il finale.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)

Samuel1979   14/7/14 13:09 - 430 commenti

Dietro la strampalata idea di far eleggere un normalissimo cittadino a presidente della Repubblica, Milani punta il dito contro le "malefatte" e gli intrighi della politica italiana, che ben conosciamo. Quella di Milani è ovviamente un'utopia irrealizzabile, ma molti sono i punti che obbligano lo spettatore a riflettere sulla nostra situazione politica. Detto questo il film non è eccelso, ma Bisio incarna benissimo il presidente "super partes". La Smutniak si lascia ben vedere, soprattutto per le sue doti non recitative.
I gusti di Samuel1979 (Avventura - Comico - Commedia)

Guru 18/5/15 8:26 - 348 commenti

Divertente ma con molte lacune, il film si presenta allo spettatore con tanti momenti che rappresentano l'Italia di oggi, con la sua realtà sociale e politica, ma che non riescono a essere omogenei tra di loro. Spesso il grottesco non è all'altezza dei suoi personaggi e solo Cavina ha veramente un ruolo che non è fuori posto. Divertente Bisio, ma spesso ricade nell'ovvio. Belle location ma povera la sceneggiatura. Cast nutrito anche di grandi nomi, ma il film non convince.
I gusti di Guru (Fantascienza - Giallo - Sentimentale)

Dengus 23/4/14 10:03 - 348 commenti

Se Milani voleva andarci pesante e tirare una bella stoccata alla politica italiana va detto che c'è riuscito in toto. Certo è che la storia, seppur surreale, ha una morale ben precisa e punta il dito, senza alcun timore reverenziale, alla politica intrallazzatrice e ai suoi sprechi, con un Bisio che dimostra quanto in fondo per fare una buona (ed utopica, almeno qui in Italia) politica a favore del popolo non bisogna avere chissà che curriculum, ma dimostrarsi persone pulite e coerenti. Brava la Smutniak. Avere nella realtà un Presidente così...
I gusti di Dengus (Comico - Commedia - Sentimentale)

Manfrin   11/7/14 11:22 - 288 commenti

Abbastanza piacevole, forse un po' troppo esagerato nell'ironia e nel paradosso. L'idea non è cattiva e Bisio si trova a suo agio, mentre la Smutniak è troppo... bella. I problemi nazionali vengono affrontati all'acqua di rose e in maniera spensierata, ma alla fine un po' di morale c'è. Sinceramente non ho capito la presenza di Wertmuller e Avati.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Ilcassiere 28/12/13 22:03 - 277 commenti

Film ipercommerciale, che sfrutta questa fase della nostra storia in cui i politici vengono considerati dei farabutti. E quindi via con i luoghi comuni, tra magna magna romani, macchine del fango dei servizi deviati, love story con la bella assistente e, soprattutto, uomo della strada piuttosto rozzo ma onesto, in grado da solo di cambiare l'intero paese. In qualche momento ci scappa una risata ma sono troppi i momenti banali (la cena con marijuana) e i personaggi mal rappresentati (il figlio, il signor Fausto).
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)

TomasMilia 2/4/13 14:52 - 157 commenti

Fastidioso esempio di film che fa leva sulla vena più qualunquista dell'italiano medio. Bisio è un pescatore piemontese che, inaspettatamente, viene nominato Presidente della Repubblica. Essendo un puro, un ingenuo, non firma leggi di cui non capisce il testo, aiuta i senzatetto, non raccomanda il figlio. Populista e demagogico. Possibile che in Italia non si sappia fare qualcosa di meglio? Bisio non ha nemmeno la sincerità e innocenza del James Stewart di Mr Smith va a Washington. Irritante!
I gusti di TomasMilia (Comico - Commedia - Giallo)

Vat69 31/3/13 11:46 - 17 commenti

Claudio Bisio prosegue nella traiettoria che lo porta ad incarnare sul grande schermo ruoli che più nazional-popolari non si può. Stavolta è un presidente della Repubblica suo malgrado, che con un carico di solidi valori e molta ingenuità prova a "cambiare le cose". Immancabile la liaison con una sempre splendida Kasia Smutniak, assistente segretario generale del Quirinale. Commedia godibile ma non eccelsa, cast di altissimo livello e qualche goccia di qualunquismo di troppo. Finale mostruosamente attuale, ai limiti del paranormale.
I gusti di Vat69 (Drammatico - Giallo - Thriller)