Cerca per genere
Attori/registi più presenti

QUESTA SPECIE D'AMORE

All'interno del forum, per questo film:
Questa specie d'amore
Dati:Anno: 1972Genere: drammatico (colore)
Regia:Alberto Bevilacqua
Cast:Ugo Tognazzi, Jean Seberg, Fernando Rey, Ewa Aulin, Angelo Infanti, Evi Maltagliati, Ezio Marano, Marisa Belli, Giulio Donnini, Pietro Brambilla, Bianca Castagnetta, Margherita Horowitz, Anna Orso, Fernando Cerulli, Andrea Salvini
Note:Tratto dall'omonimo romanzo dello stesso Bevilacqua.
Visite:1341
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/12/10 DAL BENEMERITO RONAX

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 15/4/11 17:49 - 5737 commenti

Tognazzi si sdoppia e si prodiga tra serio e faceto, ma non riesce ad alleviare il peso dell’origine letteraria, reso particolarmente gravoso da flashbacks masochistici – le continue aggressioni dei fascisti - e dialoghi lambiccati che non portano a nulla. Prossime al manierismo, le ricercatezze scenografiche si diradano riconquistando autenticità nel momento di ritrarre i rustici rituali della cucina emiliana, contesto in cui il celebrante non poteva che essere lo stesso Tognazzi. Nel violento prologo le musiche di Morricone rispolverano le campane dei western di Sergio Leone.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I fascisti che devastano il giardino del vecchio Tognazzi.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daidae 31/1/13 18:16 - 2473 commenti

Non male. Parecchio lento e pesante nella prima parte, lo ho cominciato a gradire da metà film in poi. Tognazzi magistrale come sempre, la Seberg superba, bene il resto del cast (eccetto la Aulin che qui mi sembra alquanto spaesata). Regia solida, belle ambientazioni, film gradevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La distruzione del giardino da parte della teppa.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Saintgifts 23/12/14 21:23 - 4099 commenti

Film dall'atmosfera generale piuttosto triste. Vero è che ci sono anche momenti conviviali tradizionali del parmense, dove si beve Lambrusco e si assaggia il famoso formaggio grana; o le due sorelle, ex star dell'avanspettacolo, che raccontano dell'infanzia di Tognazzi figlio (Tognazzi interpreta anche la figura del padre idealista), ma la vena di tristezza rimane. E' un momento dell'Italia dove si gettano le basi per una società "moderna", una società che cambia anche i rapporti interpersonali, ma le ombre del passato incombono ancora.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Rufus68 17/7/18 21:40 - 2172 commenti

Non è la deriva letteraria a pesare ma quella, specifica, da Bevilacqua. Non convince il doppio ruolo di Tognazzi, la facilità dell'impianto storico (i flashback reiterati) e la nebulosità di quello psicologico per cui ogni personaggio rimane fondamentalmente indistinto perso com'è in dialoghi pretenziosi e vacui. E anche la festosità della provincia profonda pare manifestarsi in maniera un po' grossolana. Morricone morriconeggia risaputo.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Myvincent 22/5/11 15:00 - 2149 commenti

Un grande Ugo Tognazzi in un duplice ruolo drammatico di padre e figlio riesce a trasmettere un'ampia gamma di sentimenti e sfumature, in una storia che è in bilico tra due generazioni lontane. Il motore del film è una crisi coniugale che spinge due persone a trovare una dimensione autonoma per riaffermarsi; ritornando (nel caso del protagonista maschile) alle origini. Parrebbe tutto scontato, ma la mano del regista ne fa un racconto attento e accorto.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Lythops 23/9/14 13:29 - 963 commenti

Da vedere per le splendide interpretazioni del grande Ugo, totalmente fuori dai molti ruoli gigionesco-drammatici che gli sono stati assegnati e che qui interpreta contemporaneamente un padre proletario e un figlio arricchito. Dal punto di vista della denuncia sociale il film non è gran che, così come la sceneggiatura non pare all'altezza nell'approfondire il disagio di chi, semplicemente umano, si trova ad avere a che fare col mondo dei ricchi. Poco convincenti e inutili i flasback, ottimi Morricone e la Dell'Orso.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Ronax 13/12/10 20:22 - 756 commenti

Abbandonati i toni enfatici e i facili simbolismi de La califfa, Bevilacqua affronta la sua seconda prova da regista con un film tratto anch'esso da un suo romanzo e realizza la sua opera cinematograficamente più valida. Magistralmente interpratato da un Tognazzi che si fa letteralmente in tre (il protagonista, il padre da giovane e da vecchio), il film scava in modo non banale nei tormenti interiori dei personaggi e, pur fra sbavature e varie cadute retoriche, lascia più volte il segno. Magnifica Jean Seberg, lodevolmente contenuto Morricone.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La lunga sequenza della festa nella sontuosa villa nobiliare dove vivono Tognazzi e la Seberg.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)

Vitgar 27/2/17 12:24 - 586 commenti

Bevilacqua realizza una versione cinematografica del suo omonimo romanzo. L'operazione riesce bene e il film ottiene notevole successo di critica e di pubblico. Rivederlo oggi peraltro denota parecchie debolezze, in particolare una notevole lentezza narrativa, dialoghi "prestampati" e un uso eccessivo dei "flashback" storici. Innegabili alcuni momenti toccanti e dolcemente malinconici. Buon cast con Tognazzi in doppio ruolo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La grande cena sull'aia.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Kanon 13/4/11 11:25 - 566 commenti

Che dire di fronte ad un Tognazzi che per l'occasione si sdoppia nel ruolo sia di padre che di figlio, dominando e rubando continuamente la scena con tutta la sua immensa bravura nel tracciare gli stati d'animo, pensieri, ricordi e tormenti dei due parenti? Talmente incisivo che poteva bastare lui da solo, relegando la presenza della moglie a poco più di comparsa. Stupendo rapporto tra padre ex partigiano, saggio e stanco idealista che vede nel figlio un uomo "arrivato e sistemato" ed il figlio che invece sente tutto il peso del suo fallimento.
I gusti di Kanon (Commedia - Fantascienza - Thriller)

Etico 4/12/15 13:59 - 7 commenti

Due facce d’una medaglia, due porzioni della stessa noce. Tagliato a metà e visto in controluce, ecco il quadro di un'opera intensa e aspra di Bevilacqua. L'apparente attrazione/contraddizione dei sessi non conduce alla luce ma sconfina nel disequilibrio di due anime che mai si congiungono pur appartenendosi, due corpi sull’argine di un Po da cartolina anni ’70. Il romano Morricone intuisce da lontano la poesia delle contraddizioni e ci regala dal suo mondo di tonalità/atonalità una gemma senza tempo: da sentire, sulla pelle e nell'anima. Grazie!
I gusti di Etico (Commedia - Sentimentale - Teatro)