Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA GRANDE RASATURA

All'interno del forum, per questo film:
La grande rasatura
Titolo originale:The big shave
Dati:Anno: 1967Genere: corto/mediometraggio (colore)
Regia:Martin Scorsese
Cast:Peter Bernuth
Visite:425
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/10/10 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 3/10/10 10:14 - 7173 commenti

Dev'esserci proprio un'attitudine innata alla rappresentazione del sangue in Scorsese se fin da uno dei suoi primissimi corti trasforma la rasatura di un giovane in un bagno candido in un'esplosione splatter di sangue che sgorga copioso al passaggio della lametta... L'impatto è fortissimo e Scorsese lo gioca bene non solo perché inatteso, ma anche grazie al contrasto cromatico tra rosso e sangue (e pelle del ragazzo) nonché tra l'azione cruenta e l'espressione serena del protagonista, con tanto di canzoncina orecchiabile in sottofondo.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Caesars 12/10/18 9:34 - 2406 commenti

Bello il contrasto del bianco (del lindo bagno in cui si svolge la vicenda) e della schiuma da barba col rosso del sangue che sgorga sempre più copioso dal volto del protagonista. Tuttavia questo corto di Scorsese non riesce a convincere più di tanto, in quanto il messaggio di fondo non traspare con grande evidenza (critica alla guerra del Vietnam, come parrebbe confermato dall'enigmatica scritta finale?). Rimane comunque un lavoro interessante e da conoscere in quanto contiene già elementi del cinema più maturo del regista.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Fabbiu 9/5/12 1:58 - 1865 commenti

Certo che oggi un esordiente, con un corto del genere, non riscuoterebbe piu di tanti consensi; ma i tempi erano diversi, e Scorsese colpì la New Hollywood. Inaspettato arriva il sangue, accompagna piacevolmente la musica, al punto che inizialmente sembra quasi uno spot commerciale per un prodotto da rasatura. A testimonianza di una buona visione concettuale delle cose (guerra in Vietnam, parrebbe) il fatto che nel corto ci siano diversi ingredienti tipici della ricetta del suo cinema.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Buiomega71 26/2/15 21:24 - 1908 commenti

Forse uno dei cortometraggi più scioccanti e nichilisti mai girati. Scorsese, in poco più di 5 minuti, destabilizza con quella che pare una normale rasatura mattutina di un giovane e anonimo ragazzo americano. Pian piano l'inquietudine lascia spazio all'orrore, con il rosso vivo dello sgorgare del sangue, il ragazzo che continua a radersi e a massacrarsi il volto sino a diventare una maschera di sangue. Non pochi velati omaggi a Psyco (il sangue che cola nel tubo di scarico del lavandino) e un orrore impalpabile che mette non poco a disagio. Un pugno in faccia che lascia il segno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La canzoncina che amplifica l'effetto disturbante; Il primo piano del rubinetto, del water; Il sangue vivissimo che imbratta il lavandino.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Bubobubo 13/12/18 19:02 - 677 commenti

Quando le dimensioni non contano: corto sì, ma che segno indelebile lascia. Mentre l'America delle minoranze si agita e scalcia violentemente per reclamare il diritto alla voce, un wasp della middle class in un bagno più candido di lui si scortica facendosi la barba, denudandosi dell'epidermide superficiale e facendo scorrere a fiumi il sangue nelle tubature. Al di là dell'impatto visivo, comunque forte, è il polifonico discorso metaforico a interessare e a provare che, seppur giovane, questo Scorsese riusciva già a far saltare il banco.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Alex75 14/12/17 14:05 - 561 commenti

Minimale, ma di grande e disturbante impatto, per il contrasto tra l’atmosfera ovattata (enfatizzata dal morbido sottofondo jazz) e la crudezza della scena, col nitore delle ceramiche e delle superfici cromate rimpiazzato dal rosso cupo del sangue. In pochi minuti Scorsese offre un saggio di quello che sarebbe stato il suo cinema a venire e sembra lanciare una critica, con uno stile personalissimo, all’intervento americano nel Vietnam.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Fedeerra 11/12/17 0:12 - 268 commenti

Scorsese immortala il suo uomo con occhio ambiguo e malizioso, i riferimenti al mondo del cinema queer sono forse vaghi ma coadiuvano a far emergere l'estetica homo viril di tutto il cortometraggio. Il sangue, che fuoriesce dal volto e si adagia sul petto testosteronico del giovane e appagato protagonista, è disturbante e generoso. Notevole la scelta di girare il tutto in una piccola location di (finto) immacolato candore.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)