Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VICTIM

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/8/08 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 19/8/08 9:17 - 7360 commenti

Inghilterra 1961, quando l’omosessualità era un reato: un giovane gay ricattato si uccide; un avvocato sposato e segretamente gay indaga a costo di fare un sofferto coming out. Per la prima volta nella storia viene detta la parola “omosessuale” in un film, che oltretutto mostra gli omosessuali come persone normali, integrate nel tessuto sociale, ma vittime del ricatto per colpa di leggi inique. Un thriller di denuncia molto ben realizzato, di grande efficacia e drammaticità, con un ottimo Dirk Bogarde tra ottimi comprimari.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 2/8/13 11:04 - 7078 commenti

Quel che all’inizio sembra un semplice film di genere, si svela poi un thriller di denuncia sociale. Estremamente audace per l’epoca in cui fu girato, riesce sia a fare il suo giusto lavoro circa la tensione (buona per quasi tutta la sua durata) sia a denunciare le scandalose ed inique leggi che colpivano gli omosessuali in Inghilterra. Ne viene fuori una pellicola decisamente riuscita ed interessante, pur con qualche sbavatura. Bogarde è sempre bravo, ma anche tutti gli altri attori tengono bene il passo. Da riscoprire.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 19/1/15 13:56 - 8228 commenti

In Inghilterra, quando l'omosessualità era ancora punita come un reato ed i ricattatori avevano vita facile, un avvocato di successo deve far i conti con la propria coscienza... Film "scandaloso" per l'epoca, che colpisce ancor oggi proprio per l'assenza di spunti scandalistici, di luoghi comuni legati al soggetto, di forzature melodrammatiche. La storia è narrata con sobrietà e rigore, senza manicheismi. Cast in parte, da Bogarde che lascia intravedere l'angoscia dietro la facciata impeccabile, a Nesbitt, labbra tumido e volto spregevole.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Matalo! 8/6/11 13:02 - 1360 commenti

Visto da ragazzino, rivisto ieri sera. Film coraggioso, pare si usi il termine omosessuale per la prima volta al cinema. Forse il miglior Dearden; confezione British, ovvero: attori impeccabili, regia funzionale ma solida con echi wellsiani. Forse a volte c'è una puntina di eccesso di difesa della causa e magari il rapporto Bogarde/Syms è salvare capra e cavoli, ma il film conquista ancora e, pensando all'anno in cui fu girato, percepiamo la forza critica che lo anima. Bogarde perfetto come sempre. Ben rappresentati gli ambienti del quotidiano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nesbitt, una delle facce più viscide del cinema inglese, colpisce il punching ball e la camera riprende una foto del David di Michelangelo: forse è gay?
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Myvincent 27/4/18 17:27 - 2332 commenti

Un film coraggioso e anomalo che parla apertamente di omosessualità (con varia terminologia, anche dispregiativa) durante quel passato prossimo inglese suggellato dalle cosiddette "blackmails", preludio di dure condanne, prima di tutto di natura sociale. Dirk Bogarde è l'interprete giusto, fin troppo cupo e accigliato nel ruolo di sospettato, raggelato dal suo stesso stigma morale. Cupa è l'atmosfera globale di delazione, stemperata, fortunatamente, dalla accettazione da parte delle forze dell'ordine. Didattico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La figura losca del ricattatore, anch'egli sotterraneamente in odore di omosessualità (repressa).
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Nicola81 13/7/19 23:38 - 1716 commenti

Non è in assoluto il miglior film diretto da Dearden, ma è senz'altro quello più importante e coraggioso. Come in altre occasioni (si pensi a Zaffiro nero), il regista utilizza il cinema di genere per sollevare argomenti scomodi, in questo caso l'iniquità delle leggi che colpivano l'omosessualità nell'Inghilterra degli anni '60. L'epilogo moralista sembra voler dare un colpo al cerchio e uno alla botte, ma la carica dirompente resta tuttora intatta. Ottimo come sempre Bogarde, avvocato disposto a perdere tutto pur di difendere la sua dignità.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)