Cerca per genere
Attori/registi più presenti

11. HEIMAT - LA FESTA DEI VIVI E DEI MORTI

All'interno del forum, per questo film:
11. Heimat - La festa dei vivi e dei morti
Titolo originale:Heimat - Eine Chronik in elf Teilen - Das Fest der Lebenden und der Toten
Dati:Anno: 1984Genere: drammatico (colore)
Regia:Edgar Reitz
Cast:Marita Breuer, Peter Harting, Mathias Kniesbeck, Dieter Schaad, Sabine Wagner, Kurt Wagner, Michael Kausch, Gertrud Bredel, Ruediger Weingang, Karin Rasenack
Note:Undicesimo film e ultimo della saga di Heimat. Il film è sia in bianco e nero che a colori.
Visite:199
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/1/10 DAL BENEMERITO PINHEAD80

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 24/8/19 13:03 - 7006 commenti

Anche Maria è passata a miglior vita e con la sua morte si chiude un'era a Schabach. Ultimo bellissimo episodio della "serie" pieno di toni funebri e melanconici: regala svariati momenti indimenticabili (il funerale di Maria con la bara sotto la pioggia lasciata incustodita per strada; Maria che incontra tutti i morti; la casa dei morti) e frasi memorabili. L'ultima parte, con la festa dei morti e dei vivi, non si può dimenticare. E forse tutta la vita non è altro che una festa di vita e morte che convivono e banchettano insieme in modo più (in)consapevole. La degna chiusa di un capolavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Maria sulla tv: "è roba per gente che vuole morire sola"; Paul ad Hermann: "Abbiamo girato il mondo senza aver capito nulla".
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Saintgifts 11/3/14 16:42 - 4099 commenti

La bara di Maria lasciata in mezzo alla strada sotto il temporale è una delle tante speciali immagini di questo lungo racconto che va dal 1919 al 1982, dove la vita di Schabbach rappresenta la vita della Germania prima e dopo la Seconda Guerra Mondiale. Anche in quest'ultimo capitolo Reitz mantiene la grande qualità che ha connotato tutto il lavoro e con la morte di Maria, personaggio centrale e di Glasisch, voce narrante e cronista, si riesce ad andare oltre e a rivedere, in un aldilà vicinissimo a noi, tutti coloro che li hanno preceduti.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Pinhead80 13/1/10 13:46 - 3452 commenti

Siamo arrivati dunque alla fine dell'epopea delle famiglia Simon e delle altre famiglie di Schabbach. Ed è la festa dei vivi e dei morti, chi muore e chi fa festa. Tutto ciò dà una sensazione di continuità; altre generazioni costruiranno la storia di Schabbach e della Germania. Anche quest'ultimo film è poetico e raffinato. Ricordatevi che in cielo si parla il dialetto dell'Unsruch...
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)