Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GLI SBANDATI

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/6/11 DAL BENEMERITO GURU

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Saintgifts 12/9/13 10:05 - 4099 commenti

Andrea Ferruccio e Carlo, tre giovani che vivono assieme le conseguenze dell'armistizio dell'otto settembre 1943, con reazioni diverse. Nella conversione di Andrea pesa molto anche l'amore per Lucia, sfollata nella sua villa di campagna. Sceneggiato bene, inizia con la descrizione dei componenti la famiglia nobile (e ricca), creando così un giusto contrasto con gli avvenimenti tragici della seconda parte, che porteranno i protagonisti a fare scelte diverse. La regia del giovane Maselli è buona, coadiuvata da una fotografia veramente eccellente.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Rufus68 27/7/16 21:48 - 2011 commenti

Il regista romano denuncia l'ignavia dell'alta borghesia italiana durante il crepuscolo del fascismo e, nel farlo, adotta uno stile polito e impeccabile (che raggiungerà un insuperato vertice formale con Gli indifferenti). In tal modo, deprivando il film di una precisa carica ideologica, Maselli può far risaltare con più forza le ragioni di quegli avvenimenti, intese come tradimento di un intero ceto sociale, sospeso fra irresolutezza e puro tornaconto (sentimenti incarnati da Mocky, "l'indifferente" e dalla Miranda). Bellissima la Bosé.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Guru 10/12/11 17:55 - 348 commenti

Tema la guerra vissuta in modo impari dalla popolazione con risvolti psicologici e materiali differenti: chi si rifugia nelle agiate tenute di campagna, distante dal dolore e dalla sofferenza, chi costretto a mendicare la propria sicurezza vive alla giornata. Gli sfollati approdano dovunque non venga loro negata ospitalità! Ricostruire con le immagini i momenti tragici di quel periodo, mostrando un neorealismo composto e ordinato, non è facile, soprattutto per un esordiente. Buona la regia e la fotografia. Discreti i luoghi di ambientazione.
I gusti di Guru (Fantascienza - Giallo - Sentimentale)

Xabaras 17/2/18 3:44 - 185 commenti

Abbastanza deludente il titolo "Gli sbandati"; molto meglio quello del soggetto iniziale "Quando l'estate finì", a voler suggellare oltre che un'eclissi temporale anche la fine di un periodo (quello dell'innocenza adolescenziale) per i tre altoborghesi protagonisti: con l'armistizio del '43 essi verranno portati su strade diverse e riveleranno la loro vera natura che li guiderà inevitabilmente su direzioni divergenti. Impostazione di sinistra certo, ma anche grande purezza intellettuale nell'amministrazione del percorso tragico dei figuranti.
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)