Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PSYCHOS IN LOVE

All'interno del forum, per questo film:
Psychos in love
Titolo originale:Psychos in love
Dati:Anno: 1987Genere: horror (colore)
Regia:Gorman Bechard
Cast:Carmine Capobianco, Patti Chambers, Carla Bragoli, Carrie Gordon, Angela Nicholas, Debi Thibeault, Cecelia Wilde, Robert Suttile, Lum Chang Pang, Danny Noyes, Herb Klinger, Wally Gribauskas, Peach Gribauskas, Ed Powers, Frank Christopher
Note:E non "Psycho in love" o "Psycos in love". Disponibile in VHS (label Skorpion Video).
Visite:557
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/10/14 DAL DAVINOTTI
Joe (Carmine Capobianco) e Kate (Debi Thibeault) hanno soprattutto due cose in comune: odiano alla morte l'uva in ogni sua forma e amano fare a pezzi la gente per hobby. Lui fa il barista, lei la manicure, e quando s'incontrano capiscono subito di esser fatti l'uno per l'altra. Fin lì li avevamo visti accoppare il prossimo ognuno per conto proprio, con storie separate ma molto simili: appuntamenti (di sesso lui, di lavoro lei) regolarmente da concludersi in un bagno di sangue e col sorriso sulle labbra. Già, perché i due prendono il loro passatempo con allegria e il film ne segue la spensieratezza secondo le regole della black comedy più splatter, in puro eighties style. Gli effetti sono quello che sono, ma di certo il sangue schizza in quantità, anche perché verso metà film si fa strada un terzo "psycho"; lui non "in love" come gli altri due ma con tendenze cannibali: trattasi di un idraulico con l'abitudine di papparsi i clienti dopo avergli sturato i lavandini. Come ben si può capire siamo dalle parti della commedia demenziale, con due protagonisti (più uno) sopra le righe che tuttavia sanno anche rendersi simpatici. Soprattutto Capobianco, col suo cinismo e la sua levità, si dimostra narratore non disprezzabile (oltre che autore delle musiche e dei pezzi cantati che di tanto in tanto rendono il film ancor più bizzarro), perfetto per il ruolo e agli antipodi rispetto alla greve disperazione di un Joe Spinell. Certo parlare di regia pare eccessivo: Gorman Bechard, che gira in 16mm (il film al cinema non è mai passato), si limita a piazzare la camera e riprendere, lavorando semmai col montaggio per cercare di dare un po' di vivacità a un prodotto altrimenti decisamente elementare nella messa in scena e basato più che altro sull'effervescenza di alcuni dialoghi e l'avvenenza di qualche interprete sexy (prima fra tutte la Thibeault stessa, aria sbarazzina, maliziosa e insieme acqua e sapone unita a un fisico da pin-up). Curioso il remake molto scrupoloso dell'omicidio sotto la doccia di PSYCO (roba da far invidia a Van Sant), giusto per pagare il corretto tributo a chi ha "prestato" parte del titolo. L'idraulico si segnala per l'abitudine di sgranocchiare dita tagliate, ma come gli fa notare Joe non è molto facile mandare avanti il lavoro se ti mangi i clienti... Siamo dalle parti di Paul Bartel o Bob Balaban, ma naturalmente con meno sapienza e competenza. Un divertissement che ha comunque trrovato i suoi estimatori: sarà forse per la furia citazionistica dei due protagonisti, nel film amanti dichiarati di Jason e di tanto cinema horror di quegli anni.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Hackett 1/12/19 12:31 - 1617 commenti

Tra commedia, slasher e (incredibilmente) storia d'amore, questa originale pellicola anticipa di anni l'argomento degli omicidi di coppia esploso in seguito con Natural born killers e ci regala un'avventura macabra e a tratti spassosa davvero convincente. I protagonisti parlano alla telecamera e raccontano la loro storia d'amore condita di delitti quasi fossero ospiti di un programma televisivo. Il contrasto tra la ferocia degli omicidi e la leggerezza della scrittura funziona e crea una pellicola speciale. Da vedere.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Anthonyvm 20/2/18 15:54 - 1140 commenti

Black comedy a tinte splatter (ma non eccessive) che riesce incredibilmente a essere sia pecoreccia che geniale. La realizzazione è a un passo dall'amatorialità, ma la coppia di protagonisti (Capobianco specialmente) è grandiosa, i dialoghi evitano intelligentemente la comicità triviale e cercano di essere assurdi e divertenti come si deve, molte gag sono centrate e il weird è onnipresente (dall'idraulico cannibale al metacinema, con tanto di rottura della quarta parete). Citazioni a iosa, musiche azzeccate e canzoni cheesy, uno spasso!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Dichiarazione d'odio nei confronti dell'uva: "Io odio l'uva, non riesco a sopportare l'uva, io detesto l'uva!".
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)