Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SCHERZI DA PRETE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Il caso Lefebvre visto da Pingitore, con Pippo Franco prete ciociaro (di Cioci) inviso alla Chiesa perché dice la messa in ciociaro. Al paese dove ci sono il sindaco “Occhio fracico” Oreste Lionello, il farmacista poeta Giancarlo Magalli, il sacrestano Bombolo e la perpetua Luciana Turina, Don Tarquinio vive bene, in armonia con la sua gente. Finché a Roma si decide che la misura è colma: aggirare con leggerezza il Concilio Vaticano II non si può e Gianfranco D'Angelo manda in ispezione il vescovo veneto Lino Toffolo. Il caso si fa serio, i giornali se ne interessano e il buon prete burino finirà nella Capitale a fondare nientemeno che un partito d'opposizione, la Democrazia Ciociara, spinto dai nobili Cochi Ponzoni, Gabriella Giacobbe e ammaliato dalle grazie (spesso in mostra) di Laura Troschel. Una satira alla buona, in puro stile Bagaglino, che punta gran parte del suo spirito sull’estro e la carica di un Pippo Franco piuttosto in forma. La rete di connivenze, di intrighi parapolitici, lo spiegamento delle forze in campo è messo in scena con una certa attenzione. Quella che manca è la capacità di uscire da una situazione che tende molto a ripetersi senza trovare sbocchi fino al tragicomico finale. Don Tarquinio sbraita, protesta, cerca di non farsi compromettere ma si trova in un mondo che non conosce, irretito dalle sirene del successo. Qualche scena azzeccata (il battesimo del figlio del sindaco, la sfilata di moda in abiti talari) e la simpatia del cast secondario (D'Angelo e Toffolo, ma anche Lionello e Bombolo burini) non bastano a far dimenticare una sceneggiatura cui mancano la verve e l'originalità necessari.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 6/9/09 6:32 - 3875 commenti

Parroco che recita la messa in dialetto ciociaro, per questo osteggiato dagli alti esponenti clericali, si ritrova coinvolto nella fondazione d'un nuovo partito politico, la DC (Democrazia Ciociara). Satira, in parte efficace, sul potere: sia esso politico (i riferimenti alla reale DC, partito predominante all'epoca) sia esso religioso. L'opportunismo dimostrato da certi personaggi ricorda, per certi aspetti, Gli onorevoli. Simpatico ma parecchio indeciso tra la "denuncia" e la banale ricerca di un effetto (il sorriso), spesso ottenuto in maniera scontata. Breve ruolo per Magalli: come farmacista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il Cardinale (D'Angelo), in risposta ad una parolaccia detta in chiesa dal prete incriminato, cita al vescovo Cassola un volgare sonetto del Belli...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 21/11/15 17:55 - 5737 commenti

La satira di Castellacci e Pingitore questa volta si spinge a colpire il clero con i suoi maneggi e connivenze politiche per mettere a tacere i preti vicini al popolo. La commedia si mantiene equilibrata, tra le sguaiataggini di Pippo Franco - comunque meno invadenti del solito e funzionali alla storia -, l'insolita compostezza di Toffolo e D'Angelo, gli interventi di bassa comicità di Bombolo e quelli sensuali della Troschel.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il sermone ciociaro di Pippo Franco; la cena dalla principessa; Bombolo e il vino; i colloqui di Toffolo e D'Angelo; la sfilata degli abiti da prete.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 24/9/08 23:02 - 1495 commenti

Molto molto divertente, con Pippo Franco scatenato prete ciociaro in rotta col Vaticano (qui rappresentato da Gianfranco D'Angelo e Lino Toffolo, strepitosi)... La storia è triviale quanto basta per far emergere le qualità degli attori, tutti perfetti con l'eccezione forse del tiepido Magalli. Funziona soprattutto la prima parte, tutta ambientata nell'immaginario paese di Cioci. Pingitore al suo meglio, anche se la satira è blanda come in tutte le sue opere.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Fabbiu 12/10/19 1:03 - 1895 commenti

Pippo Franco diretto da Pier Francesco Pingitore si dimostra molto a suo agio, con una buona verve e stile diverso dal solito (un combattivo parroco che parla in ciociaro). La compagnia dei compaesani che si porta dietro è ben assortita, con Bombolo (si chiama così anche il suo personaggio, segretario di Pippo Franco) che interviene in modo piuttosto spassoso. Alcuni momenti riusciti e anche valide battute. Peccato solo che, superata la prima metà, il film non trovi un finale facile e tenda ad appiattirsi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La messa in ciciaro; Pippo Franco immagina di essere il papa; Il pullman con gli abitanti di Cioci.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Rambo90 3/6/15 22:25 - 5925 commenti

Divertente satira tipica del Bagaglino, con una galleria di personaggi abbastanza riuscita e molti momenti simpatici, con alcune battute che strappano risate davvero grasse. Pippo Franco è perfettamente in parte ed è spalleggiato da un bel cast di comici (su tutti D'Angelo e Ponzoni). Ritmo veloce, volgarità contenuta.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 5/12/14 18:26 - 3506 commenti

Divertente commedia farsesca diretta da Pingitore che si avvale delle presenza di alcuni dei suoi fedelissimi (Pippo Franco, Oreste Lionello). Si prende in giro la Chiesa e la politica mettendone in risalto i rapporti d'interesse. Tanto ciociaro e tanto divertimento regalati da un cast di tutto rispetto e da caratterizzazioni niente male (su tutti Lionello nei panni del sindaco Spartaco De Simone).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: D'angelo che riprende un sonetto del Belli tratto da Er Lavore.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Pessoa 16/1/19 20:09 - 1003 commenti

Bella commedia anticlericale di Pingitore che si poggia su una trama originale e una sceneggiatura attenta, molto abile nello sfruttare le contraddizioni del rapporto fra Chiesa e potere politico in quel periodo (ma non solo). Certo, la comicità è di grana grossa e spesso sfocia nel pecoreccio, ma si addice bene al cast del Bagaglino (grande interpretazione di Pippo Franco) che sfodera una notevole prova d'insieme. Forse qualche battuta o situazione ha perso smalto perché troppo legata al momento storico, ma si ride comunque molto. Promosso!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Je dovemo dà 'a scomunica perché ha fondato la Democrazia Ciociara, allora a quelli che hanno fatto la Democrazia Cristiana che je damo, er rogo?".
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)