Cerca per genere
Attori/registi più presenti

QUALCUNO DA ODIARE

All'interno del forum, per questo film:
Qualcuno da odiare
Titolo originale:King Rat
Dati:Anno: 1965Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Bryan Forbes
Cast:George Segal, James Fox, John Mills, Tom Courtenay, Denholm Elliott, Patrick O'Neal, James Donald, Todd Armstrong, Gerald Sim, Leonard Rossiter, John Standing
Visite:198
Il film ricorda:Stalag 17 (a Daniela)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/12/08 DAL BENEMERITO DANIELA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 8/11/15 0:10 - 6690 commenti

Non la fuga ma la sopravvivenza è il tema principale della pellicola, come si legge nei titoli di testa. E il regista crea un universo concentrazionario di quelli che restano nella memoria. Raramente si sono viste sullo schermo tanta cattiveria e sadismo e un personaggio davvero sgradevole e laido fino al midollo. La storia coinvolge praticamente dall'inizio alla fine, grazie a un gran ritmo e a diverse scene che restano nella memoria (vedi sotto). Grande prova corale di tutto il cast e personaggi molto interessanti. Non fatevelo scappare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo stufato di cane e le espressioni sulle facce dei soldati mentre lo mangiano.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 10/12/08 17:57 - 7284 commenti

Ambientato in un campo di concentramento giapponese verso la fine della seconda guerra mondiale, sembra la versione incattivita e sadica di Stalag 17, con un cambio di prospettiva: non la fuga ma la semplice sopravvivenza. Anche qui, al centro della storia un approfittatore che commercia con il nemico ed è per questo malvisto da altri prigionieri. Duro, avvincente, con uno splendido cast in cui l'americano Segal è affiancato da molti volti noti del cinema inglese dell'epoca fra cui un ottimo Tom Courtenay.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pranzo a base di stufato di cane.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 18/3/13 14:12 - 4099 commenti

Inglesi e americani, alleati nella seconda guerra mondiale, chiusi in questo campo di prigionia giapponese dove il sudore su corpi emaciati e coperti da brandelli di uniforme sembra essere il protagonista assoluto; sono divisi (non tutti) da rancori dovuti al diverso modo di intendere la disciplina. Sopravvivere è la parola d'ordine e c'è chi vi riesce meglio (molto meglio) di altri. La resa del Giappone e l'arrivo dei liberatori, in un qualche modo sovvertirà la routine costituita e ci si accorgerà che anche i sentimenti peggiori sono serviti.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Rocchiola 22/5/18 11:36 - 280 commenti

Misconosciuto titolo da annoverare tra i migliori film di guerra sui campi di prigionia. Lontano dal cinico umorismo di Stalag 17 e dall'epica avventurosa de Il ponte sul fiume Kwai, è semmai più simile ai film di Aldrich in cui un gruppo di persone deve sopravvivere in condizioni limite. Ottimamente girato in un crudo bianco e nero e recitato da un gruppo di attori in stato di grazia, tra i quali si notano un giovane Denholm Elliott futuro partner di Indiana Jones e un Joseph Turkel di kubrickiana memoria. Un piccolo cult da rivalutare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il succulento pasto a base di carne di cane; Il salvataggio del braccio di Marlowe; Gli improvvisi fermo immagine sui volti dei protagonisti.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)