Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BALLATA DELL'ODIO E DELL'AMORE

All'interno del forum, per questo film:
Ballata dell'odio e dell'amore
Titolo originale:Balada triste de trompeta
Dati:Anno: 2010Genere: drammatico (colore)
Regia:Álex de la Iglesia
Cast:Carlos Areces, Antonio de la Torre, Carolina Bang, Manuel Tallafé, Alejandro Tejerías, Manuel Tejada, Enrique Villén, Gracia Olayo, Sancho Gracia, Paco Sagarzazu, Santiago Segura, Fernando Guillén Cuervo
Note:Aka "The last circus" ma non "La ballata dell'odio e dell'amore". Leone d'Argento e Miglior Sceneggiatura alla 67 Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia. Aka "Ballata dell'odio e dell'amore".
Visite:1202
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/9/10 DAL BENEMERITO GHIRLANDA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 12/3/14


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 20/4/18 10:25 - 7042 commenti

Ridi pagliaccio!? L’escalation di violenza sadomasochista del pagliaccio triste innamorato della bella acrobata è una sorta di disturbante esorcismo del franchismo: la follia del totalitarismo che nasconde la crudeltà sotto il perbenismo emerge prepotente nella bizzarra revenge-story che trasforma la realtà e i volti in buffe coloriture circensi e poi in puro horror pulp. E la lotta dei clown freaks e anti-felliniani assume contorni da disgustosa epopea del Male, tra citazioni storiche e filmiche. Eccessivo, ma impossibile restare impassibili.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 13/11/12 16:12 - 4090 commenti

Pellicola schizoide, che come un folle acrobata riesce quasi a stare in equilibrio tra assurdo-grottesco (le varie esagerazioni; il cane umano da riporto), drammatico (le conseguenze di odio e vecchi rancori) e comico-demenziale (il motociclista spericolato; l'elefantessa "buona" che mena e si era seduta sulla moglie del domatore...). I protagonisti sono in parte, il ritmo è pressochè costante; e i due rivali danno vita a uno scontro pulp, che finirà per coinvolgere anche il motivo della disputa. Il finale (pagliaccio allegro, pagliaccio triste) è degno di nota. Merita la visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il colonnello, guardando il pagliaccio ferito, dice: "E questo avrebbe massacrato le mie truppe?". Il clown, da terra, gli sorride, spruzzando acqua.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Schramm 21/9/12 13:20 - 2116 commenti

Dopo esiti non proprio briosi, a De la Iglesia torna la febbre altissima e con essa il suo alacre affastellare eccessi su eccessi, chili di sproporzioni con il senso dell'esagerazione barra megalomania che gli è proprio, centrifugando furiosamente più di mezzo scibile a costo di mandare in overload il fruitore: nel suo film più santasangriento e perditaduranghiano, il continuo stop-and-go dei discontinui registri narrativi se la gioca con sprazzi di incanto, la sciovinista corsa all'accumulo rischia di rendere tutto monocorde, noioso, cerebrale, freddo e separato dall'emotività della platea.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 7/10/12 20:34 - 6692 commenti

I primi minuti sembrano preludere ad un film "serio", ma ben presto si capisce che de la Iglesia continua a raccontare storie particolari e lo fa a suo modo, con uno stile folle e personale. E folleggiando folleggiando costruisce un gustoso fumettone pulp, pieno di inserti ironici e grotteschi, che può anche non piacere (non è proprio per tutti i gusti) ma a cui non si può negare un ritmo che si mantiene ininterrottamente alto per tutta la sua durata. Iperbolico ed ipertrofico, forse troppo. Ma lo spagnolo è così: prendere o lasciare.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 19/7/14 8:45 - 7290 commenti

Iniziano bene i film di de la Iglesia, peccato che - salvo rare eccezioni - poi si faccia prendere la mano da una voglia di stupire a tutti i costi con la conseguenza di mettere la palla al piede alla fiaba e denudare la metafora. Anche qui, dopo l'inizio promettente, c'è un accumulo di eccessi e stramberie che finiscono per stuccare, soprattutto perché alle maschere, pur suggestive, non corrispondono caratteri altrettanto definiti. Al termine, dopo il finale hitchcockiano, resta la sensazione di un grande talento visivo privo di rigore. Film comunque curioso, da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il trucca con soda e ferro da stiro.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 15/11/12 20:44 - 2072 commenti

"Se non fossi un clown sarei un serial killer". Naturalmente De La Iglesias intende avvalorare l'ipotesi fino in fondo. Lo fa in un quadro storico caricaturale - il franchismo, dagli albori al crepuscolo - in cui l'orrore e la mostruosità (come esemplificano i bellissimi titoli di testa) sono rigurgiti di una società soverchiata dal potere. Ma il clima è greve e, al di là della presunzione, la goliardia rimane fumettistica, l'accumulo frastornante, l'oltraggio retorico e la noia colpisce a tradimento. Fuori discussione la perizia tecnica. Stravisto il finalone da vertigine. Deludente.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 14/2/13 10:18 - 3013 commenti

Sorprendente film di De la Iglesia, la cui totale mancanza di freni inibitori (con eccessi sia a livello di trama che a livello registico) non basta a depotenziarne la carica esaltante e fascinosa, in grado di tenere incollati dal primo all'ultimo minuto per merito di personaggi fortemente e straordinariamente caratterizzati, di un ritmo vertiginoso e di una sceneggiatura ricchissima e mai banale. Ogni tanto si perde un po' il controllo del tutto, ma le emozioni per una volta piovono a raffica. Pur coi suoi difetti, imperdibile.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Saintgifts 5/12/15 10:10 - 4099 commenti

Non so se l'aspetto fisico, mostrato senza pudori, del grasso clown (Carlos Areces), in netto contrasto con la forza e la ferocia del suo agire, abbia una qualsiasi relazione con ciò che De La Iglesia abbia voluto dire, o semplicemente sia stato scelto perché era l'attore giusto. Difficile capire anche cosa De La Iglesia abbia voluto dire, tante cose ha detto, spaziando in diversi campi. Resta l'originalità dell'opera, che sfrutta, a man bassa e giustamente, tutto ciò che tecnologia e storia (del cinema) mettono a disposizione. Per certi versi notevole.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Didda23 23/12/13 22:00 - 1936 commenti

Fotografia curatissima e originale, registro che assume colori sempre diversi passando con facilità dal drammatico al comico, schegge impazzite di una violenza spropositata, sequenze stilisticamente perdifiato, fanno dell'opera di de la Iglesia un piccolo gioellino ingiustamente snobbato dal grande pubblico. Sentite e sofferte le prove attoriali, soprattutto quella della bellissima Carolina Bang. Un film assurdo e grottesco, che vale la pena di vedere anche solo per la perizia e la maestria tecnica di un regista che esprime al meglio il dono assegnatogli dal divino.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Mickes2 5/11/12 20:25 - 1550 commenti

Un tripudio di stile ed esuberanza, un virtuoso e incalzante addizionare sintassi, modi e toni. De la Iglesia gioca a flipper con i generi e li modella come il pongo, regalando al pubblico un qualcosa di iperdinamico e fascinosamente picaresco dall’umorismo corrosivo e dalla violenza pulpeggiante che scintilla giocando col grottesco e i personaggi pittorici che popolano questa favolona romantica e crudele - inserita dentro un contesto non banale ma forzato - con al centro l’amore (distruttore di anime) e il suo irrinunciabile bisogno.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La bellissima Carolina Bang.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Pumpkh75 19/6/14 17:44 - 1081 commenti

Variopinto, spiazzante, schizofrenico, provoca uno stordimento tipo quello del fanciullo eccitato in un negozio di caramelle. C’è anche del dolore e tanta sofferenza, sia storica che intima, ma a prevalere e a inzuppare è l’aspetto grottesco e compulsivo, con il risultato che il mix finale avvince e stordisce senza sosta se non forse in un finale dove il cerone si sfalda e risuona il tilt. Alzi la mano chi non ha desiderato di essere il pagliaccio personale di Carolina Bang.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Cloack 77 19/2/13 2:55 - 547 commenti

Chiaro che, in tale caos, si possa respirare un soffio di Fellini solo nell'ambiente misero del circo; poi è la mano greve, pesante di De la Iglesia, a menare le danze, con tutto quel che ne consegue. Sono gioie e dolori: sequenze affascinanti e altre che precipitano dal grottesco all'horror al fumetto che fanno smarrire al film la strada della credibilità. De la Iglesia accumula esagerazioni senza sosta e il grottesco necessario si tramuta in un fantsy gotico che dimentica lo scopo in balia dell'eccesso.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Saintjust 10/11/15 19:33 - 111 commenti

Le immagini d'apertura sono alquanto suggestive e ben predispongono a quanto verrà dopo ma, com'è tipico di De la Iglesia, il seguito è simile a un maxi super mega Big Mac: pieno di troppi ingredienti. Per quanto essi possano essere gustosi presi separatamente, assunti contemporaneamente risultano indigesti. Peccato, perché la cornice franchista era un'ottima idea, lo scenario disastrato perfetto, la contrapposizione, in una crescente sfida pulp, tra i due clown azzeccata e la mogliettina di de la Iglesia aveva una parte calzante. Too much.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I titoli di testa; L'asino zebrato; L'amplesso nel bar.
I gusti di Saintjust (Fantascienza - Gangster - Horror)

Ghirlanda 13/9/10 15:25 - 58 commenti

Un'esplosione di crudeltà e colore per il nuovo film di uno dei registi spagnoli più acclamati: alla base una storia d'amore senza esclusione di colpi tra il pagliaccio triste e quello sorridente all'epoca di Franco, riesumando il tema classico della donna contesa. De la Iglesia diverte, tiene il fiato sospeso, commuove, cambia registro quando deve, condendo tutto in salsa pulp come piace a Tarantino, entusiasta alla fine della proiezione veneziana. Un turbinio di emozioni che spiazza per l'ironia grottesca cara alla filmografia del regista.
I gusti di Ghirlanda (Fantascienza - Horror - Teatro)