Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BASTA CHE FUNZIONI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 41
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/9/09 DAL BENEMERITO HARRYS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/10/09
In quasi tutte le commedie di Woody Allen in cui il nostro è solo regista c’è in scena qualcuno che si trasforma in una sorta di suo alter ego. L’eccellente Larry David, in questo caso, lo fa benissimo. Non è difficile leggere attraverso le sfumature del carattere del suo Boris quelle che sarebbero potute essere le coordinate di un perfetto cinico vecchiaccio alleniano. Certo, Boris è più perfido, misantropo, ipocondriaco del previsto, ma gli atteggiamenti sono quelli tipici, i balbettamenti e le risposte spiazzanti pure. Quando Allen aveva incontrato Mira Sorvino in LA DEA DELL’AMORE non era poi così lontano da questi risultati. L’umorismo, tuttavia, è degno dei migliori film del regista, proprio perché l’insistere sul feroce senso di superiorità di Boris nei confronti della ragazza che ospita a casa (Evan Rachel Wood, dolcissima) produce gag notevoli e crea un rapporto che sa essere talvolta esilarante. Lei lo considera un genio, lui una svampitella subnormale su cui sfogare il suo odio (poco) represso nei confronti del mondo “convenzionale”. Parrebbe che i due non possano mai incontrarsi mentre invece, per merito di lei, l’impossibile avviene. Questo nella prima parte, quando Allen può giocare a lungo sulla situazione. Dall’arrivo imprevisto della madre di lei nella casa di Boris (con conseguente primo svenimento) le cose cambiano: le battute pungenti si diradano e l’attenzione si rivolge ai nuovi personaggi, al loro relazionarsi coi protagonisti. Nonostante tutto la sceneggiatura regge bene il cambio di direzione e, grazie anche all’entrata in scena di Ed Begley jr. (il padre della giovane), non si può dire che Allen non abbia saputo gestire con intelligenza pure la seconda parte. La forza sta insomma nella sceneggiatura, come sempre, nel saper sempre deviare dai percorsi banali per proporre una visione personale e intrigante del rapporto uomo-donna. Nella sua canonica ora e mezza quindi, BASTA CHE FUNZIONI funziona, e il gioco metacinematografico emerge nell’ultima scena: Larry guarda in macchina e si rivolge direttamente al pubblico, chiudendo simpaticamente un film che ha tutte le carte in regola per essere ricordato tra le più divertenti commedie alleniane in cui Woody non compaia.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 12/10/09 6:52 - 10715 commenti

Woody Allen è tra i pochi autori sempre fedeli a sè stessi ma (quasi) sempre incisivi. Lo conferma Basta che funzioni, una delle sue migliori commedie (e suo migliore film dai tempi dell'ottimo Match Point). Merito sopratutto di una brillante sceneggiatura, che si avvale di ottimi dialoghi e dell'eccellente prova del protagonista, la rivelazione Larry David, che incarna un vero e proprio alter ego del regista, affiancato da un buon cast di comprimari.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 5/8/10 22:27 - 4189 commenti

Il rivolgersi al pubblico all'inizio non mi ha certo ben disposto (è una cosa che detesto). Ma poi, per fortuna, il burbero, acido, genialoide gerontoprotagonista mi ha rimesso di buon umore. E devo dire che la parte centrale con i botta e risposta e la sua filosofia mi ha abbastanza soddisfatto, anche se la situazione mi ricordava troppo quella tra Woody e la Sorvino ne La dea dell'amore. Poi però, dall'arrivo della madre alla sua forzata trasformazione, con aggiunta del padre pentito, mi sono abbastanza cadute le braccia. Comunque, volpone Woody sa cosa vuole il suo pubblico e glielo dà.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lei: "Mi capisci?". E lui: "Se capisco la fisica quantistica, posso capire i discorsi di una majorette submentale".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 3/12/10 13:48 - 5737 commenti

Sì, il film di Allen funziona, per la maniera in cui rinverdisce un repertorio sostanzialmente immutato - le riflessioni esistenziali nella New York intellettuale e progressita, la causalità e instabilità dell’amore – e ne potenzia i mezzi espressivi attraverso dialoghi sempre più effervescenti, torrenziali e sofisticati, spiritosi ammiccamenti agli spettatori, una fotografia solare e raffinata. Il cabarettista televisivo Larry David, anziano ometto ebreo, malaticcio, colto e caustico, è un perfetto alter ego dell’Allen attore: anzi, ne diventa il sosia cinematografico.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 26/9/09 1:38 - 1495 commenti

Ormai Allen ha scelto una struttura ben definita per i suoi film, che sono da considerare variazioni su un tema. Questo però non rende questo Whatever Works meno grande di quanto sia: sceneggiatura oliata alla perfezione ed un mare di battute una più spassosa dell'altra. Il regista riesce a rendere impagabile il contrasto tra due cliché, l'intellettuale vecchio, misantropo ed incattivito e la giovane bella svampita del sud degli States. Spero con tutto il cuore che Allen viva fino a 130 anni e ci regali molte altre commedie come questa.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 17/9/11 14:04 - 6827 commenti

Tra gli ultimi di Allen uno dei più interessanti, non solo per la qualità dei dialoghi (più curati e decisamente riusciti) ma anche per la presenza di un personaggio decisamente poco simpatico quando non sgradevole che, logorroico e depresso incurabile, inanella una serie di tirate e di discorsi come nella miglior tradizione alleniana, pur senza raggiungere i fasti dei capolavori passati ma colpendo il segno diverse volte, divertendo (alcune battute sono notevoli) e attestandosi su livelli che non sempre il regista newyorchese ha raggiunto da un po’ di tempo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 29/9/09 11:09 - 1546 commenti

Storie di vite fallite con riscatto a New York. Parlando agli spettatori della sua filosofia di vita, Boris che odia tutto e tutti e non riesce nemmeno ad ammazzarsi scopre che in fondo non si sta così male, se sei innamorato. Assunto banalissimo ma svolto in maniera irresistibile da Allen, che saggiamente mette in scena un suo alter ego e resta dietro la macchina da presa. Battute a raffica, notazioni agrodolci sulla vita e sul perché sia tanto difficile capire che, in fondo, per essere felici non serve molto. Nulla di nuovo, ma funziona benone.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 7/2/10 10:48 - 7490 commenti

E'zoppo, misantropo e pieno di sé, non si tratta di House ma dell'ultimo alter ego di Allen. Dopo la mediocre trasferta spagnola, inspiegabilmente pompata dalla critica, Allen torna a New York e ritrova una buona vena. Fin dalle prime battute, l'eccellente Larry David riesce a conquistare la complicità della platea, cui si rivolge direttamente, per cui si seguono volentieri le sue (dis)avventure alle prese con con una ragazza dolce e svampita, i genitori di lei, i tentativi di suicidio maldestri. Commedia piacevole, dagli sviluppi non banali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lui in piena crisi di panico: "Ho visto l'abisso" - Lei cambiando canale alla tv "adesso metto qualcos'altro".
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 18/7/13 8:58 - 2383 commenti

Allen ritorna, momentaneamente, a girare a New York e ci ripropone un film per lui tipico: commedia ben sceneggiata, molto dialogata e con bravissimi attori. Particolarmente azzeccata si rivela la scelta di Larry David per impersonare il suo alter ego, ma anche la coprotagonista Evan Rachel Wood è perfetta nella parte di ragazza svampita. Sicuramente non c'è molto di nuovo in questo lavoro, ma chi apprezza i vecchi film del regista troverà pane per i suoi denti. A mio parere più convincente la prima parte rispetto alla seconda. ***
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Vstringer 1/11/09 23:54 - 349 commenti

Inattesa incursione di Larry David nel cinema-cinema come perfetto alterego alleniano, portavoce del suo pessimismo e della sua misantropia aggiornata ai tempi nostri: gli fa da contraltare una Wood deliziosa e perfetta, finalmente con un ruolo adeguato al suo talento (su cui c'era da giurare sin dai tempi di Simone). Il livello della sceneggiatura è il livello medio alleniano, ovvero alto e le chicche non mancano; l'intreccio mantiene sufficiente coerenza e credibilità perfino nel convulso quarto d'ora finale. Lunga vita al grande Woody!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arrivo di Marietta a casa degli sposi.
I gusti di Vstringer (Commedia - Drammatico - Musicale)

Capannelle 20/10/09 10:10 - 3489 commenti

Già dalla prima frase si capisce che è un film di Allen. La novità è che è un buon film. Una commedia brillante che vede protagonisti un perforante Larry David e la Rachel Wood, attrice versatile e fresca. Il contrasto tra i due personaggi funziona bene ma una marcia in più arriva con l'ingresso della suocera e il suo processo di "rieducazione metropolitana". Regia attenta e copione discreto che non eccede in bizantinismi o situazioni radical-chic. ***
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 27/1/15 12:34 - 1338 commenti

Sono diviso: da un lato trovo sia consolatorio, dall'altra dice le cose (della vita) come stanno. La forma è quella classica, cristallizzata di Allen (non è un difetto, vista la carriera). I dialoghi sono molto buoni, David funziona (anche se Allen ha concepito l'ennesimo alter-ego), una credibile dose di sano ateismo pervade il film, l'hot jazz stavolta si sopporta. E' un Allen-pistolotto, risolto, senza scossoni, con simpatia. In fondo assomiglia ai nostri tempi: anche Allen finge di credere che una volta era meglio. Comunque sia, basta che funzioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Dio é un giardiniere".
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Zender   9/2/15 17:00 - 255 commenti

Non c'è Allen ma è come se ci fosse, mascherato dietro la cinica figura di Larry David per dare sfogo a una grottesca misantropia poi smussata dalla tenera, abbacinante bellezza di Evan Rachel Wood (in modalità oca). Allen gioca col suo pubblico (David parla spesso rivolto alla m.d.p. mentre gli amici gli danno del matto), lo compiace affilando le unghie di un sarcasmo feroce, riprende tematiche a lui care per caricarle di un disprezzo viscerale verso il prossimo al quale agganciarsi per inventare battute brillanti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il doppio tentativo di suicidio; I genitori di lei.
I gusti di Zender (Comico - Fantascienza - Horror)

Harrys 20/9/09 3:23 - 679 commenti

È incredibile come il buon vecchio Woody ci propini da anni sempre gli stessi film, con le stesse tematiche, con gli stessi personaggi, con la stessa atmosfera e riesca puntualmente a stupire. Per lunghi tratti autobiografico come non mai, l'autore lascia l'onere e l'onore di interpretare il misantropo di turno all'altrettanto bravo Larry David, personaggio pressochè sconosciuto qui in Italia. Acerbo come non mai, si ritroverà a cozzare contro lo stesso scoglio di sempre, ma il rifiatare sarà più amaro del solito. Deliziosa la Wood. ***1/2
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Ghostship 29/8/10 16:04 - 394 commenti

Strano che Allen, per interpretare questo film, si sia affidato ad un alter ego. La parte di Larry David, il quale non demerita, calza a pennello al personaggio colto, intransigente, nevrotico-lunatico creato ed interpretato dal regista. Detto questo il risultato finale è distante, nei presupposti, dall'ultimo, validissimo, Allen "nero", ed è altrettanto distante, questa volta nella qualità, dalle ultime insipide commedie del regista. Si registra un pessimismo di fondo in aumento, stemperato però da una sagace ironia più efficace che altrove.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Enzus79 30/11/10 16:13 - 1540 commenti

Dopo il brutto risultato europeo di Vicky, Cristina, Barcelona il buon Woody Allen mi ha divertito con questa commedia newyorkese. Si ride molto, specialmente nei monologhi di Larry David, che ho trovato abbastanza convincente. La Wood non è la Johansson.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Cif 28/9/09 18:19 - 272 commenti

Dopo la parentesi europea Allen torna a girare in casa. E torna con un prodotto tipicamente alleniano, intriso di se stesso e del suo passato creativo. Il protagonista è sempre Woody, anche se poi muta il volto nella pellicola, nelle sue accentuate idiosincrasie e nella sua autoironica presunzione cosmica. Eppure, nel mettere sempre in campo se stesso, l'artista newyorkese ha ancora molto da offrire. Si ride più del solito, soprattutto grazie al bellissimo personaggio della (s)fortunata shampista di turno. Tre pallini e 1/2.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La splendida ed ingenua beota che assorbe dal protagonista (come una spugna) ogni cosa, fino poi a maturare il distacco dal marito-padre-mentore.
I gusti di Cif (Drammatico - Fantascienza - Giallo)

Rambo90 7/2/10 18:16 - 5435 commenti

Grande ritorno di Woody Allen dopo un paio di film abbastanza noiosi e infelici: qui si torna finalmente allo stile comico che lo ha reso celebre, i dialoghi sono fitti di battute intelligenti e spassosissime in una storia mai banale e che, nonostante sia ambientato quasi tutto in un appartamento, rende il film godibilissimo. Il cast è superlativo, il protagonista è sconosciuto da noi ma pieno di verve e di talento, i comprimari tutti felicemente azzeccati. Da vedere sia per i fan di Allen sia per chi lo scopre solo ora.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 3/8/17 9:49 - 4099 commenti

Larry David ha il demerito di non suscitare empatia, ma non per il personaggio che interpreta (se lo avesse interpretato direttamente Allen il film ne avrebbe giovato) ma per non essere capace di rendere Boris sopportabile, addirittura odioso quando si rivolge al pubblico. Stringi stringi, le evolute elucubrazioni di Boris sulla vita e sul genere umano sono solo luoghi comuni infiocchettati, che si rivelano in un finale che, oltre a rimettere le cose al loro posto, conclude un cerchio che sembrava voler essere una serie di punti infinita.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Belfagor 24/10/09 16:58 - 2570 commenti

Torna il Woody Allen dei tempi migliori, con la sua New York e le sue idiosincrasie, questa volta viste attraverso gli occhi di un alter ego più misantropo e nevrotico del solito. Interessanti i paralleli fra la meccanica quantistica e i problemi esistenziali. Un'unica pecca: il cinismo di Boris riesce ad imporsi meglio nella prima parte che nella seconda, forse a causa dell'aumento dei personaggi in gioco. Funziona alla grande.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Ho visto l'Abisso!" "Non preoccuparti, metto su un altro canale.".
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Giùan 6/7/11 20:55 - 2520 commenti

Poche storie: si tratta di uno di quei film assolutamente alleniani che anche i suoi detrattori più acerrimi farebbero fatica a non ammettere quanto “funzionino”. Quando si ridecide (sempre meno spesso, d’accordo) a parlare con sincerità di ciò che conosce davvero (se stesso, le mutande del proprio genio ebraico e certo milieu newyorchese) Woody è imbattibile, tanto più se la “giusta distanza” gliela calibra la formidabile interpretazione di Larry David, capace di render carezzevole il narcisismo del Nostro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In taxi Melody e Boris riportano a casa il papà della prima: Larry David ha un gioco di sguardi in cui è perfettamente Woody!
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Didda23 20/10/10 14:15 - 2011 commenti

Finalmente Allen torna agli antichi splendori con un'ottima commedia, merito soprattutto di una sceneggiatura che teneva nel cassetto da diverso tempo. Divertente, ironico, sottile, mai banale. Ottima interpretazione di Larry David, una sorpresa. L'atmosfera di New York fa tornare Allen grande, la parentesi europea (a parte Match Point) è totalmente sotto il livello che questo genio ha saputo offrire. Non è forse meglio tornare a New York?
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Minitina80 4/3/17 7:30 - 1854 commenti

Una smagliante commedia che destruttura gli stereotipi paralizzanti imposti dalla cultura moderna. Man mano che si avvicina verso la fine ognuno dei personaggi troverà la propria inaspettata identità sessuale e sentimentale, in contrasto con quello che prima inconsciamente cercavano di imporsi o essere. In questo senso sembra quasi un inno alla libertà, un incitamento a ritrovare se stessi, unica via per la serenità in un mondo definito cinicamente in negativo dal personaggio caricaturale di Boris.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Stefania 29/3/10 5:04 - 1600 commenti

La Forza del Destino... tematica che può assumere toni drammatici, qui declinata con leggerezza in una commedia esistenzialista leggiadramente cinica. Il misantropo Boris conquista dall'inizio, con la sua filosofia del "basta che funzioni", abbinata al corollario secondo cui, se qualcosa funziona, ciò non dipende certo dalla nostra volontà. Così, Boris e gli altri "mollano la presa" e si lasciano vivere, salendo sulla giostra delle circostanze fortuite, scoprendo la libertà passando attraverso il fatalismo... Ottimi gli attori e ottimi i dialoghi, dallo humour davvero mordente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il monologo iniziale di Boris. La rivelazione del marito di Marietta nel gay bar.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Il ferrini 11/5/16 2:08 - 1329 commenti

Larry David è uno dei migliori cloni di Woody mai visti. Cinico, irrispettoso, caustico e intollerante nei confronti dell'umanità tutta (bambini inclusi, ai quali dà lezione di scacchi). Una commedia in cui si ride tanto e di gusto, in cui le battute si rincorrono e i tempi comici sono perfetti. A contribuire al ritmo straordinario del film anche il personaggio quasi favolistico di Melody (Evan Rachel Wood), perfetta antitesi del disincantato e spietato protagonista. Uno dei migliori Allen di sempre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Qualunque felicità riusciate a rubacchiare o a procurare, qualunque temporanea elargizione di grazia, basta che funzioni.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Giacomovie 16/10/09 10:20 - 1299 commenti

Ci sono diverse cose che funzionano in questo film, soprattutto nella più frizzante prima parte. Allen sembra abbia voluto fare un'opera autobiografica, trasferendo al personaggio di Larry David le sue nevrosi, fobie, moralismi e i suoi gusti femminili (difficilmente potrà smentire che la bella Evan Rachel Wood se la sarebbe sposata anche lui). Anche se il film appartiene al filone del "niente di nuovo sul fronte occidentale", le battute hanno il piacevole gusto del sorriso sarcastico e danno a Woody un altro "match point" in suo favore. ***

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Sulla carta siamo una coppia ideale, ma la vita non si vive sulla carta.".
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Jandileida 4/2/10 11:07 - 1075 commenti

Il ritorno di Woody nella grande mela, dopo le varie trasferte nel vecchio continente, rivitalizza la sua verve comica e ridà linfa vitale al suo umorismo nero e cinico. Ovviamente non c'è niente di nuovo, l'avatar di Allen, Boris (uno strepitoso Larry David) indossa tutte le idiosincrasie e le manie del regista e anche la storia della giovane plasmata dal suo pigmaglione era già stata utilizzata in altre pellicole. Questo non impedisce pero al film di essere piacevolissimo, sopratutto nella prima parte. Ancora una volta grazie Woody!
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Xamini   20/9/09 16:07 - 851 commenti

Larry David sembra semplicemente un altro, tra gli Allen possibili. Una reincarnazione coeva, tanto aderisce al Woody cui eravamo abituati. Non che ci sia del nuovo, in questo Basta che funzioni, ma l'esistenzialismo di Allen è cinico sin quasi al fastidio sulle labbra del fisico Boris. Nondimeno, i primi venti minuti e parecchi altri momenti all'interno della pellicola sono assolutamente brillanti, per una scrittura davvero ispirata. Probabilmente il ritorno a casa ha giovato, tanto che, dopo la parentesi europea, ci si ritrova a pensare che una bella boccata della cara vecchia New York ci voleva proprio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il suicidio e il Caso. Il tocco pirandelliano. Numerosi scambi di battute praticamente ovunque.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Almicione 13/2/13 0:45 - 765 commenti

Per il fan di Woody Allen è inevitabile sostituire Keaton a Clarkson, Caine a Begley Jr., Roberts a Hill e, ancor più, lo stesso Allen a David; collocare il film 35 anni prima (cioè quando venne scritto); immaginarlo forse tra i grandi successi dell'inimitabile Woody; inimitabile nonostante David ce la metta tutta e le battute (unica nota positiva del film) siano peculiarmente alleniane. Tutto il resto è un completo disastro: da una storia sciocca e irreale a un cast inadatto e di dubbia bravura. I temi sono interessanti, ma un po' datati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Il nostro matrimonio non è stato un giardino di rose, botanicamente parlando tu sei più un'orchidea carnivora".
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Nancy 9/10/11 13:06 - 744 commenti

Film piacevole, ma la politica del "basta che funzioni" è adottata in tutto e per tutto, dato che lo sforzo creativo di Allen per questo film sembra ridotto ai minimi termini. Si vuole riprendere uno dei topoi principali di Manhattan (la relazione con una ragazzina), non a caso di trent'anni esatti precedente a questo, e porlo su un livello più buonista (l'intervento del belloccio), ma anche più banale. Pure il cinismo del protagonista è ciò che Allen ci propina da un trentennio, ma alla fine ci fa ridere e ci accontentiamo. Sguardo in camera odioso.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Modo 28/12/15 16:14 - 678 commenti

Piacevole commedia di Allen, tornato alle origini. La sceneggiatura è ripescata da vecchi "manoscritti" anni '70. Con le dovute modifiche però ne esce un tratto più virtuoso rispetto ai recenti lavori. Un professore sessantenne molto bizzarro si innamorerà di una bellissima ragazzotta del profondo sud. Ne usciranno diverse gag e riflessioni sul destino dell'uomo. Si toccheranno molti temi cari al regista. Divertente, sagace, sicuramente mette a nudo la settima arte di Woody. Belli alcuni scampoli di Manhattan.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Ford 17/10/09 12:41 - 582 commenti

Allen torna a New York e torna a darci una commedia che ricorda un po' i suoi film di fine '70 ma con quel pizzico in più di disillusione tipico di chi ha da un pezzo superati gli anta; le battute vanno a raffica e Larry David è un perfetto alter-ego del classico personaggio alleniano districandosi lungo una sceneggiatura che nella prima parte è davvero infallibile. Nella seconda parte le esagerazioni della trama fanno perdere un po' di brio, ma è il trionfo del caso (Boris infatti ha apprezzato.).
I gusti di Ford (Animazione - Commedia - Horror)

Metuant 14/2/16 21:26 - 451 commenti

La parte più recente della carriera di Allen non conta risultati sempre riusciti; questo è uno dei migliori in assoluto, nonostante l'assenza di Allen attore. Il protagonista è un suo perfetto alter ego (sebbene più cattivo e cinico) e regala spesso battute e monologhi degni del regista prima maniera. Anche il resto del cast non sfigura e, nonostante alcuni momenti forse leggermente prolissi, il film scorre piacevole fino alla fine.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I monologhi del protagonista che parla al pubblico.
I gusti di Metuant (Commedia - Giallo - Horror)

Domino86 19/3/10 11:45 - 408 commenti

Buon film, anche se personalmente ho trovato il protagonista (alter ego di Woody Allen) abbastanza pesante, soprattutto nella scena iniziale, con i suoi monologhi. Nonostante questo la pellicola si segue poi bene, divertendo molto grazie ai personaggi talvolta paradossali.
I gusti di Domino86 (Animazione - Drammatico - Thriller)

Rocchiola 31/8/18 9:39 - 389 commenti

Il film del ritorno di Allen a New York dopo la parentesi europea dei primi anni 2000, ripropone le sue classiche digressioni sul senso della vita e sul ruolo dell’amore con ritrovata verve e uno spirito di fondo meno pessimistico. La nuova morale è che qualsiasi situazione nella vita può andar bene, basta che funzioni!!! Sempre meno incline alla recitazione, Allen trova un perfetto alter-ego in Larry David, un burbero fisico mondiale caduto in disgrazia che, rivolgendosi direttamente agli spettatori, espone la sua filosofia esistenziale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: “Odio i festeggiamenti di capodanno! Festeggiare che cosa? Un altro passo verso la tomba?”; Il tentato suicidio; Le lezioni di scacchi.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Thedude94 9/12/18 23:30 - 304 commenti

Nonostante l'età e i numerosi film alle spalle, Allen non perde lo smalto e ci regala una commedia romantica spumeggiante, ricca dei suoi tipici cliché, con protagonista un grande David che prende il suo posto come attore. La regia e la fotografia sono eccezionali e la sceneggiatura regala alcuni colpi di scena che fanno ridere e pensare e che racchiudono tutta la poetica di un grande del cinema. La Wood si comporta discretamente e anche tutto il resto del cast completa un quadro disegnato da un eccelso pittore. Cinema "alleniano" puro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La madre di Melody che diventa artista.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)

Ilcassiere 16/11/09 21:12 - 277 commenti

Un'ora e mezza piacevolissima. Una storia divertente ed avvincente con diversi personaggi, tutti disegnati sapientemente da un Allen in gran forma, per i quali il caso sembra giocare un ruolo fondamentale verso il lieto fine. Il protagonista (Boris, un ottimo Larry David) ricorda tantissimo Woody Allen, forse troppo, nell'essere l'incarnazione della misantropia. Ma l'incontro casuale (appunto) con la giovane Melody provoca una svolta inaspettata nella vita del re dei brontoloni.
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)

Claudius 1/4/17 13:02 - 270 commenti

Tra gli Allen più recenti senza dubbio il migliore! Il regista affida il proprio ego al grande cabarettista Larry David (in alcuni suoi atteggiamenti mi ci ritrovo in pieno) e ad alcuni monologhi irrestibili (la fisica quantistica su tutti), ma è buono anche il cast di contorno, soprattutto la meravigliosa e dolcissima Wood (una delle mie attrici preferite).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le crisi di panico di lui e il monologo iniziale.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)

Zutnas 15/7/14 22:51 - 84 commenti

Non sempre la persona che sembra perfetta si rivela poi quella giusta; così il geniale e attempato fisico incontra l'ottusa giovincella campagnola e se ne innamora. Simpatica commedia incentrata sul protagonista e le sue ansie, ambientata a New York, in cui tutti prima o dopo si ritrovano a ribaltare le proprie convinzioni. Spassosi dialoghi e monologhi metacinematografici.
I gusti di Zutnas (Avventura - Fantascienza - Gangster)

Onlypippo 18/9/10 21:32 - 38 commenti

Gran film diretto, ma non interpretato, da Woody Allen. Una commedia divertentissima ed interpretata magnificamente da tutti gli attori. Se devo citarne uno cito il Larry David che interpreta il protagonista. Non sono un fan delle commedie, ho sempre preferito film più coinvolgenti, ma ammetto che dopo aver conosciuto Woody Allen (ormai qualche anno fa) mi sto ricredendo. "Basta che funzioni" è sicuramente la migliore commedia degli ultimi anni, a mio avviso.
I gusti di Onlypippo (Fantascienza - Horror - Western)

Inseminoid 5/2/10 22:50 - 32 commenti

Uno dei migliori Allen della decade. Il film funziona grazie all'attore alter ego di Allen, che si fa da parte fisicamente ma che si reincarna in questo sconosciuto protagonista. Ricalco de La dea dell'amore con una Mira Sorvino in meno ma con un misantropismo esibito che lo rende divertente. Basta che funzioni funziona. Meno funzionano due cose: la fotografia spentissima e monocorde e il fatto che Allen faccia un film all'anno. Ci vorrebbe un pausa per un altro... Match point... almeno!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutte le scene in cui il protagonista tratta male chi ha davanti: sono lo sfogo di uno che non ne può più del punto di vista altrui.
I gusti di Inseminoid (Drammatico - Erotico - Musicale)

Madame_s 3/10/09 8:12 - 11 commenti

Un Allen che riprende a piene mani dai suoi primi, grandi film: Manhattan su tutti; come non ricordare gli occhi ingenui di Tracy/Hemingway in alcuni momenti della Melody/Rachel Wood? Indagati i grandi temi della vita e del suo rapporto con il cinema (lo sguardo in camera, il rivolgersi direttamente al pubblico, i microfoni sospesi ben visibili), Allen ci regala un finale pacificatore e un po' buonista che sembra quasi affrettato, mentre il vero gioiello è l'incipit, con quella conversazione tipicamente alleniana e il monologo di Boris.
I gusti di Madame_s (Documentario - Drammatico - Teatro)