Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UN CHIEN ANDALOU

All'interno del forum, per questo film:
Un chien andalou
Titolo originale:Un chien andalou
Dati:Anno: 1929Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Regia:Luis Buñuel
Cast:Simone Mareuil, Pierre Batcheff, Luis Buñuel (n.c.), Salvador Dalí (n.c.)
Note:Sceneggiato da Luis Buñuel e Salvador Dalì.
Visite:1533
Filmati:
Approfondimenti:1) IMMAGINI PSEUDOSUBLIMINALI NASCOSTE NEI FILM
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 28
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Il Gobbo 14/7/08 17:13 - 3011 commenti

Esordio col botto e in medias res per il grande sabotatore, che subito consegna agli archivi un classico del surrealismo, una delle immagini più emblematiche del cinema tout court, e comincia una carriera lunga, irriverente e gloriosa. Il meglio è ancora di là da venire, ma la visione del chien andalou è, ancora e sempre, obbligatoria.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 23/2/09 10:23 - 7336 commenti

Capolavoro del cinema muto, e non solo dello sperimentalismo. Qui non c'è soltanto una sequenza di immagini surrealiste per una provocazione artistica: c'è invece in nuce molto cinema attuale poetico e visionario. Buñuel crea un percorso pseudo-narrativo fatto di grumi drammatici intensissimi e potenti, che si rincorrono nel tempo e nello spazio in base a un delirio onirico-simbolico, lasciando sorpresi, inorriditi, stupefatti, ecc. Alcune sequenze leggendarie, altre misteriose, tutte evocative di un universo parallelo alla nostra quotidianità.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 19/4/08 18:22 - 5737 commenti

Manifesto del cinema surrealista, all’insegna di un linguaggio cinematografico innovativo ed estremo che riproduce fedelmente l’illogico e delirante caos visionario tipico dei sogni. Avanguardistico e scioccante, contiene diverse sequenze destinate a fare scuola nel cinema horror ed erotico, come l’occhio tagliato con il rasoio, la mano che palpeggia il seno e la mano mozzata. I sottointesi anticlericali (piuttosto evidenti nella scena del pianoforte) saranno ampiamente sviluppati nei successivi lungometraggi del regista.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 6/7/08 15:16 - 7045 commenti

Il primo film dell'immenso regista spagnolo Bunuel (scritto assieme al geniale artista Salvador Dalì) è una straordinaria sarabanda di immagini, caratterizzate dall'alto tasso onirico, che si susseguono tra loro senza soluzione di continuità e senza alcuna logica come se si trattasse di un sogno. Difficile se non impossibile e forse anche inutile, cercare di trovare un senso esaustivo e compiuto all'insieme. Meglio lasciarsi ammaliare, coinvolgere e travolgere dalla forza delle immagini che a tratti sono di rara bellezza.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un uomo che con un rasoio squarcia l'occhio di una donna.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 7/11/11 16:27 - 2075 commenti

Oggetto seducente e arcano, l'esordio di Bunuel, si è configurato negli anni, sotto le esegesi più disparate, come "il cubo di Rubik" della cinematografia europea. Inchioda per il suo potere eversivo e destabilizzante, la pulsione unica e sessuale a motore dell'azione, l'uso disorientante, labirintico dei cartelli temporali, gli enjambement visivi e la progressione analogica, la scatola feticcio divenuta fil rouge di certo cinema surrealista, la sfrontata mise en abyme concettuale. Domina un senso del macabro che si dibatte tra tragedia dell'umano e sua irridente, cinica consolazione. Seminale.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 26/1/11 11:56 - 2474 commenti

Parlare male di un film così famoso e a detta di molti "fondamentale" nella storia del cinema è difficile. Personalmente però lo ritengo troppo astruso e fuori dal mio modo di concepire l'arte per poterlo classificare tra ciò che mi piace. Alcune immagini sono molto forti e colpiscono ancor oggi, però siamo di fronte a 20 minuti di sperimentazione totale, senza una storia che leghi ciò che vediamo, con simbolismi che possono trovare mille (o nessuna) spiegazioni. Francamente un po' troppo per le mie, limitatissime, capacità. Non fa per me.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 9/1/09 20:50 - 3112 commenti

Il manifesto del cinema d'avanguardia anni 20/30. Un film (anche se si potrebbe definire cortometraggio, visti gli scarsi 15 minuti di durata) fatto di immagini, allucinanti, spesso macabre (a partire dalla celebre scena che apre il film) e comunque molto bizzarre. Molto interessante e sicuramente alla base di molti film successivi. Alcune versioni contengono un orribile ed assolutamente fuori luogo commento sonoro con trombe ed archi.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 25/6/09 14:15 - 3575 commenti

Anticipatore e allucinato. Sin troppo allucinato. Sferzante la prima immagine che è rimasta nella storia (ma anche un po' gratuita). Bunuel raffigura le pulsioni umane (eros, dominio, ribellione alle convenzioni, autodistruzione) con passaggi del tutto inconsueti per l'epoca e si presenta al pubblico. Ho visionato la versione del 1960 accompagnata da musiche di Wagner e un gradevole tango argentino. Singolare che i due protagonisti si siano entrambi suicidati, uno per overdose l'altra dandosi fuoco in pubblico. Una maledizione? Tre e mezzo.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Fabbiu 16/11/10 23:13 - 1892 commenti

Massimo manifesto cinematografico del surrealismo, raccolta di immagini che colpiscono moralmente lo spettatore e che se in un certo senso riescono a farlo oggi (certo non tantissimo) figurarsi in quegli anni! Avanguardia che ha fatto storia e che oggi è al centro del citazionismo (in particolare l'occhio "limato", parodiato in ogni dove).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'uomo avanza verso la donna trascinandosi un fardello di cose attaccate tra cui due preti!
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Rambo90 21/9/12 18:34 - 5888 commenti

Surrealista e bizzarro, praticamente non giudicabile dal punto di vista della narrazione (la trama è praticamente assente) ma buono per la valenza delle immagini, alcune davvero impressionanti (come il celebre occhio tagliato). Certo la visione non è semplice, il tutto è lento, poco ritmato, ma affascina ancora oggi per la libertà d'espressione che Bunuel (e Dalì) hanno dato a questo corto.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 12/7/11 11:43 - 3486 commenti

Primo film surrealista di Buñuel che si avvale della collaborazione di Salvador Dalì. Non c'è una trama ben definita ed è presente una vaga scansione temporale degli avvenimenti. La sperimentazione totale la fa da padrona e il film è un susseguirsi di simboli indecifrabili (le formiche nella mano, gli asini putrefatti sul pianoforte etc.). Rimangono nella memoria dello spettatore 15 minuti circa di follia totale. Un film geniale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il celebre taglio dell'occhio.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Myvincent 13/9/17 21:59 - 2317 commenti

Da due distinti sogni vissuti dallo stesso Buñuel e dall'allora amico fraterno Salvador Dalì, con il contributo economico materno, il film-manifesto del movimento surrealista che già al suo esordio impressionò intellettuali del calibro di Cocteau e Le Courbisier. Inutile provare a interpretare e a decifrare la sequenza di scene che, appannaggio degli strati più subcoscienti della mente, va solo vissuta. Buñuel compare nelle sequenze iniziali mentre Dalì fugacemente nei panni di un prete, sostituito in quella successiva.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Anticipatore del genere horror per la celebre scena della lama e dell'occhio, oramai passata alla storia del cinema.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 19/2/17 9:49 - 1996 commenti

Difficile trovare lo stato d’animo e la presunzione per commentare un lavoro di artisti del calibro di Luis Buñuel e Salvador Dalì. In pochi minuti di celluloide sono in grado di racchiudere immagini e sequenze cariche di significato, anche se in realtà non esiste una trama, almeno non in senso convenzionale. Forse è proprio il convenzionale che più pregiudica la visione, ma essendo gli stessi autori lontani dagli stereotipi, il meno che si possa fare è cercare di capire cosa essi abbiamo voluto trasmetterci, scardinando qualche paletto.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Ryo 1/8/13 16:15 - 1908 commenti

Il mio commento non aggiunge nulla di nuovo a ciò che è stato già detto e ridetto nel corso dei decenni: lavoro gradevole per chi ama il surrealismo, incomprensibile per un pubblico mainstream. Eppure a volte le idee più semplici alla fine sono quelle più convincenti, a partire dal mettere in scena una cosa banale ma toccante: tratta da un sogno di Dalì, la sequenza delle formiche che escono dalla mano è alquanto forte. Da vedere e capire, magari leggendone qualcosa, con l'aiuto di un libro. Il tutto è paragonabile a un sogno, quindi sognate.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rasoio che taglia un pezzo di unghia; La donna investita; La bramosia dell'uomo per i seni della donna; La scena finale con i corpi sotterrati.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Luchi78 9/1/13 11:10 - 1521 commenti

Come cortometraggio avrebbe un senso "artistico" anche oggi. La scelta di rappresentare un caos onirico è senza tempo e la modernità che sicuramente si è avvertita a suo tempo in certe scene oggi non scandalizza più ma soprattutto non modifica il non-significato del film. Un esperimento bizzarro, ben contestualizzato nei suoi quindici minuti di montaggio folle e originale.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Ultimo 26/9/17 9:29 - 1249 commenti

Cortometraggio di Buñuel difficile da decifrare, con una trama praticamente inesistente, ma non per questo non riuscito. Già la prima scena è di quelle che non si dimenticano (il famoso taglio dell'occhio...) e la pellicola, di fatto, deve essere interpretata attraverso gli sguardi e i movimenti dei protagonisti. Nulla pare avere un senso e proprio per questo le interpretazioni di quest'opera surrealista possono essere molteplici. Ne consiglio la visione.
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Jandileida 25/3/10 22:14 - 1138 commenti

In Argentina c'erano sentieri che si biforcavano, in Belgio le pipe non erano pipe ed in Spagna c'era Buñuel. Grandissimo esordio di uno dei più grandi registi del secolo scorso: il cinema muto, pur restando tale, viene superato grazie ad un sublime e rivoluzionario uso della macchina da presa. Il sogno, la realtà celata che si nasconde dietro agli occhi chiusi (che il regista in persona provvede ad aprire ad inzio film), è inquietante e nasconde un mondo tutt'altro che rassicurante ma va affrontato e raccontato. W Buñuel!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pianoforte clericale.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Pessoa 27/7/17 23:19 - 1003 commenti

Il primo (e forse per certi versi anche il più riuscito) tentativo di far entrare la poetica surrealista nella scatola magica del cinema non poteva non portare la firma di Dalì e Buñuel, due icone della realtà deformata, analizzata, investigata con gli occhi del sogno. Buñuel mette in scena Eros e Thanatos fornendo una tela di celluloide ai deliri istrionici di Dalì, che amava sperimentare sulle immagini in movimento. Un'opera d'arte difficile da giudicare solo come un film, benché abbia aperto molte strade al cinema successivo. Fondamentale!
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Nancy 23/3/12 21:35 - 770 commenti

Il Cane andaluso ormai è storia, è difficile da pallinare. S'inizia pensando: questo occhio tagliato è senza dubbio simbolo del taglio che il regista vuole dare allo sguardo (appunto) della macchina da presa, all'inizio di una nuova avanguardia cinematografica. Ma poi le vicende si susseguono, si accumulano e non si riesce più veramente a decifrare ciò che Bunuel ha immortalato. E sorge la domanda: è forse lecito tentare di decifrarlo, a codificazione dello stesso pensiero umano? Per questo, 3 pallini "politici".
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Magi94 11/9/17 13:32 - 540 commenti

Difficile valutare un'opera del genere. Importantissima certamente, come è certamente difficile da vedere nonostante la breve durata. Molto meglio, forse, estrapolarne i momenti migliori, che a mio parere sono anche quelli che riescono a coniugare surrealismo e messaggio degli autori: il taglio dell'occhio, la putrefazione durante lo scatto sessuale, la mano da cui escono formiche che ancora oggi fa effetto. Gli altri momenti sono forse più deboli, probabilmente perché non riesco ad afferrare il contenuto nascosto tra le immagini folli.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Funesto 4/9/10 21:12 - 524 commenti

Spero mi si perdoni la mia grandissima ignoranza e che non sopporto il cinema weird. Questo corto surreale ha di certo milioni di simbolismi e metafore, ma non solo non sono riuscito a comprenderli (abbiate pazienza, sono del quinto ginnasio, non ho la preparazione adatta per analizzare un film del genere), ma m'è parso un collage insensato, per non dire stupido, di scene dettate dall'onirismo del regista. Messa così funziona, affascina, ma il valore simbolico non giustifica un mio voto alto. Ho sbagliato a valutarlo ora: tra anni lo rivedrò.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'accecamento di una donna col rasoio a serramanico.
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

Raremirko 28/1/19 21:54 - 487 commenti

Cult assoluto, a prova di ri-visioni, non convenzionalmente bello, che vale più per i contenuti che per altro. Scene celeberrime (il rasoio, su tutte), lo stesso Buñuel che recita, simbologie in gran numero e, novità assoluta, il mezzo filmico usato per esporre contenuti onirici, irrazionali, surreali. Non sempre Buñuel sarà così innovativo/coinvolgente, ma il suo nome è comunque ormai impresso nell'immaginario. Il titolo pare sia una critica a García Lorca...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rasoio che taglia l'occhio, ovviamente.
I gusti di Raremirko (Giallo - Horror - Thriller)

Marcolino1 23/11/16 15:38 - 402 commenti

L'opera onirica, atemporale, frammentata, a tratti illogica profetizza il cinema che verrà con l'occhio tagliato che è anche dello spettatore in overdose mediatica con la cura Ludovico kubrickiana. C'è poi la mano tagliata incipit dello squartatore fulciano, lo sdoppiamento dell'io e l'anticlericalismo, gli amanti di sabbia balneari-decadenti, l'eros osè con lui zombi, il feticismo pubico, la farfalla testa di morto del silenzio degli innocenti, e infine le immagini sovrapposte, i filtri, gli insetti che plasmano sulla pellicola i quadri di Dalì.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il protagonista traina con le corde un asino e un bue squartati su un pianoforte e due sacerdoti, simboli del retaggio educativo-religioso.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)

Victorvega 21/12/15 0:07 - 190 commenti

Difficile ogni valutazione, con lo sguardo di oggi. Per poterci provare bisogna pensare al valore e all'importanza scaturita da un certo film che poi, per la lunghezza, film vero e proprio non è. Occorre prescindere da una trama che non c'è e dal voler ricercare un significato a una serie di immagini slegate tra di loro che senso probabilmente non ne hanno ma sono simbolo stesso del surreale. Sperimentale al cubo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: IL taglio dell'occhio; Il fotogramma con Dalì prete legato al pianoforte.
I gusti di Victorvega (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Gaussiana 25/4/12 3:23 - 121 commenti

Quando il giovane Buñuel aderì all'avanguardia del "Cinèma pur" spazzò via le precedenti opere, prevalentemente dada (Le Retour à la raison, Entr'acte, Le Ballet Mécanique..) perché non si accontentò di aggredire la struttura filmica convenzionale - e dunque borghese - violando l'unità spaziotemporale, ma puntò dritto ad aggredire lo spettatore, come una rasoiata in un occhio, con una violenza di immagini oniriche e connessioni subconscie tipiche del surrealismo, riuscendoci in pieno. Visione d'obbligo se si vuole ammirare l'arte surrealista.
I gusti di Gaussiana (Fantascienza - Horror - Western)

Maineng 1/7/08 14:16 - 100 commenti

Il film che ha portato Bunuel ad essere conosciuto. Più che una storia, essendo privo di trama, é una serie di immagini e situazioni assolutamene surreali e fuori dal tempo (qualche ora prima; in primavera...) che vedono i protagonisti insieme o da soli nei contesti più improbabili. Mi paiono evidenti alcune cose: la rappresentazione molto particolare delle pulsioni, delle paure e dei condizionamenti umani e la costruzione di una realtà parallela che convive con quella puramente cosciente; ecco perché la chiave é prettamente onirica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ragazza si libera di un lui che sembra non gradire aprendo una porta e ritrovandosi su una spiaggia dove vi sono oggetti della precedente vita.
I gusti di Maineng (Documentario - Drammatico - Thriller)

Samtam90 21/6/09 16:02 - 56 commenti

La scena d'apertura, che invita lo spettatore ad accogliere un linguaggio nuovo, è preludio dell'innovazione formale e tematica di tutto il film: nessuna consequenzialità logica (il titolo non signfica nulla), atemporalità (didascalie che nessuna correlazione hanno con le scene) - la dinamica propria del sogno. La rappresentazione mai così esplicita di un'ossessione sessuale fa trasparire un grande pessimismo di fondo: freudianamente, società e religione (il pianoforte con i preti) impediscono all'uomo di realizzare i propri desideri. Sublime.
I gusti di Samtam90 (Fantastico - Horror - Thriller)

Lebannen9_ 21/9/19 14:40 - 2 commenti

Debutto di Buñuel nel cinema surrealista, con l'aiuto dell'amico Dalí. Il cortometraggio lascia intendere, senza troppe difficoltà, perché il regista sia considerato uno dei grandi "provocatori". Notevole dal punto di vista tecnico (per l'epoca), con scene oramai icone del cinema. A distanza di 90 anni, la fruibilità del contenuto rimane però criptica senza un adeguato commento alla visione. La colonna sonora accompagna bene l'atmosfera onirica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mano con le formiche.
I gusti di Lebannen9_ (Fantascienza - Giallo - Western)