Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'INGORGO - UNA STORIA IMPOSSIBILE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 24
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 25/8/09 15:57 - 4274 commenti

Più interessante che riuscito. Morandini scrive che il totale è superiore alla somma degli addendi, ma a me pare il contrario. La struttura a quadri che talora si intersecano produce sì risultati bellissimi (su tutti Sordi-Orlando, Mastroianni-Sandrelli-Cavina e Rey-Girardot), ma anche banali (Tognazzi-Depardieu-Miou miou) o stonatissimi (Dewaere, il prete del finale...). Al di là della cupa semi-metàfora dell’uomo contemporaneo (i personaggi siamo noi, esacerbati dallo spazio “chiuso”), si resta colpiti per il pessimismo che stronca quasi tutti, giovani compresi.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 9/10/09 7:18 - 10673 commenti

Nella galleria dei "mostri" italici della commedia nel nostro paese entrano a pieno titolo i personaggi di questo film di Comencini. Mostruosa è anche la situazione (un gigantesco ingorgo autostradale che blocca i veicoli per oltre un giorno) che consente al regista di ironizzare sulla società industriale. Il film è però diseguale: decisamente ottimo il personaggio di Sordi, a livello delle sue migliori interpretazioni (interpreta qui un avvocato romano cialtrone e qualunquista). Molto meno interessanti gli altri personaggi.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Undying 8/1/09 1:16 - 3875 commenti

Comencini, regista dotato di rara sensibilità, aiutato in sceneggiatura da Bernardino Zapponi gira uno spaccato di "vita quotidiana", resa reale dal contesto: un ingorgo autostradale darà modo a persone di varia umanità di mettere a nudo il loro carattere. Se il menefreghismo, l'ignoranza, la maleducazione e la violenza (inatteso e brutale lo stupro della cantante, da parte di tre cinici incoscienti) segnano, in modo indelebile il destino della nostra Nazione, c'è però spazio anche per l'illusione e per l'onestà. La speranza in un'Italia migliore viene dai sentimenti umili di un camionista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Marco Montefoschi (Marcello Mastroianni) dopo che Cavina, in cambio di un posto a Cinecittà, lo ha fatto giacere con la moglie: "L'umanità fa schifo.".
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 14/3/12 8:38 - 5737 commenti

L’ingorgo blocca le auto e pure il film, composito puzzle di un'Italia nevrotica, debole, qualunquista, familista e arraffona, unita solo quando tifa per gli Azzurri. Se infatti alcune storie e personaggi hanno efficacia istantanea (l’onnipotente “Avvocato” Sordi, la coppia d’argento Rey-Girardot), altre non reggono, scolorendo nel già visto (Tognazzi-Depardieu-Miou Miou), nella gratuità (Baer-Molina), nella stanchezza (Mastroianni-Cavina-Sandrelli) e nell’inconsistenza (Dewaere). L’ex vigilante capo Ferdinando Murolo siede ancora in un’auto di cittadini armati. **/**!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sordi e Orlando che bevono champagne; lo stupro della Molina.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 19/12/10 18:36 - 6774 commenti

Un terribile ingorgo autostradale è il pretesto per dare spazio ad una umanità "mostruosa" ed avariata in cui non c'è quasi nulla da salvare. La metafora è chiara, il film solo parzialmente riuscito, con alcune situazioni interessanti altre molto meno e francamente dimenticabili. Resta il "coraggio" di un pessimismo di fondo che i registi di oggi si sognano e che porta Comencini ad essere lucido e spietato fino alla fine, senza fare concessioni al pubblico o alla risata autoassolutoria. Cast opulento ma a tratti esornativo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 13/9/18 14:14 - 7419 commenti

Un ritratto del nostro paese attraverso la metafora, tutt'altro che impossibile, di un ingorgo mostruoso che congela il traffico attorno alla capitale per un'intera giornata, dando spunto ad una serie di scenette di alterno interesse, ma tutte improntate ad una visione pessimistica che trova il suo culmine nella sequenza disturbante di stupro di gruppo e si conclude con un epilogo dai toni postapocalittici. Il prestigioso cast internazionale fornisce prestazioni diseguali: fra gli assi della commedia all'italiana, il migliore è Sordi, impeccabilmente protervo nel duetto con il succube Orlando.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 19/7/07 14:55 - 3041 commenti

Film imperfetto ma decisamente interessante. L'idea di partenza è senza dubbio originale ma il ritmo è decisamente discontinuo e non tutte lo storie funzionano. Comunque ci sono delle punte di cattiveria notevoli che di rado si sono viste in una commedia. Grandioso il cast, tra i più ricchi mai visti in un film italiano. Poco memorabili ma spesso azzeccate le musiche. Nonostante i difetti un film da vedere.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 15/6/10 14:10 - 2647 commenti

L’idea dell’ingorgo per analizzare varie sfaccettature dell’umanità e dell’Italietta cinica, è buona, ma è raccontata con raro tedio e mancanza totale di senso dello spettacolo. Il cast ricchissimo evidentemente non è bastato. Comencini qui persevera (dopo Il gatto) con un taglio cinematografico commerciale, trascurando le tematiche a lui care e distintive quali il sociologico e la psicologia infantile. Le riaffronterà (Deo gratias) nel successivo film Voltati Eugenio, che ci ricorda a tratti l'inchiesta L’amore in Italia.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Capannelle 14/8/08 10:16 - 3462 commenti

Grande sforzo produttivo che non ha dato i risultati sperati. L'ingorgo sull'autostrada è un pretesto per raccontare tante storie, girate con professionalità ma sicuramente troppe per godersi a pieno il film. Bene i personaggi del cinico Sordi, l'affabile Mastroianni che si fa ospitare da Cavina, una volta tanto anche Ingrassia. Si limitano a timbrare il cartellino Depardieu e Tognazzi. È presente un'amarezza di fondo che vuole denunciare l'imbarbarimento dei costumi, fino ad arrivare a scene drammatiche come quella dello stupro.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Hackett 2/4/17 10:23 - 1559 commenti

Minestrone di italico talento attoriale, scatenato da uno sciagurato ingorgo autostradale che permette a svariate realtà che fotografano la società dell'epoca (ma non solo) di entrare in collisione tra di loro. Il tono del racconto parte con leggerezza ma sfocia ben presto in una amara rappresentazione delle piccole grandi miserie di una società che non va da nessuna parte, sempre pronta a fare branco per il più immediato e sicuro beneficio.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Rambo90 8/3/12 2:14 - 5373 commenti

Bel film di Comencini, che in un ingorgo riesce a intrecciare storie di varia umanità, quasi tutte a sfondo cinico o amaro. Il cast è davvero imponente: su tutti si segnala un Sordi negativo come spesso accadeva (e il suo tirapiedi Orlando), Ingrassia moribondo e Mastroianni attore "adescato" dalla coppia Cavina-Sandrelli. C'è qualche lungaggine di troppo (il pazzo che sogna Marta potevano evitarlo) ma resta uno spaccato degli italiani, un po' impietoso ma sicuramente notevole.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 15/3/12 16:10 - 3190 commenti

Il pretesto è un immane ingorgo autostradale per poter descrivere le brutture e le debolezze umane in un sequenza di situazioni alcune veritiere altre più caricaturali di un' Italia poco disposta alla coesione. Cast altisonante in cui il cinismo di Sordi emerge mentre Tognazzi fa il minimo sindacale.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Pinhead80 30/8/17 14:04 - 3121 commenti

Un incredibile ingorgo costringe centinaia di automobilisti a trascorrere trentasei ore in strada. Qui si lasceranno andare a tutta una serie di comportamenti che ne esalteranno la povertà d'animo e la cattiveria. C'è di fondo un forte senso di negatività nei confronti del genere umano esaltato dal ritrovarsi in una situazione limite che esaspera ancor di più certi atteggiamenti di fondo. Alcune scene sono volutamente fastidiose (lo stupro nel camion), ma colpiscono nel segno. Non tutti i personaggi sono azzeccati.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 13/8/12 22:30 - 2487 commenti

Insieme a Un borghese piccolo piccolo e Prova d'orchestra, L'ingorgo è il film della coscienza della crisi degli anni '70, pellicola in cui si fondon la rabbia per ciò che non è stato e smarrita frustrazione per l'Italia che va. Comencini gira con coraggio adolescenziale e maturità artistica uno dei rari affreschi altmaniani del nostro cinema, pagando scotto alle costrizioni della superproduzione (vedi il doppiaggio di Rey e Depardieu), ma riuscendo ad evitar le trappole ambigue della metafora con profetico rigore realistico, che ancor mette i brividi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sordi che tira su il finestrino dopo aver ricevuto l'acqua dai "napoletani"; Lo stupro di Angela Molina; Mastroianni che esclama: "L'umanità fa schifo!".
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 13/7/17 21:37 - 2134 commenti

Siamo al tramonto della commedia nera d'autore e si sente. Non che il film sia mal riuscito, anzi: è indubbio, tuttavia, che l'insieme, oltre a risentire di qualche debolezza negli episodi, risulti depotenziato nei toni. Essi si fanno sin troppo facili, rifuggendo dalla lente deformante del grottesco e della satira; l'interpretazione "politica" della realtà, peraltro, latita e Comencini si rassegna alla semplice ricognizione di un presente laido e privo di valori, assolutamente lontano dall'amorale vitalità dei Sessanta. Crepuscolare.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Paulaster 19/4/17 10:33 - 1952 commenti

Odissea nella sopravvivenza in auto per chi è rimasto imbottigliato per una giornata intera in tangenziale. Nelle varie microsituazioni si inscenano temi forti (lo stupro alla femminista, l’aborto per il figlio senza padre) in cui si nota la mancanza di solidarietà umana (a parte la bottiglia d’acqua offerta). Denuncia sociale generica non corrosiva. Cast di richiamo ma solo Sordi offre una grande interpretazione e il reparto femminile fa qualcosa in più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sordi che beve champagne; Ingrassia che spera nel risarcimento; La canzone ai bambini; Cavina che concede la moglie per avere un posto.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Il ferrini 30/10/17 1:09 - 1275 commenti

Esperimento apprezzabile, sebbene la somma totale sia inferiore agli addendi. Il cast è quello delle grandi occasioni e l'espediente dell'ingorgo permette grande libertà narrativa. Mastroianni è l'unico ad allontanarsi dalla strada, ma senza intenzioni distruttive come Michael Douglas; tutti gli altri restano intrappolati lì e raccontano l'Italia con storie di corna (Tognazzi e Depardieu), crisi di coppia (Fernando Rey), un imprenditore senza scrupoli (Sordi), una ragazza madre che il padre vorrebbe far abortire e altre microstorie. Non male.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Von Leppe 21/4/11 15:30 - 881 commenti

Pellicola del secolo scorso, dell'Italia anni 70 ormai sparita. Le macchine di quel periodo, gli ingorghi, gli omogeneizzati e la televisione con scritto "le trasmissioni riprenderanno il più presto possibile". Albertone in un ruolo negativo ma realistico (come del resto tutti i personaggi del film). Ci sono influenze felliniane che rendono surreale la vicenda: succede di tutto, nell'ingorgo, con storie e personaggi che si intersecano. Atmosfera buona: periferica, tra le giornate assolate, il crepuscolo e la notte.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Modo 15/9/15 10:35 - 660 commenti

Film di un'Italia che probabilmente non esiste più. Resta il concetto pessimistico di fondo, che come un'ascia taglia senza tentennamenti ogni possibile redenzione. Comencini non concede nulla allo spettatore, cosa che oggi non accadrebbe! Nonostante le buone intenzioni la regia è piatta, senza grandi sussulti. Alcune coppie funzionano, altre sono estenuanti nel procedere stancamente.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Graf 6/11/13 2:28 - 603 commenti

Un film corale che si disperde in mille rivoli e privo di un centro narrativo che faccia da coagulo. Un gruppo di persone bloccate da un mostruoso ingorgo stradale, un accumulo di storie umane che poteva lievitare nell'apologo apocalittico; però Comencini non è il Bunuel surrealista dell’Angelo sterminatore e quella che poteva essere una favola tremenda e incandescente ripiega in una timida e convenzionale commedia neorealistica piena di personaggi strambi ciascuno dei quali “celebra” una qualche debolezza o vizio nazionale. Regia priva di voli.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Vitgar 25/2/17 18:27 - 586 commenti

Un megaingorgo alle porte di Roma scatena in modo spesso grottesco tutte le bassezze dell'umanità. In un giorno di totale blocco del traffico succede davvero di tutto. Comencini coglie validamente mille sfumature proprie dell'essere umano in condizione di stress emotivo. Un cast importantissimo con buone interpretazioni, su tutti il grande Sordi. Ottima la colonna sonora di Carpi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutti mangiano omogeneizzati.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Rocchiola 18/6/18 8:59 - 352 commenti

Insieme al Borghese di Monicelli rappresenta la pietra tombale della commedia all’italiana nella sua accezione più classica. Imperfetto ma coraggioso tentativo di imitare la coralità di stampo altmaniano che malgrado una certa frammentazione mantiene una sapiente progressione narrativa. La descrizione migliore del film è forse contenuta nella citazione di Borges riportata dal Morandini “Gli toccarono, come a tutti gli uomini, tempi brutti in cui vivere”. Nell’ingorgo si concentra tutto il campionario umano dell’Italia degli anni di piombo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "L’umanità fa schifo"; Mastroianni che si addormenta con la Sandrelli nel letto; Il bimbo che urina sulla Jaguar di Sordi; La violenza carnale.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Roger  10/3/13 8:50 - 143 commenti

Intrigante la metafora piuttosto esplicita di una società fatta di singoli, coppie, famiglie, classi sociali e appartenenze generazionali che, chiusi nel proprio mondo rappresentato dall'auto, non sanno darsi un fine, una direzione condivisa, anzi sono prigionieri di un immobilismo dello spirito, prima ancora che fisico. Il limite della sceneggiatura è la frammentazione eccessiva, tra grandi caratterizzazioni (prima su tutte quella di Sordi) e altre deboli o superflue.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il silenzio surreale che cala sull'ingorgo non appena si spengono i motori.
I gusti di Roger (Comico - Commedia - Drammatico)

Tonios 21/4/17 8:48 - 11 commenti

Commedia piacevole e leggera, velata di quella malinconia mai banale tipica del regista. Sono tuttavia presenti situazioni già viste o comunque di poco spessore: Rey e Dewaere quasi irritanti, Tognazzi e Mastroianni come al solito nel ruolo dei "dongiovanni" della situazione, Baer simil-patetico, Depardieu surreale doppiato in romanesco, Orlando inutile e inespressivo. Due ore trascorse velocemente grazie alla dinamicità e alla veridicità ancora attualissima delle trame sapientemente intrecciate.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Della Casa che fa da intermediario tra Rey e l'automobilista che gli ha dato del "cornuto"; Sordi che non capisce il napoletano e risponde a casaccio.
I gusti di Tonios (Comico - Commedia - Poliziesco)