Cerca per genere
Attori/registi più presenti

JUHA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/5/12 DAL BENEMERITO DEEPRED89

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Paulaster
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Deepred89
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Elduende


ORDINA COMMENTI PER:

Deepred89 27/5/12 21:50 - 3070 commenti

Riuscito omaggio al cinema muto che rielabora il melodramma nella maniera in cui L'ultima follia di Mel Brooks rielaborava il comico, omettendo però il colore e (re)introducendo le didascalie. Un'operazione quindi molto più radicale ma comunque efficace: merito del montaggio snello, dei folgoranti sguardi dei protagonisti, dell'indubbia classe nella costruzione delle inquadrature e della capacità di Kaurismaki di non prendersi troppo sul serio (complici anche le musiche sinth-pop, inizialmente stranianti ma che poi entrano in testa). Da vedere.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 4/10/13 9:56 - 2102 commenti

Kaurismaki affronta il cinema muto preservando il suo stile disincantato. Trama da “lui, lei e l’altro”, vive sull’espressività dei volti legati al regista, in un bianco/nero delicato. L’accompagnamento musicale è affidato al posto della classica a una musichetta popolare che rende più intimi i personaggi nordici e che stempera l’emotività. Di breve durata, nella tragicità di fondo si mantiene quel gusto a tratti farsesco, marchio di fabbrica del regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lei gli fa ombra con una pianta.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Elduende 14/12/18 16:32 - 20 commenti

Interessante, ancorché costruito su una sceneggiatura abbastanza banale e penalizzato da qualche ingenuità registica (l’uso di simbologie abusate e palesi, come il fiore che va alla deriva sulle acque del torrente, o Shemeikka che calpesta una farfalla per pura malvagità, risulta francamente indigesto). Discutibile la scelta dei pur bravi attori: la Outinen è un po’ troppo matura per recitare la parte dell’ingenua sposina: in fin dei conti Sakari è di poco più anziano di lei; e Wilms proprio non convince nella parte del fascinoso seduttore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli intensi primi piani della Outinen.
I gusti di Elduende (Drammatico - Horror - Thriller)