Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ENRICO IV

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/12/08 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 19/2/10 16:13 - 7108 commenti

Discreta versione del dramma di Pirandello che nelle mani di Bellocchio poteva appesantirsi di troppi psicologismi e che invece risulta abbastanza lineare allo spettatore ed il cui svolgimento Ŕ abbastanza fluido grazie ad una durata breve che non arriva nemmeno a novanta minuti. Peccato che il regista scelga di cambiare il testo e ci˛ soprattutto nel finale risulta inadeguato. Un p˛ di simboli e di anacronismi qua e lÓ che lasciano il tempo che trovano. Al solito ottima la prova di Mastroianni. Belle le musiche di Piazzolla.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 18/10/17 17:43 - 8319 commenti

Quella del confine fra la normalitÓ e la follia Ŕ sempre stata una delle tematiche portanti del cinema di Bellocchio, per cui il suo approccio a quest'opera di Pirandello appare piuttosto connaturale. Nel complesso il film, per quanto risulti marcatamente teatrale e le prestazioni attoriali siano piuttosto disomogenee, Ŕ interessante per la suggestiva ambientazione, la bella colonna sonora di Piazzolla e soprattutto per la prova magistrale di Mastroianni, commovente nell'espressione dell'amarezza che affiora fra le pieghe di una pazzia consapevolmente perseguita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Alzatevi pecore, avete ubbidito, potevate mettermi la camicia di forza!" ed il successivo monologo.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 17/9/15 10:16 - 4099 commenti

Vivere la vita o recitarla? Finzione o realtÓ, il tempo che non passa, vendette o fanciulleschi dispetti? In quella stranezza architettonica che Ŕ la Rocchetta Mattei, si svolge il dramma o la farsa del sempre ventiseienne Enrico IV (fuori di testa dopo una caduta da cavallo) nei panni appunto dell'imperatore. Bellocchio apporta qualche modifica al lavoro di Pirandello senza stravolgere il senso del dramma ma sottolineandone la teatralitÓ, nella messa in scena e nello svolgimento, rivelando anche piccoli backstage allo spettatore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il piano escogitato dallo psichiatra (Leopoldo Trieste).
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Alex1988 10/11/19 18:00 - 570 commenti

Un superlativo Marcello Mastroianni per questa trasposizione da parte di Marco Bellocchio del dramma di Luigi Pirandello. In realtÓ molti dei monologhi originali sono stati accorciati proprio per dare un linguaggio pi¨ cinematografico alla messinscena. Ma Bellocchio, non sempre digeribile, Ŕ riuscito a dare, anche grazie all'apporto di Tonino Guerra in sceneggiatura, la giusta atmosfera drammaturgica senza annoiare troppo. Non male.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)