Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SCHIAVE BIANCHE - VIOLENZA IN AMAZZONIA

All'interno del forum, per questo film:
Schiave bianche - Violenza in Amazzonia
Dati:Anno: 1985Genere: avventura (colore)
Regia:Mario Gariazzo
Cast:Elvire Audray, Will Gonzales, Dick Campbell, Andrea Coppola, Dick Marshall, Alma Vernon, Grace Williams, Sara Fleszer, Mark Cannon, James Boyle, Rik Battaglia (n.c.)
Note:Aka "Schiave bianche - Violenza profonda" o "Schiave bianche - Il sesso e la violenza".
Visite:1814
Il film ricorda:Mangiati vivi! (a Buiomega71)
Filmati:
Approfondimenti:1) TUTTI I CANNIBAL MOVIES ITALIANI
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 6/5/08 23:36 - 3875 commenti

Terminale esempio di cinema estremo italiano (pur poco curato nella messa in scena) ambientato nella sterminata (e selvaggia) Amazzonia. Musiche ruffiane (ispirate al limite del plagio a Cannibal Holocaust) plasmate su sequenze - in prevalenza - erotico/morbose. Dei cannibali nemmeno l'ombra, anche se l'ambientazione, la messa in scena e la crudeltÓ (la scena d'aggressione ai danni d'un uomo da parte di un coccodrillo) lo legano, per confezione e stile, ai pi¨ riusciti titoli diretti da Lenzi o Deodato. Elvire Audray Ŕ fascinosamente aggraziata.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Deepred89 19/9/12 2:14 - 3040 commenti

Inizio alla Cannibal holocaust (con tanto di pseudointervista e titoli sulla foresta con musica ortolaneggiantissima), svolgimento sulla scia del Paese del sesso selvaggio, ma i risultati sono ben lontani dai due citati precursori. Fotografia scarsa, indigeni meno credibili del solito, dialoghi spesso sopra le righe (le lezioni di vita, in stile vecchio saggio da film di kung fu, del padre alla figlia), sesso e sangue a livelli non eccessivi. Anche se, va riconosciuto, l'avventura della Audray scorre bene e non ci si annoia un secondo.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 18/1/10 0:12 - 3941 commenti

Arriva fuori tempo massimo questo film di Gariazzo, che vorrebbe inserirsi nel filone "cannibal" reso famoso da Deodato e Lenzi. In realtÓ di cannibalismo qui c'Ŕ poco e niente (la trib¨ di selvaggi in questione non Ŕ antropofaga); non mancano per˛ parecchie sequenze di torture, decapitazioni e atrocitÓ assortite che accomunano il film ai pi¨ noti esponenti del filone, su tutti Cannibal Holocaust, di cui viene pure plagiata la musica e l'idea del filmato "reale". La morale finale Ŕ la solita, ma il film Ŕ godibile e mai volgare. Non male.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 5/2/09 13:50 - 2448 commenti

Mezza fesseria che tenta di mischiare thriller, cannibal (anche se la trib¨ dei "selvaggi" non pare sia cannibale ma colleziona teste..) e sentimento. Una giovane in vacanza coi genitori viene aggredita da una trib¨ di "cannibali" che massacrano i genitori e rapiscono lei; una volta inserita nella vita della trib¨ conoscerÓ l'amore di un indigeno. La trama pu˛ sembrare interessante, ma la recitazione, le scene splatter (qualcosa di comico) e altre delizie (su tutte il falso filmino che dimostrerebbe che questo film Ŕ basato su una storia vera) in realtÓ non lo sono affatto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il filmino amatoriale!
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Redeyes 18/8/18 11:18 - 1969 commenti

Cannibalico solo di sfuggita, del filone sfrutta le location, le atmosfere, depreda le musiche rizziane del capolavoro par excellance e poco altro. Al contrario, nonostante un incipit con poca pecunia e ars, la trama acquisisce una parvenza di dignitÓ, pur senza incidere minimamente puntando o sul gore o sul revenge classico, come a non volersi sbilanciare. La Audray, tutto sommato non dispiace e in certi frangenti pare persino credibile. Si lascia guardare, tuttavia, pi¨ per "collezione" che per diletto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La fine del fedifrago; La zia povera.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Trivex 27/5/14 15:11 - 1362 commenti

"L'inferno verde" visto dall'alto, la musichetta sdolcinata e il nemmeno troppo convinto tentativo di far apparire la storia come un fatto realmente accaduto. Dopo questo discutibile inizio il sangue comincia a grondare abbastanza copioso e l'area "cannibale" si fa sentire tra le zanzare e un paio di scene di caccia "ferina" che sembrano provocate per essere riprese (e per questo il film diventa provocatorio, con tutto il mio biasimo). Ci sono anche momenti di nudo e l'ambiente naturale Ŕ mostrato piuttosto bene.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Buiomega71 8/1/11 13:14 - 1845 commenti

Spacciato per un "cannibal movie", Ŕ in realtÓ la versione femminile di Un uomo chiamato cavallo, ottimamente resa da un Gariazzo in gran forma. A parte la scena del dildo presa di peso da Mangiati vivi, Gariazzo regala momenti da antologia: il massacro dei genitori della Audrey all'inizio, un indios appeso a testa in gi¨ e divorato dagli insetti, l'eccidio alla Soldato blu da parte di due mercenari in elicottero ai danni degli indios, la Audrey che suona il flauto nel bel mezzo della giungla con bimbi indios al seguito. Da riscoprire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale nemesiaco, con vendetta furente della Audrey; la Audrey che trova le teste dei genitori nella capanna.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Luchi78 22/2/11 17:54 - 1521 commenti

Il filone cannibal Ŕ difficilmente gestibile per quel che riguarda il contenuto delle scene che si vogliono rappresentare: in questo caso Gariazzo si limita a fare il minimo sindacale senza mai esporsi oltre il limite. La Audray non Ŕ di mio gradimento e la trovo palesemente fuori ruolo, soprattutto nei momenti topici in cui dovrebbe interpretare una feroce vendicatrice. Colpetto di scena nella parte finale che non aggiunge nessuna suspence al film.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Nicola81 5/11/14 23:35 - 1505 commenti

Falsamente spacciato per una storia vera, rappresenta uno degli ultimi esempi del nostro cinema avventuroso/cannibalesco, sebbene gli indigeni in questione stavolta non abbiano quella prerogativa. La violenza Ŕ ben presente, ma senza quegli eccessi cui ci hanno abituato i lavori di Lenzi e Deodato e si insiste maggiormente sulla bellezza della natura. Cast nel complesso anonimo, ma la Audray (molto spesso nuda) non Ŕ male e il film tutto sommato si lascia seguire. Discrete le musiche di Franco Campanino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La punizione inflitta alla coppia clandestina; La vendetta della Audray.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Maik271 25/5/15 18:40 - 436 commenti

Il film, inizialmente di stampo documentaristico, racconta di una giovane donna che si ritrova a vivere con una popolazione amazzonica. Gli effettacci sono obbligatori per il genere e Gariazzo non si risparmia; sfruttando poi il soggetto di Prosperi contamina il genere con una love story tra i protagonisti che occupa praticamente quasi tutta la pellicola. Sorvolando sullo spudorato plagio della colonna sonora di Cannibal holocaust (malriuscito peraltro), si pu˛ considerare un lavoro dignitoso.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Gabigol 19/10/18 7:36 - 249 commenti

Pi¨ sobrio ed elegante di quanto suggerisca il titolo. A differenza dei ben pi¨ famosi lavori di Deodato e Lenzi, questa pellicola si contraddistingue per una violenza col freno a mano tirato, la maggior parte delle volte suggerita; anche l'atmosfera, complice questa scelta, ne esce piuttosto rilassata e pulita. Sulla storia poco da dire: trattasi di un revenge-movie ambientato nella foresta amazzonica, con tutte le peculiaritÓ classiche di quelle vicende incentrate sull'incontro/scontro tra due mondi agli antipodi. Progetto onesto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'attacco del coccodrillo; La mattanza all'inizio del film; La tortura ai danni dell'indigeno; La risoluzione catartica nelle battute conclusive.
I gusti di Gabigol (Animali assassini - Fantastico - Horror)

Aal 30/8/09 10:20 - 244 commenti

Mario Gariazzo (alias Roy Garrett) confeziona un buon avventuroso che si inserisce nel filone cannibalistico solo per convenienza, visto che si tratta di una storia dove i cannibali sono presenti molto marginalmente. I paesaggi bellissimi, la natura incontaminata sono mostrati con un tocco di poesia in pi¨ rispetto alle truci pellicole a cui il film si ispira. La trama Ŕ sufficientemente sviluppata, con tanto di sub-plot sentimentale e il film non ha cadute di tono. Le caratterizzazioni sono efficaci, abbondano nuditÓ e la violenza non eccede.
I gusti di Aal (Drammatico - Fantascienza - Horror)