Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ATOR L'INVINCIBILE

All'interno del forum, per questo film:
Ator l'invincibile
Dati:Anno: 1983Genere: avventura (colore)
Regia:David Hills (Aristide Massaccesi)
Cast:Miles O'Keeffe, Sabrina Siani, Ritza Brown, Edmund Purdom, Dakar, Laura Gemser, Alessandra Vazzoler, Nello Pazzafini, Jean Lopez, Olivia Goods
Note:Aka "Ator, l'aquila battante".
Visite:498
Filmati:
Approfondimenti:1) IL GENERE PELLICCIOTTESCO (O PELLICCIOTTO-MOVIE)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/11/15 DAL DAVINOTTI
Uno dei tanti film nati in Italia sull'onda del successo del CONAN di Schwarzenegger, prova a lanciare (e, incredibile a dirsi, ci riuscirà, considerati i due sequel) il culturista Miles O'Keeffe nel ruolo di Ator, un tipico eroe predestinato in pelliccia, il cui destino vuole che sconfigga il temibile ragno nero e "Il Vecchio”, suo profeta. Gli emissari di questi ultimi si erano già occupati nel prologo di sterminare erodianamente tutti i neonati del posto dopo aver saputo che tra loro era nato l'eletto, il figlio di Taran, ma avevano fallito: Ator, l'eroe in questione, è così allevato segretamente in un villaggio da una famiglia che aveva già una figlia; una volta cresciuto, chiede subito al padre di sposare la sorella, pur sapendo che insomma... l'incesto non è proprio il massimo. E' il padre adottivo a toglierlo d'impaccio: gli spiega che lui non è il loro vero figlio e dunque che si celebri il matrimonio! Neanche il tempo del rinfresco, però, che arrivano i cavalieri neri del ragno, i quali dopo tanti anni hanno avuto una soffiata e mettono a ferro e fuoco il villaggio portandosi via la sposina. Ator, imbestialito, parte per la sua odissea verso il Tempio del Ragno, dove dovrà riprendersi la sorella/moglie e già che c'è radere al suolo il posto. Il film racconta la lunga traversata del nostro per le poco esotiche campagne laziali, dove incontra quasi subito un'amazzone che lo accompagnerà nel suo pellegrinaggio (una sexyssima Sabrina Siani, barbara per eccellenza del cinema italiano) tra vulcani che eruttano, maghi, ombre, guerrieri ciechi, zombi e chi più ne ha più ne metta. Fortunatamente Massaccesi, oltre che della regia, si occupa anche della fotografia e l'apparenza è salva: illuminate con colori quasi baviani, certe caverne fumose fungono da belle scenografie naturali e alcuni incontri lasciano il segno. Peccato per O'Keeffe, che proprio attore non era e si vede (ma lo diventerà poi, strano a dirsi): del tutto inespressivo, nemmeno credibile come lottatore invincibile, può solo offrire il suo fisico palestrato e dei boccoli biondi da cherubino per un ruolo in cui chiunque appaia sul set gli ruba la scena: deliziosa la Circe del caso interpretata dalla splendida Laura Gemser, dolce e selvaggia la Siani con costume d'ordinanza. Gli altri sono soprattutto figure anonime pronte ad aggregarsi per le sfide: amazzoni a parte (un po' sottotono), colpiscono i mostri viventi in armatura (ma passano un attimo e via), i guardiani ciechi dello scudo magico riflettente che Ator sottrarrà per esigenze di guerra e i nemici ombra con i quali si consumerà un surreale scontro nel finale. Purtroppo l'approssimazione della sceneggiatura nonché l'evidente carenza di mezzi e idee confinano il film tra i tanti dimenticabili cloni di CONAN riallacciandosi idealmente agli antichi avventurosi italiani dei '50/'60 (che nella stragrande maggioranza dei casi tanto meglio non erano).
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Herrkinski 7/11/18 3:01 - 3969 commenti

Conan all'amatriciana che vede la presenza del semi-esordiente O'Keeffe nei panni del barbaro Ator, affiancato dalla sempre bella Siani che riprende un ruolo a lei caro in quegli anni (Sangraal, Il trono di fuoco). L'armamentario dei film in pellicciotto è tutto presente, tra scontri con mostri e nemici vari, magie, simpatici animaletti "mascotte" e un ragnone di peluche nel finale; Massaccesi riesce a tenere in piedi la baracca con totale sprezzo del ridicolo e il risultato può dirsi gradevole, pur se curiosamente un po' troppo family-friendly.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 4/11/18 16:10 - 2470 commenti

Si tratta di un valido fantastico chiaramente nato sulla scia del successo del più famoso Conan, al quale seguirono i vari Gunan, Kaan e similari prodotti sia in Italia che all'estero. Migliore dei successivi Ator, non presenta elementi trash né serpentoni di stoffa dalle dimensioni improbabili, anche se va segnalata la presenza di un dio-ragno realizzato neppure malaccio. Il cast non se la cava male, fatta eccezione per il protagonista principale, all'epoca culturista e novello attore che sfoggia la stessa espressione per 90 minuti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le ombre che popolano il vulcano.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Rigoletto 22/6/16 13:39 - 1255 commenti

A un anno dall'uscita di Conan il barbaro è tempo di battere il ferro finché è caldo. Massaccesi si mette in prima fila e raggruppa assieme il classico forzuto, due bellone e un paio di attori di lungo corso (Purdom e Pazzafini) nella speranza che tirando un po' da una parte, un po' dall'altra, il risultato sia accettabile; in un certo senso ha ragione perché il film produrrà tre sequel, ma questo capostipite non brilla e non trasmette niente di particolare.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Jurgen77 10/10/18 10:11 - 572 commenti

Lasciando perdere i vari sequel, questa pellicola, seppur in un contesto di budget limitato, non è malaccio. Certo non ci si aspettino l'enfasi o la carica mitologia del classico di Milius, ma il belloccio e inespressivo Keeffe e il posteriore della Siani, uniti a una buona scenografia, fanno sì che il film non annoi e non scada eccessivamente nel ridicolo (cosa rara per Massaccesi). Discreti anche i cameo di Purddom e della sempre sensuale Gemser. Forse il migliore tra i cloni poveri di Conan.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)