Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UNA DONNA ALLA FINESTRA

All'interno del forum, per questo film:
Una donna alla finestra
Titolo originale:Une femme Ó sa fenŕtre
Dati:Anno: 1976Genere: drammatico (colore)
Regia:Pierre Granier-Deferre
Cast:Romy Schneider, Philippe Noiret, Victor Lanoux, Umberto Orsini, Gastone Moschin, Martine Brochard, Delia Boccardo, Neli Riga, Carl M÷hner, Joachim Hansen, Paul Muller, Camille Piton, Aldo Farina, Jean Martin (n.c.)
Note:Dal romanzo ôUne femme Ó sa fenŕtreö di Pierre Drieu La Rochelle, finora inedito in Italia.
Visite:539
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/9/09 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 20/9/09 17:24 - 5737 commenti

Suddivisa in due tempi dall'ordine cronologico invertito, una trasposizione del romanzo di Drieu La Rochelle nella Grecia del colpo di stato di Metaxas (1936), che narra l'amour fou tra la moglie di un diplomatico italiano e un comunista ellenico. Graniere-Deferre aderisce ad una rigida struttura letteraria dall'incedere molto lento, ma aggraziata in dialoghi e digressioni ed impreziosita dalla luminosa fotografia di Tonti e dalle suadenti note di Rustichelli. Il fascino della Schneider accompagna i sobri Noiret e Orsini e l'opprimente commissario "nero" Moschin.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daniela 17/9/18 22:16 - 7404 commenti

Durante il colpo di stato fascista del 1936, la moglie dell'ambasciatore italiano in Grecia si innamora di un comunista in fuga... Confezione di pregio (fotografia di Tonti, musiche di Rustichelli), la luminosa Schneider che compensa col suo fascino lo scarso carisma del coprotagonista Lanoux, un cast di contorno pregevole e ben assortito: gli ingredienti per un bel film c'erano ma il difetto sta nel manico. La sceneggiatura che il comunista Semprun ha tratto da un romanzo del fascista La Rochelle Ŕ infatti pasticciata, troppo sbilanciata sul cotÚ romantico, pesantemente letteraria, banale.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Daidae 18/5/12 21:36 - 2422 commenti

Francamente l'ho trovato noiosissimo, senza mordente nÚ passione. Non basta la presenza di un cast superbo, che riesce comunque a brillare, per salvarlo. Film che visto una volta difficilmente invoglia a rivederlo. Buone le musiche. Mediocre.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Saintgifts 3/5/14 10:26 - 4099 commenti

L'aggettivo possessivo che manca nel titolo italiano Ŕ importante per indicare meglio il tema del film. Margot Ŕ la donna alla sua finestra, una donna che scopre se stessa in circostanze particolari (il colpo di stato di Metaxas, nel 1936, in Grecia), presa tra pensieri e uomini diametralmente opposti. Incentrato sulla Schneider, che tratteggia molto bene la figura di Margot, il film vede nel cast anche un convincente Philippe Noiret e un Gastone Moschin che sa interpretare bene anche la parte del cattivo. Richiami alla passata civiltÓ ellenica.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 21/6/11 15:31 - 3183 commenti

La passione della moglie di un diplomatico italiano in Grecia per un comunista greco. Una narrazione in due ben distinti spazi temporali che mostra una certa lentezza nonostante l'elegante confezione. La tendenza al polpettone melodrammatico Ŕ in agguato, anche se la grazia della Schneider Ŕ inappellabile.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Rufus68 3/8/17 19:07 - 2066 commenti

Leccato e non sofisticato, smanceroso e non melodrammatico, confuso e non complesso: gli eventi storici del 1936 (la dittatura greca, il comunismo internazionale) costituiscono un semplice fondale contro cui organizzare una storia d'amore alquanto ordinaria. Davvero interessante solo l'apertura a Delfi. La Schneider Ŕ bella, ma qui si distinguono Orsini, credibile come aristocratico cosmopolita e il grande Noiret, spasimante incerto. Bravo Rustichelli con un tema semplice ed efficace.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)