Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A CUORE FREDDO

All'interno del forum, per questo film:
A cuore freddo
Dati:Anno: 1971Genere: drammatico (colore)
Regia:Riccardo Ghione
Cast:Enrico Maria Salerno, Rada Rassimov, Colette Descombes, Luciano Bartoli, Luciano Telli, Gérard Falconetti, Giorgio Dolfin
Visite:1728
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 13
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/10/11 DAL BENEMERITO FAUNO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 3/5/15


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 29/4/15 15:22 - 5737 commenti

Salerno e la Rassimov sono attori di una classe oggi perduta e il loro passo a due tra l'agio borghese e la libertà hippy - e tra il contegno e la subordinazione di lui e i capricci e le provocazioni di lei - è eseguito con la densità e l'artistica eleganza del cinema settantesco, complice altresì il virtuoso effetto dello sfasamento temporale. Poi Ghione cambia rotta, e per dimostrare la sua antropologia della ferocia, dell'avidità e della vigliaccheria si spinge sino all'exploitation più irritante e gratuita. Salerno qui è candido e inerme come un agnellino, ma presto saprà farsi lupo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sulle riserve di caccia: «Quando un animale uccide un uomo, questo si chiama ferocia; quando un uomo uccide un animale, questo si chiama sport...».
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Deepred89 10/9/14 13:10 - 3011 commenti

Un bis settantiano visionato "al buio" può sempre riservare sorprese, ma è difficile sospettare che un VM14 datato 1971 possa lasciare un simile senso di amarezza. Si parte col solito matrimonio allo sbando con hippies sullo sfondo, il tutto ben diretto, musicato con classe e montato sapientemente, poi il clima comincia a farsi teso e ciò che viene colpisce duro, in maniera sicuramente gratuita (Salerno poi è dipinto con un candore che manco Cestiè), ma in anticipo su Boorman o Craven e senza ombra di catarsi. Ghione sapeva il fatto suo.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 27/5/15 10:59 - 2550 commenti

Un dramma borghese composto di bramosia, slealtà, un finale al cardiopalma e viva tensione rivela un cinema, quello degli anni Settanta, capace di essere avveduto e allo stesso qual tempo istantaneo che, rivisto oggi, assume un valore aggiunto che non è sempre e solo scaturito dalla nostalgia. Improbabile la Rassimov nei panni di un’ex hippie; più plausibile, invece, quello della mogliettina capricciosa (in tale contesto dà il meglio di sé); in contrapposizione Salerno miscela magistralmente conformismo e debolezza.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Herrkinski 4/6/15 4:28 - 3848 commenti

Interessante dramma che mette in scena un rapporto controverso; se da un lato la fredda cattiveria egoistica della protagonista sembra a senso unico, Ghione riesce anche a creare una certa ambiguità nel personaggio di Salerno, a cavallo tra sottomessa ingenuità e becero maschilismo. Le ostilità deflagrano grazie all'elemento esterno degli hippies nel finale catartico e crudele, che amplifica le assonanze con certi lavori di Di Leo, su tutti Brucia ragazzo, brucia. Non male il montaggio alternato tra presente e brevi flashback; avanti sui tempi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'assalto e il finale.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Trivex 11/5/15 8:58 - 1346 commenti

Indubbiamente controverso, amaro e inquietante. Oltretutto il dramma ha una dinamica - almeno per me - inaspettata e questo contribuisce senza dubbio positivamente. Personalmente, però, ho trovato la prima ora del film estremamente noiosa, nonostante rappresenti spaccati sociali sicuramente attendibili per l'epoca (e in parte riscontrabili forse anche al giorno d'oggi). I personaggi sono caratterizzati con discreto profitto, anche se con il "direttore", nella sua assurda ingenuità, forse si è calcato troppo la mano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il "gioco" di borsa facile; Il coltello impugnato con la banconota.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Lucius  25/11/14 19:26 - 2623 commenti

Una magnetica Rassimov interpreta una hippie entrata suo malgrado nella vita di un ricco borghese che la tiene legata a sé da un rapporto ossessivo. Un concentrato di pulsioni, desideri indomiti e un certo masochismo intrecciati in un meccanismo a orologeria, con una miccia che una volta accesa porterà a una deflagrazione di violenza, ma anche di liberazione. Nessuna gabbia, neppure la più dorata, potrà mai imprigionare uno spirito indomito. Un torbido delirio la cui parola d'ordine è uxoricidio.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 17/8/15 16:45 - 2442 commenti

Con gli altri film di Ghione condivide l'indubbia originalità tematica, frenata però da paradossali inibizioni (leggasi pure superficalità) cinematografiche. Qui la consunzione della coppia borghese (ritratta con declinazioni diverse da Ferreri o Lattuada o Spinola, per citar nomi che vengono in mente alla visione della pellicola), s'innesta su modulazioni thriller, che anticipano Autostop rosso sangue restando tuttavia abbozzata più nella dinamica narrativa che nello studio dei personaggi (troppo inerte Salerno, stagliatissima Rada, evasivi gli hippies).
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 9/8/18 7:54 - 2073 commenti

Terribile davvero! La storia coniugale fra un ricco industriale e una ex-hippy dà al regista l'occasione di raccontare del solito contrasto fra gli ideali post-sessantottini e l'italiano borghese che pensa solo ai soldi. I personaggi, stereotipi di centinaia di discorsi fatti al bar, non cedono solo perché interpretati con professionalità. Voli pindarici continui fra passato e presente servono solo a farci aspettare pazientemente quel finale che arriva e che addirittura si tinge di giallo!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le lunghissime gambe di Rada Rassimov.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Fauno 4/10/11 21:13 - 1686 commenti

Uno dei film con più cattiveria in assoluto e in una sola direzione. In questo ruolo la Rassimov in versione bionda (specie se con pinocchietti e stivali) è insuperabile, mentre Salerno è bravo perfino nei panni del marito straricco, straremissivo e pochissimo altro. Fondamentale notare che gli hippies, pur sfogando qui una violenza da film pulp, non rinnegano mai i loro principi. La Descombes è poi la stessa vista in Orgasmo e conferma il suo ruolo negativo, ma globalmente c'è da domandarsi come si possano subire angherie a iosa e affronti del genere...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scenata dopo 25 minuti dovrebbe esser presa a modello di un millennio, ma tutte le altre sopraffazioni fan paura quanto un thriller.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Dusso 10/9/14 8:43 - 1525 commenti

Sinceramente il montaggio su più piani temporali è piuttosto fastidioso oltre che a lungo andare noioso, così come la violenza finale, tirata troppo per le lunghe. Del regista preferisco decisamente altro, anche se meno serio. Colpiscono molto comunque i dialoghi e le situazioni tra Salerno e la Rassimov, con un paio di scene memorabili. Ottima la Rassimov, ritmo un po' troppo lento anche causato dal montaggio.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Panza   3/4/16 13:38 - 1330 commenti

Hippie vs borghesia: tematica già usata da altri registi con stili diversi (vedi, ad esempio, Guerrini e Baratti) e qui ripresa da Ghione con uno stile particolare che affascina nel montaggio e nella sovrapposizione di più piani temporali. Soffre di una certa lentezza nell'avvio che serpeggia per tutta la durata, ma la conclusione amara e inaspettata è davvero un colpo di classe per come viene rappresentata. Bravo Salerno nei panni del marito impettito di fronte alle provocazioni di una conturbante Rassimov.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le sedie mosse dal vento.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Marcolino1 19/6/17 19:07 - 290 commenti

Il film è sostanzialmente un dramma sentimentale girato e recitato dignitosamente, con i relativi cliché senza grande inventiva. Fortunatamente troviamo una svolta di efferata violenza che ricorda, con le dovute differenze, L'ultima casa a sinistra di Craven che alza un po' il tono. Attuale ciò che il regista comunica: gli elementi della trasgressione e della contestazione antisociale sono assimilati e trasformati dai ricchi speculatori in una moda, mentre i finti trasgressivi demoliscono il capitalismo sguazzandoci dentro e assorbendone i privilegi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le banconote trasformate dall'artista dissacratore; Dopo la violenza, gli hippie rinunciano al bottino: sono la vera emarginazione, senza compromessi.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)

Alexpi94 27/10/17 13:12 - 142 commenti

Un vero e proprio gioiellino tra i vari prodotti post sessantottini a sfondo contestatario. Enrico Maria Salerno particolarmente misurato e molto in parte in coppia con una bella e spregiudicata Rada Rassimov. Le location sono magnifiche mentre stupenda (e a tratti quasi malinconica) è la colonna sonora composta da Stelvio Cipriani. Finale molto crudele e inaspettato, assolutamente da rivalutare!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le sequenze hippy con in sottofondo la versione strumentale di "Lyonesse" e l'incontro tra Enrico e Silvana.
I gusti di Alexpi94 (Comico - Commedia - Erotico)