Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL GIGLIO NERO

All'interno del forum, per questo film:
Il giglio nero
Titolo originale:The bad seed
Dati:Anno: 1956Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Mervyn LeRoy
Cast:Nancy Kelly, Patty McCormack, Eileen Heckart, William Hopper, Henry Jones, Evelyn Varden
Visite:1399
Il film ricorda:Il romanzo di Mildred (a R.f.e.), L'innocenza del diavolo (a Corinne), La morte corre sul fiume (a R.f.e.)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Uno dei migliori thriller di sempre, che nonostante un'inevitabile aderenza a stilemi ormai passati e un bianco e nero non particolarmente incisivo, si segnala per un'intensità non comune e una recitazione d'alta classe. Non solo è molto brava Nancy Kelly nel ruolo della madre continuamente scossa da sentimenti di odio e amore nei confronti della figlia, non solo Patty McCormack è esemplare in quelli della bambina killer, ma anche personaggi secondari come il giardiniere o la madre del bambino trovato morto sul pontile sono disegnati con cura e (soprattutto nel caso del giardiniere) interagiscono con i protagonisti in maniera perfetta. Merito della sceneggiatura che, essendo tratta da una pièce teatrale, chiaramente tende a valorizzare i dialoghi. La regia di Mervyn Leroy è concisa al punto giusto, mai prolissa e offre più di un momento di tensione. Non era facile affrontare un argomento tanto “scabroso” (forse non per la prima volta) in maniera così sincera ed efficace, quindi i meriti di THE BAD SEED (concettualmente il titolo italiano riprende ottimamente quello originale, sempre in riferimento al “seme cattivo” che può nascere anche nelle migliori famiglie) sono evidenti; la storia è più complessa di quanto non suggerisca la semplice lettura di una trama riassuntiva e comprende anche implicazioni psicologiche che seppur affrontate superficialmente, contribuiscono a rendere il film ancora più interessante. Proprio per questo va elogiata Nancy Kelly, sulle cui spalle pesa un personaggio di non semplice interpretazione. L'atmosfera strana, morbosa che pervade la vicenda (fonte d'ispirazione per multi film successivi, compreso il recente L’INNOCENZA DEL DIAVOLO) è resa molto bene e i colpi di scena non mancano.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 1/3/07 14:32 - 4165 commenti

Qui si parla di un piccolo mostro cinico, senza cuore e senz’anima, protetto da un involucro con le fattezze di un’ “adorabile” bambina praticamente perfetta. Non ha rimorsi, è gentile e zuccherosa. Bravissima la piccola attrice, ma notevole anche la madre, che sa che qualcosa non va in sua figlia nonostante sorrisi, baci e abbracci, ma vorrebbe sbagliarsi. Il conflitto interno la logorerà. Delizioso il giardiniere col suo ghigno. Ottimi dialoghi (psicologia infantile e ereditarietà). Grande!
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 17/7/14 7:46 - 5737 commenti

I titoli di coda si vantano di chiudere una pellicola insolita e impressionante, e ciò è a buon diritto, a cominciare dal “giglio nero” – piccolo mostro in gonnella, la cattiveria pura nascosta da vezzi e moine – sino alla Provvidenza che in ultimo rende giustizia; e la simpatica postilla finale suggerisce a genitori troppo remissivi il modo più sano per correggere siffatti figli, quasi a smentire le opinabili teorie deterministiche esposte e salvaguardare l’integrità della middle-class americana. Cast di ferro, orrore concreto, tensione autentica. Rifatto per la tv da Wendkos nell’85.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La disperazione della madre cui è appena morto il figlio; gli scontri tra Rhoda e il giardiniere; la parata degli attori finale.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daniela 5/2/11 19:51 - 7426 commenti

Bimbetta bionda cela dietro l'aspetto angelico la determinazione di un serial killer, la madre se ne rende conto e scopre pure la ragione del suo comportamento ma come impedire alla piccola di perpetrare altre malvagità, se la stessa non è in grado di rendersene conto? Retrivo come quasi tutte le opere sullo stesso tema quando individuano l'origine del male in elementi sovrannaturali oppure endogeni (qui l'ereditarietà), in gran parte ambientato in interni e basato su dialoghi, è comunque film intrigante, ben interpretato, di grande eleganza.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dialogo in giardino fra la bimbetta e il giardiniere.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 9/9/14 21:44 - 2072 commenti

Dramma da camera al femminile, recitato da dio (meravigliose Kelly ed Heckart, doppiate ad arte da Simoneschi e Morelli), nasce da un testo teatrale cui Le Roy non sempre conferisce soluzioni cinematografiche credibili. Voluminoso nello scandalo morale che mette in campo, intenso nella definizione dei caratteri, non riesce a dare scampo all'esistenza del male: se è vero che la causa genetica mette in salvo la società borghese, trasforma la piccola Rhoda in una forza neopagana della natura. Il finale non è quello messo in coda dalla Warner, in cui non sono i personaggi ad agire, ma gli attori.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Matalo! 21/11/11 20:21 - 1336 commenti

La discendenza teatrale si nota dall'impianto statico di gran parte delle scene e dai due a solo della madre del bambino annegato, vere entrate in scena teatrali. Il film di per sè non è così meraviglioso; per buona parte è noioso e vecchiotto, ma ha il merito di creare un personaggio memorabile e inedito. Può un bambino essere cattivo in fieri? Il film sposa una tesi deterministica razzista e che in fondo giustifica il crimine in quanto ereditario. L'avesse diretto Castle sarebbe stato più guizzante, ma quel che ha di buono è memorabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Kelly fa "giustizia"; La Comack con occhiali da sole (sembra lady Gaga).
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Lucius  27/9/10 13:48 - 2652 commenti

Avere un mostriciattolo in casa e non accorgersene, non voler accettare la cosa neanche quando questa è palese, rendersi poi conto che il mostriciattolo è un mostro e doversi arrendere davanti all'evidenza. L'ereditarietà, i geni e quanto altro, non bastano a placare l'orrore e il dolore che può provare una madre davanti ad un fatto così, e la Kelly è bravissima a trasmettere l'angoscia di un genitore che si sente finito davanti a circostanze personali così sconvolgenti. I tortuosi labirinti mentali vengono analizzati, ma è ormai tardi...
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 12/8/17 15:03 - 2496 commenti

Prezioso monile terrifico, si permette perfino il lusso di una non pedante e anticipatoria ironia metacinematografica. LeRoy, capitano di lungo corso, inquadra una piccola donna mostruosa descrivendola come un little Caesar anti-lombrosiano, grossolanamente tarata come un Viceré di De Roberto. Le pacchianerie pseudo ereditarie e il finale intorcinato tuttavia non infastidiscono perché congruenti al gioco da camera (oscura) che il film tesse, rendendo forse più inquietante la malvagità aprioristica della puer Rhoda (da sculacciate a scena aperta).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le urla del giardiniere sciroccato che sta morendo "carbonizzato" coperte dal piano e dal canto di Rhoda.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 24/5/16 9:05 - 2147 commenti

Precursore di opere come L'esorcista o Il presagio, il "seme cattivo" (traduzione dal titolo originale) descrive le gesta (fino a quel momento indicibili) di una bimbetta demoniaca, Shirley Temple avvelenata, discettando sulle origini genetiche del male puro, quello fine a se stesso. Purtroppo il coraggio del regista viene oscurato dal perbenismo dell'epoca e quel finale arrangiaticcio è davvero disturbante, rispetto al resto della storia. Ottimo cast e dialoghi molto appropriati.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Stefania 23/6/11 0:32 - 1600 commenti

Mostro della porta accanto? Magari! E' proprio dentro casa, così vicino da poterlo... accarezzare: è il tuo stesso sangue, è tua figlia. Il male deriva da cattivi insegnamenti o da cattivi geni? Non è rassicurante, il determinismo genetico, nel film di rassicurante c'è solo il finale posticcio, imposto dalla produzione. Molti dialoghi, lo sforzo di razionalizzare sacrifica l'azione: più che come thriller è pregevole come film documento su un'America che si interroga sulla propria impotenza contro un destino scritto nel sangue, un'infezione contro cui né ragione né morale sono validi anticorpi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il giardiniere a Rhonda: "L'ho capito che sei pazza e cattiva, perché lo sono anch'io...". Il suono del pianoforte di Rhonda e le grida di sua madre.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Gestarsh99 11/10/12 13:03 - 1061 commenti

Prima manifestazione cinematografica della intrinseca diabolicità dei bambini, concretizzata in un dramma da camera sull'ereditarietà del male disdicevolmente crudele per l'epoca, ben votato alla metodica demolizione del manicheismo buonista e dulciacquicolo applicato sino ad allora all'infanzia e all'immacolatezza morale dei suoi angelici mini-rappresentanti. Uno scarto perfido ed eversore che condona quella prolissa melodrammaticità nei dialoghi, spesso didascalici e contraddittori, pur all'interno di un assetto rispettosissimo dei sacri valori scritturali (la famiglia sana, il Bene che prevale, il castigo divino).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La folgore "castigatrice"...
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

R.f.e. 27/8/09 15:27 - 819 commenti

Film inconsueto ma meno trasgressivo di quanto sembri. Infatti, la teoria dell'ereditarietà tende a GIUSTIFICARE ansiosi genitori WASP sulla possibilità che nella loro famiglia modello, così sodale all'American Way of Life, nascesse un/una criminale o un/una serial-killer: "non avete sbagliato nulla... la colpa è di un 'bad seed' di cui voi NON siete responsabili". Comodo, ipocrita e decisamente mistificatorio. Comunque, un film intrigante, con toni da "favola nera", molto teatrale (si veda in particolare l'interpretazione della Heckart).
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Anthonyvm 23/9/18 23:50 - 628 commenti

Bellissimo dramma a tinte più che fosche, a un passo dall'horror puro, nonché capostipite di un'intera generazione di bambini cattivi del cinema. Un gran bel colpo al perfettismo all'americana che nel bel mezzo degli anni '50 era vivo più che mai: l'idea che il male possa annidarsi anche in ambienti all'apparenza impeccabili e non solo in un qualche brutto altrove è spiazzante, un po' superficiale forse, ma un'efficacissima provocazione. Indimenticabile il conflitto interiore di Nancy Kelly e ovviamente la diabolica Rhoda. Da vedere senz'altro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La madre del bimbo ucciso che, ubriaca, implora la famiglia di Rhoda di sapere la verità; La confessione di Rhoda; Il finale.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Corinne 7/2/11 23:13 - 379 commenti

Piccolo capolavoro del genere "bambini MOLTO cattivi", con ottimi interpreti e senza tempi morti, regge egregiamente le due ore e oltre. Più che un thriller, un melodramma a tinte fosche. Alcuni passaggi sono prevedibili ma non per questo meno godibili. Inquietante e coinvolgente.
I gusti di Corinne (Giallo - Horror - Thriller)

Addison 24/6/12 11:00 - 90 commenti

Efficace esempio di paranoia americana; una storia di per sè discutibile, ma che appare più interessante se vista come (involontaria?) metafora: il nemico è tra noi, finge di essere come noi e va schiacciato (si era in pieno maccartismo). Enfatico e grottesco, eppure funziona, grazie alle tre attrici - Kelly, Heckart e la piccola McCormack - tutte candidate all'Oscar e a un testo teatrale furbo e ben rodato. Ma la regia è abbastanza anonima e le concessioni alla censura rendono consolatorio e debole il finale (che nel dramma era perfido).
I gusti di Addison (Drammatico - Giallo - Teatro)

Vawe 26/9/11 22:58 - 61 commenti

Rhoda è una bella bambina, perfetta in tutto ciò che fa. Nonostante questo la madre la trova un po' diversa dai suoi coetanei e ne è preoccupata. I bambini, si sa, sono spontanei, la loro bontà/cattiveria è un turbine genuino. Rhoda incarna in sè il male, il male puro e semplice di colei che vuole tutto perché semplicemente le spetta. Un atteggiamento distruttivo per chi le metterà i bastoni tra le ruote. Pellicola cupa ed emozionante, ben recitata, forse un po' troppo lenta. Un vero gioiellino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Christine cerca la verità interrogando Rhoda ma lei non fa che farle le moine abbracciandola sdolcinatamente; Il frame finale, epico.
I gusti di Vawe (Horror - Teatro - Thriller)