Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ZERO DARK THIRTY

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 22
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/1/13 DAL BENEMERITO RULLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 14/4/15


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 12/10/13 5:33 - 10645 commenti

Cinema di prim'ordine quello della Bigelow; al netto delle polemiche "politiche" sulla sua opera, il film che racconta la cattura di Bin Laden è un'opera di grande impatto e spessore, che concede il giusto alla spettacolarità, prediligendo la cronaca ed esaltando il valore dei personaggi attraverso un'ottima caratterizzazione degli stessi. Un serrato montaggio e una fotografia di alto livello per un film che rimane nella memoria.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 16/2/13 1:59 - 4121 commenti

Quello che si dice un buon film, asciutto, senza troppi fronzoli, o inutile patriottismo. Certo, non coinvolge più di tanto, nonostante la protagonista si butti anima e corpo nella missione più importante per gli Stati Uniti; e questo perchè l'indagine, con i piccoli passi, le mezze verità estorte e i tanti dubbi dà priorità alla fredda cronaca, passaggio dopo passaggio, in stile spesso quasi documentaristico. E' comunque una regia sicura; e le riprese stesse contribuiscono a rendere sopportabili le due ore e trenta circa. Bene anche gli attori di contorno, che più o meno si equivalgono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'esplosione nel ristorante; Il numero di giorni inconcludenti scritto sul vetro dell'ufficio del capo e periodicamente aggiornato; L'irruzione.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 4/3/13 22:02 - 6750 commenti

Il cinema (al femminile) della Bigelow si conferma ancora una volta allo stesso tempo "ambiguo" e "partigiano", "muscolare" e "riflessivo": in altre parole "vivo" ed interessante (e di questi tempi non è proprio poco). Cinema per molti versi dualistico, antinomico e che, forse, non convince mai del tutto ma sulle cui qualità intrinsecamente cinematografiche non si discute. Basti vedere l'ultima mezz'ora che è girata alla grande ed in cui la tensione raggiunge livelli altissimi. Notevole.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 13/2/13 14:09 - 2072 commenti

Nel coacervo delle istituzioni maschiliste, l'epica al femminile di Kathryn Bigelow sfida l'impermeabilità dell'Altro - nodo etico del suo cinema - e assume connotazioni epocali. Traducendo la ricostruzione storica in impietoso affondo nella coscienza nazionale, Bigelow elude il realismo, apre il ventre dell'America e vi s'immerge con piglio antiretorico, rileva le antinomie, ricostruisce il sentimento della modernità sovraeccitato dall'esposizione mediatica, in cui determinazione e accanimento si rendono la pariglia. Tensione narrativa magistrale che sfocia in un devastante horror vacui.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Obama alla tv: "L'America non torturerà più... restituiremo all'America una statura morale nel mondo..." e Maya che lo ascolta impassibile.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Capannelle 1/3/13 10:05 - 3449 commenti

Con la Bigelow i ricami vengono spesso banditi ed è utile per non diventare patriottici (ad esempio non ho visto sventolare bandiere americane, mentre Spielberg ci avrebbe addobbato anche i cessi). Ma la cosa si riflette anche sulla presa filmica, che stenta a decollare: c'è Maya ma gli altri personaggi potevano essere meno insipidi. Tanti particolari ma l'impressione è che vengano snocciolati con fare documentaristico. Per fortuna che l'ultima mezzora, quella del raid, è girata alla grande.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

124c 25/2/13 12:19 - 2578 commenti

La Bigelow si riconferma regista "con gli attributi", affidando il ruolo principale ad una Jessica Chastain tosta quanto lei. Non è un film che ci risparmia scene forti e sobbalzi dalla sedia, visto che si parla della caccia a Bin Laden. Terribile, realistico e crudele, mostra il lato dell'America ferita, pronta a fare di tutto, pur di raggiungere il suo scopo. Mi hanno colpito sopratutto le scene di tortura, così realistiche e senza pietà, ma anche la protagonista, gli attentati a sorpresa ed il blitz finale al covo di Osama. Molto buono.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Saintgifts 9/4/13 0:44 - 4099 commenti

Il film evidenzia tre aspetti: il primo, molto classico nella produzione Usa, il protagonismo determinante di un solo soggetto che evidentemente rappresenta la struttura piramidale americana con in cima il capo. Il secondo, come l'immagine (il cinema), riesce a far vivere un territorio, i suoi abitanti e la sua realtà modificando, o cambiando, le immagini mentali costruite da cronache più o meno veritiere. Il terzo come, nel momento decisivo, tutte le enfasi siano smorzate da una precisa operazione militare (ben diretta) che è "solo" un lavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La solitudine finale e le lacrime della protagonista.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 18/5/14 9:27 - 3183 commenti

La genesi della scoperta del covo con conseguente uccisione di Bin Laden, realizzata con senso critico e buona credibilità. Ritmo inizialmente non esaltante ma nello sviluppo narrativo l'intensità aumenta culminando nell'adrenalinaco finale. La Bigelow si mostra regista di razza non mostrando orpelli patriottici di chiaro sciovinismo americano.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 19/12/14 22:37 - 2471 commenti

Film che conferma l'ineludibilità del cinema della Bigelow: quel suo carattere ruvido, aspro, quasi respingente, col quale però si è costretti necessariamente a fare i conti vista la singolare antiretorica e l'originale punto di vista che lo animano. Se, come in The hurt locker, le concessioni spettacolari son minime e comunque frustrate, lo scarto è rappresentato dalla scelta di farci vivere la crisi di identità della superpotenza americana attraverso la granitica fragilità di Maya (splendida la Chastain). Alcuni passaggi farraginosi ma opera maiuscola.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli interventi di Gandolfini, Direttore della CIA; Maya che "molesta" i superiori del quartiere generale perchè non si decidono a passar all'azione.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Piero68 9/8/18 12:29 - 2434 commenti

Ancora una volta la Bigelow (tra i migliori registi donna in circolazione), come già successo con The hurt locker, mette a disposizione la sua grande perizia al soldo del Governo USA nell'ennesimo film di propaganda. Senza contare che in un film simile risulta molto difficile separare la qualità tecnico-artistica dall'obiettivo squisitamente politico. E se la qualità vale almeno ****, il subdolo messaggio retrospettivo è da 1/2 pallino. Impeccabili regia e montaggio, con un cast sempre all'altezza. Se si dimentica lo scopo, è un filmone.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 2/5/13 22:03 - 1955 commenti

La caccia a Bin Laden firmata da una Bigelow in stato di grazia si segnala per lo stile documentaristico alla The hurt locker che impregna ogni inquadratura. Abbondonando falsa retorica e senza romanzare la regista (e il suo fido sceneggiatore) ci proiettano in un universo fatto di torture e confessioni strappate a forza, seguendo alla lettera il celebre motto machiavellico. La durata consistente non preoccupa, perché l'opera della Bigelow è pura classe registica. L'autenticità della Chastain ferisce. Possibile una chiave di lettura dal sapore metaforico (ed autobiografico). Splendido!
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 11/2/13 9:41 - 1916 commenti

La Bigelow conferma il suo stile e riprende il discorso della Guerra Santa tirando fuori ancora i muscoli. Prima parte spezzettata temporalmente che si caratterizza per la durezza delle situazioni (waterboarding e esplosioni) in una chiave un filo troppo piatta. Poi ci si concentra sulla cattura e l’ultima ora vola via senza respiro anche grazie al mistero che vi aleggiava. La Chastain è brava nel suo ruolo ossessivo.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Mickes2 17/11/13 12:53 - 1550 commenti

Donna in un mondo di uomini, tigre nella giungla dove solo il più forte e scaltro prevale. Sguardo obiettivo e senza retorica quello della Bigelow, al solito muscolosa ed emotiva nell’addentrarsi e descrivere il lavoro dell’intelligence americana: individui che per dieci anni hanno combattuto contro un nemico pressoché invisibile. Un approccio che sa distanziarsi dal fattore bellico per sondare gli stati d’animo senza però sventolare bandiere, ma offrendo una reale e pregnante descrizione coscienziosa “morale” di ciò che, follemente, è stato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’incipit con le voci delle persone presenti all’interno delle Twin Towers; “Dove vuole andare?”, una lacrima scende dal viso...
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Nancy 17/2/13 15:32 - 744 commenti

Film discreto, in ogni senso, che non giunge mai ad alte vette ma nemmeno delude; specie per quanto riguarda la confezione, che è buona, soprattutto nelle scene in esterno. La Chastain è molto brava, anche se non riesce a rendere al suo personaggio tutto il carisma che necessiterebbe. L'intero film ha un impianto molto documentaristico - quasi ricorda Fahrenheit 9/11 (l'incipit è più o meno uguale) - ma disperde la tensione e l'intera narrazione ci rimette, arrivando ad annoiare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I giorni scritti sui vetri dell'ufficio.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Jurgen77 8/5/18 11:16 - 572 commenti

Quasi un "docu-film" sugli eventi che hanno portato all'uccisione del capo talebano Bin Laden. Il film si snoda tra cruenti interrogatori e torture, analisi di prove, intercettazioni e filmati. L'azione non è molta e si condensa nell'ultima parte. Seppur ben girato e ottimamente interpretato dalla "glaciale" Jessica Chastain, a volte risulta in parte prolisso e ampolloso. Un po' di azione in più non avrebbe guastato. Sicuramente non una pellicola da guardare a cuor leggero....
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Cloack 77 5/3/13 16:25 - 547 commenti

Il film sceglie la strada di una cronaca attenta ma incolore e procede fino al finale (anche le torture usate dagli americani, non sono chissà quale crudeltà), che in fondo è il motivo per cui uno guarda un film costruito su nulla, su dialoghi pallidi, senza vette, riunioni inutili e parole su parole. Il finale mantiene in assoluto la linea. Si resta un po' perplessi, si riconosce alla Bigelow una capacità di creare tensione nelle scene d'azione unica, un talento senza fine quando il film deve correre e i momenti migliori sono proprio le azioni.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Vito 20/1/17 18:52 - 521 commenti

Film sull'Operazione Lancia di Nettuno che portò alla morte di Osama bin Laden. La Bigelow si riconferma un'ottima regista, capace di dare alla vicenda un tono potente ed epico, concentrandosi sempre sul punto di vista di una donna coraggiosa persa in un mondo di maschi a cui alla fine riesce a tener testa. Ultima mezz'ora dal ritmo serratissimo e ad alta tensione. Brava la Chastain.
I gusti di Vito (Fantastico - Horror - Western)

Alex1988 14/10/18 19:16 - 438 commenti

Ancora una volta la Bigelow non smentisce le sue qualità; stavolta è tutta la vicenda legata all'uccisione di Osama Bin Laden, a essere portata sul grande schermo. Certo, non siamo di fronte a un film che brilla per le emozioni che una storia simile dovrebbe trasmettere, ma la Bigelow sa narrare con la giusta grinta. Prova ne è tutta la parte finale. Un po' eccessiva la durata.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Rullo 13/1/13 22:13 - 388 commenti

Altro film sulla guerra del team Bigelow-Boal dopo Hurt locker. Stavolta cambiano gli attori ma non l'idea di fondo. Ci viene mostrata prima la caccia e poi l'abbattimento dell'"uomo più ricercato della storia". Non vengono prese posizioni nette tra giusto e ingiusto e ciò è lodevole; buoni gli attori, soprattutto la Chastain e Clarke. Bellissime, come nel suo lavoro precedente, le esplosioni, rese con una fotografia da spaccare la mascella.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La prima e l'ultima mezz'ora.
I gusti di Rullo (Avventura - Commedia - Drammatico)

Bubobubo 31/8/18 10:07 - 250 commenti

Dietro l'ossessione per la ricerca e la cattura dell'Indesiderato numero uno viene in realtà tratteggiato il profilo di una donna completamente sola, priva di affetti e dominata, dostoevskijanamente, dalla propria idea. La protagonista si identifica a tal punto con la propria missione che, una volta esaurita, perde anch'essa la propria identità. Epilogo potente per un film forse un filo troppo lungo e politicamente discutibile, di cui però colpiscono l'articolazione di scrittura e il grande respiro del blitz finale. Vale almeno una visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Ducaspezzi 10/5/13 21:23 - 222 commenti

È un film che di documentaristico ha più nulla che poco, nella concezione, nella sostanza e nella stessa forma. Il clou sta nello sguardo personale di Maya rivolto alle circostanze (dis)umane e situazionali che la vedono testimone-protagonista della complessa operazione spionistico-militare volta all'uccisione di Bin Laden. Niente derive "mache", data la centralità di una donna e della sua determinazione, resistenza mentale e tensione etica verso un obiettivo che risalta nella Storia meno di quanto non avvenga nella sua interiorità. Buon film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Buonissima prova della Chastain che non è certo una qualsiasi Rodriguez che fa la guerriera in action! (anche se l'Oscar m'è parso esagerato).
I gusti di Ducaspezzi (Drammatico - Fantastico - Thriller)

Coyote 31/7/13 17:28 - 181 commenti

Sgomberiamo il campo dai possibili equivoci: questo film non è un’apologia dell’Impero Americano, del quale, anzi, vengono mostrate molte ombre, torture in particolare. Tutto ruota intorno alla determinazione della protagonista e ai sacrifici richiesti dal suo (sporco) lavoro. La prima parte è la più debole: fosse stata tagliata qua e là, riducendo l’eccessiva lunghezza, il film ne avrebbe guadagnato. Non è un capolavoro, ma è un buon film moderno di guerra.
I gusti di Coyote (Drammatico - Giallo - Poliziesco)