Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TORINO NERA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 29
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Partendo da un fatto di cronaca (un classico, per Carlo Lizzani, che ci aveva già deliziato con BANDITI A MILANO), TORINO NERA racconta delle indagini di un avvocato (Nicola Di Bari, naturalmente co-autore della colonna sonora) e di un ragazzino che cercano di scagionare il rispettivo cliente e padre (Bud Spencer) dalle accuse di omicidio a causa delle quali questi è in prigione. Non si tratta di un action e neppure di un poliziesco, quanto piuttosto di un giallo dalle forti tinte drammatiche, evidenziate nel rapporto che lega padre e figli. La strana coppia protagonista cerca di risalire al momento dell'omicidio per stabilire chi possa avere veramente ucciso lo strano mafioso sfruttatore di operai della cui morte è accusato Bud Spencer. Arrivando quasi a lambire territori argentiani (la foto rivelatrice, le indagini dilettantistiche, le molte figure di secondo piano che sanno più di quanto dicano), Lizzani costruisce un'opera non sempre coinvolgente ma indubbiamente interessante, durante la quale i flashback che vedono protagonista Bud Spencer (per gran parte del film assente dalla scena e condannato a marcire in prigione) compongono sempre più un mosaico complesso, destinato a riservare qualche bel colpo di scena. Diretto con professionalità, TORINO NERA si avvale di un buon cast (il figlio minore di Spencer è il piccolo Andrea Balestri, futuro Pinocchio nella riduzione televisiva di Comencini) nel quale la presenza “esterna” di un Bud Spencer corrucciato e duro come ai tempi dei suoi primi western dà una marcia in più, anche se lo costringe a un ruolo che sembrerebbe più adatto al buon Mario Merola. Un dramma solido, imperfetto ma sincero, con l'omicidio centrale commesso durante una partita di calcio contro la Roma, sugli spalti. Sceneggiatura discreta.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 25/3/10 15:13 - 10931 commenti

Particolare film di Lizzani a metà strada tra il poliziesco e l'opera di denuncia sociale. La vicenda è ambientata nella Torino dall'anima più popolare (quella dell'immigrazione) che viene egregiamente descritta dal regista. Meno efficaci forse gli elementi noir della trama in un film che tuttavia rimane meritevole di visione anche per una discreta prova del cast.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 25/10/10 22:25 - 3875 commenti

Lizzani propone un film "politico" innestandolo su una trama gialla con forti venature da commedia, garantita dalle performances dei due piccoli protagonisti figli di un onesto lavoratore che è finito in galera perché difensore dei più deboli. Il titolo trae in inganno, perché di poliziesco non c'è nulla. Ma il ritmo e la bravura degli interpreti, tra i quali un Bud Spencer in insolito ruolo (presente, più che altro solo in chiusa), riescono a calamitare l'attenzione dello spettatore sino alle concitate battute finali, destinate a chiudere il film con certa malinconia. Musiche di Reverberi.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 23/4/12 11:31 - 4332 commenti

Non male questo dramma con un Bud decisamente serio e giustamente rancoroso, visto come l'hanno fregato, che fa sorridere (involontariamente) solo quando dice al figlio "Figghiuzzo mio!". L'indagine è abbastanza ben strutturata, anche se la presenza del ragazzino, che partecipa attivamente, non sempre giova alla pellicola. Qua e là si passa dal dramma al melodramma e questo non è il massimo. Comunque, gli attori se la cavano dignitosamente; e alla fine, più che Bud, quasi sempre in carcere, è l'avvocato a reggere la baracca filmica. Un'occhiata la merita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Mi hanno detto: 'Maresciallo, a Torino la mafia non esiste' e mi hanno sbattuto alla buoncostume. Ora ho a che fare con prostitute, invertiti, travestiti e convertiti".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 16/4/09 18:40 - 5737 commenti

Una Torino proletaria di immigrati siculi – descritta con penna naturalista da Lizzani, specie negli interni delle case popolari – è lo scenario per una storia che tocca ora il dramma sociale, ora il giallo, ora il noir, sintetizzandoli in una grandiosa vendetta conclusiva. Di certo lontanissimo dalla perfezione, è comunque un film curioso, anche per la presenza dell’ “avvocaticchio” Nicola Di Bari (doppiato da Pino Colizzi) e Bud Spencer in un ruolo diverso dal solito.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 15/6/08 17:09 - 1495 commenti

Gran film di Lizzani, poliziesco atipico per come descrive con grande realismo e sensibilità non comuni la storia di Mino e Lello, figli di un uomo ingiustamente incarcerato per omicidio che tentano di far riaprire il caso. Ottimi attori anche nei ruoli secondari ed una descrizione della Torino più povera che rimane davvero impressa. Da riscoprire.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 7/4/10 23:23 - 7011 commenti

Ispirandosi ad un fatto di cronaca (come spesso ha fatto nella sua carriera) Lizzani costruisce un film i cui risultati non sono malvagi ma che paga lo scotto di qualche difetto di troppo: luoghi comuni, attori fuori parte e soprattutto un tasso eccessivo di melodrammaticità e di inverosimiglianza nell'ultimo segmento. Accettabile ma nulla più. Interessanti e per certi versi sorprendenti le connotazioni ambientali.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 27/7/17 0:25 - 8092 commenti

Un operaio viene incarcerato per l'assassinio di un collega. Il suo avvocato indaga per dimostrarne l'innocenza con l'aiuto dei figlioletti dell'accusato... Spencer, imponente ma ancora tonico, si vede molto poco anche se è il primo nome in cartellone: i veri protagonisti sono l'occhialuto Nicola Di Bari (sic!) ed i bimbi. La trama richiama per i risvolti melodrammatici più i film di Merola che i poliziotteschi in voga in quegli anni, e questo aspetto, unito alle strane scelte del cast, fa dell'opera una pellicola difficilmente inquadrabile, comunque curiosa anche se non molto riuscita.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 22/5/12 8:21 - 3571 commenti

La Torino raccontata da Lizzani è interessante e il pregio della pellicola è l'umanità espressa dai personaggi che sì, tende talvolta al melodramma, ma riesce a evitarne i picchi che verranno toccati ad esempio da diversi film ambientati a Napoli. Anche la semplificazione non manca ma il racconto fila via liscio e rimane godibile. Lo stesso Bud Spencer riesce a incarnare un personaggio credibile (un po' goffo nelle avance da picnic ma vabbè..).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Noi terroni a Torino siamo oltre mezzo milione, se stiamo uniti ce li mangiamo a questi qua".
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Daidae 27/6/09 12:46 - 2589 commenti

Un insolito Bud Spencer per quello che viene considerato a torto un film poliziesco mentre è più sul sociale, pur restando sui generis anni 70. Tipico taglio operaistico di Lizzani; film non eccezionale ma tutto sommato bello, ottimo cast (Bozzuffi e Spencer su tutti).
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Trivex 28/9/16 8:58 - 1414 commenti

Ottimo film di Lizzani, soprattutto emotivamente parlando. Ma non solo, perché la storia è intrigante e i due "pargoli" nella loro improbabile indagine per cercare di scagionare il padre, alla fine aggiungono spirito leggero che in una pellicola così cupa e disperata non guasta proprio. Trasversale ai generi tradizionali, presenta una città in pieno boom edilizio, con tutto quel che, nel bene e nel male, ci naviga in mezzo. Bud Spencer qui è un personaggio in chiaroscuro, il cui senso di giustizia si trasforma - comprensibilmente - in una vendetta vera e propria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il terribile finale.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rambo90 4/12/12 2:49 - 5832 commenti

Tra dramma e giallo, un film riuscito nel complesso, che si fa seguire grazie a una trama lineare, senza nessun vero colpo di scena (l'identità dell'assassino è prevedibile) ma un interessante sfondo di denuncia. Lizzani dirige bene come sempre, Bud Spencer è bravo in un ruolo del tutto insolito ma troppo in disparte, molto spontanei Santoro e Balestri (Nicola Di Bari invece è mediocre ma ci si passa sopra). Finale iperdrammatico. Buono.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 14/3/13 23:14 - 4099 commenti

Troppo caricato - fin dai mielosi flashback iniziali - di stereotipi. I bambini troppo "bravi" e troppo poco credibili, specie il più piccolo, divoratore di riviste con immagini di donne discinte. Anche l'ambiente è molto forzato: la casa a ringhiera con grande protagonista il gabinetto in comune, luoghi sempre degradati... tutto per descrivere (e questo è forse l'aspetto migliore) la condizione dei lavoratori provenienti dal sud Italia a Torino. La vicenda ha fondamenta reali e in qualche modo si salva, come pure certi caratteristi.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 24/4/12 12:01 - 3309 commenti

Ispirato da un fatto realmente accaduto. Lizzani analizza e descrive l'ambiente proletario torinese fatto di case di ringhiera e sofferenze lavorative in cui si svolgono le vicende di un povero padre di famiglia accusato ingiustamente. Lo sviluppo narrativo tende al melodramma popolare, nonostante la schiettezza di fondo; discreto il cast, con un sorprendente quanto inverosimile Di Bari.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 3/5/12 10:57 - 2639 commenti

Maestro Lizzani ha sì fatto di meglio, tuttavia è ancor ammirevole nel metter a fuoco una Torino la cui oscurità è dovuta alla peggiore delle sette: la mafia delatrice, infame, omertosa. Da rimarcare l'utilizzo controcorrente di facce (Nicola, Bud, i due ragazzini) e attori (Bozzuffi, Urzì, l'irroconoscibile Fabian). Certo poi si può (deve) eccepire sul fatto che ritmo e fotografia (De Santis) coprano un dedalo troppo intricato di generi e riferimenti (dal neorealismo al poliziesco, dal melò per famiglie alla commedia con bambini). Epperò che grinta nel suo cinema!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli inseguimenti con la meravigliosa '500 bianca guidata da Nicola Di Bari; "La Roma gioca con la Juve... e forse vince pure": sì sì come no?
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 25/6/17 22:29 - 2633 commenti

Semplicistico e inverosimile, ma che importa? Qui si va di simpatia: a Spencer gli si vuole male? Mai. Le facce ci sono: Zamuto, Bozzuffi, Leontini. Nicola Di Bari (!) e i mocciosi tengono botta. L'andamento lineare ci soddisfa, la conclusione ci vede tifare sfegatati per l'eroe ingiustamente vilipeso. Lizzani ci regala uno Spencer perdente in una scazzottata, ma pure a questo passiamo sopra. Dai su, voto di pancia: non male, dopotutto.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Myvincent 27/1/16 8:23 - 2304 commenti

Lizzani gira un film che non è un semplice poliziesco ma anche un giallo e per di più a sfondo sociale, raccontando la "questione" meridionale al nord Italia dalla parte degli sfruttati, ma anche degli sfruttatori. Andrea Balestri è l'indimenticato "Pinocchio" che darà pepe al tutto, strappando più di qualche risata. Da rivalutare come film di serie A.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le case-stamberghe coi bagni sul pianerottolo, assegnati ai poveri immigrati.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Fauno 2/9/16 17:17 - 1815 commenti

Non va a fondo nell'analisi del fenomeno della mafia al Nord, visto che siamo solo a livello di caporalato nell'edilizia; ciò che colpisce è l'ostinazione nel senso di giustizia di questi due bambini, costretti a maturare velocemente, che pur di far scarcerare il padre (ingiustamente condannato), vanno a sfidare un'organizzazione criminale piccola finché si vuole ma assolutamente spietata. Quindi un'opera di largo respiro, dalla quale fra i tanti emergono un eccellente Nicola di Bari nel ruolo di un avvocato e Zamuto, solito commissario menefreghista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Fantastica la consegna della pistola al padre da parte del figlio più piccolo, con nome e cognome dei personaggi da eliminare.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 19/8/14 19:43 - 1680 commenti

Lizzani racconta le infiltrazioni mafiose e le condizioni degli immigrati in una metropoli del Nord, ma la sceneggiatura di Vincenzoni e Badalucco concede troppo spazio ai due figli dello sfortunato protagonista dando vita a numerose situazioni degne del libro Cuore (non per niente siamo a Torino!). Nicola Di Bari è uno degli avvocati più improbabili apparsi sullo schermo mentre Bud Spencer, pur non convincendo pienamente, si conferma portato anche per i ruoli seri. Ottimi i caratteristi e bella la fotografia di Pasqualino De Santis.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli inseguimenti sulla 500; Leontini che illustra il suo lavoro alla Buoncostume...; Il drammatico finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Stefania 22/4/12 0:23 - 1600 commenti

I bambini vanno maneggiati con attenzione, soprattutto quando sono protagonisti di un insolito poliziesco, nel quale si improvvisano detective per scagionare il padre: il rischio del melodrammatico e del ricattatorio è forte, e Lizzani, questo rischio, non l'ha scansato. Inoltre, il film (per quanto ispirato a un fatto di cronaca) presenta vistose forzature (la mancata consegna della foto alla polizia, ad esempio), che sembrano pretesti per complicare la trama e per fare spettacolo. Un film di denuncia mal riuscito e male invecchiato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un bel finale, molto teso, il difetto è Bud Spencer: non riesce a rendersi credibile.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Disorder 27/10/10 22:47 - 1388 commenti

Buon dramma a sfondo sociale, con un insolito Bud Spencer nei panni di un dimesso operaio siculo: emigrato a Torino, si metterà nei guai sfidando i soliti prepotenti (memorabile lo sganassone al caporeparto carogna!), ma questa volta la pagherà cara. Non è male, ma penso si potesse sfruttare di più il personaggio di Bud che è troppo defilato; a reggere la storia sono di fatto l'avvocato e il ragazzino. Finale amaro e veramente inaspettato, specie se si è abituati ai soliti personaggi di Bud.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bud prende a sgabellate il caporeparto per aiutare un collega; i flashback di lui felice con moglie e famigliola.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Furetto60 17/2/13 18:12 - 1129 commenti

Protagonisti del film sono un avvocato, lo spontaneo Nicola Di Bari e i due figli di Rao, operaio incolpato ingiustamente, relegando Spencer (Rao appunto) per lo più a un ruolo secondario. Il titolo è esemplificativo di una Torino cupa, popolata da immigrati meridionali ammassati in quartieri ghetto e con relative difficoltà di integrazione. Non vi sono forzature nella trama, concedendo accenni più leggeri al solo piccolo Balestri (lo stesso anno Pinocchio con Manfredi). Finale in linea con i pesanti anni 60/70.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Pessoa 29/6/17 23:42 - 1003 commenti

Questa volta Lizzani decide di lasciare in secondo piano il taglio documentaristico (sebbene la storia sia ispirata a un fatto vero) per privilegiare un interessante intreccio giallo e le scene d'azione. Ma spesso il realismo è più cercato che trovato e un'aria melò appesantisce il ritmo della vicenda con lungaggini di sceneggiatura non fondamentali. Spencer e Di Bari si impegnano a fondo e risultano credibili, con il cantante pugliese sorprendentemente in parte, nonostante qualche ingenuità. Regia sobria e presente. Non male, dopotutto.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Jdelarge 19/8/13 17:34 - 716 commenti

Basandosi su un fatto di cronaca Lizzani sforna un buon film vicino al genere poliziesco, ma a tutti gli effetti drammatico (forse in maniera eccessiva). L'aspetto più interessante in grado di rappresentare al meglio la realtà degli anni sessanta e settanta al nord è sicuramente rappresentato dallo sfruttamento che Fridda, capo cantiere meridionale, esercita sui suoi dipendenti, anch'essi meridionali. Essendo un fatto di cronaca non ci sono colpi di scena, ma il film è simpatico. Molto bello il contrasto fra la Torino povera e quella perbene.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli inseguimenti con la storica Fiat 500.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Alex1988 10/3/17 19:07 - 554 commenti

Lizzani, come il suo solito, trae spunto dalla vera cronaca e ci mostra un insolito Bud Spencer vittima di un'accusa di omicidio infondata, anche se i veri protagonisti del film sono i due ragazzini (suoi figli), che cercheranno prove in grado di scagionarlo. Diretto con mestiere, non lascia però li segno come il precedente Banditi a Milano. Discreto.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Guru 17/5/11 10:36 - 348 commenti

La vicenda di cronaca nera raccontata da Lizzani ci propone la necessità di riscatto dall'ingiustizia e dallo status di "ultimi". Gli ultimi sono i nuovi immigrati, provenienti dai posti più disparati d'Italia, costretti a soprusi e violenze! Questo riscatto non è facile da ottenere. La giustizia vigila sulla malavita ma la mole di lavoro è immensa! La figura di Bud che lotta per i suoi diritti e per tutelare quelli degli altri è rafforzata da quella del figlio maggiore il cui ruolo è determinante nella ricerca dell'innocenza del padre.
I gusti di Guru (Fantascienza - Giallo - Sentimentale)

Victorvega 28/4/17 17:05 - 183 commenti

Il film è godibile, il susseguirsi degli eventi coinvolge e non è sbagliato affermare che si tratti di un bel film con una buona regia, valide interpretazioni e con alcune scene d'azione notevoli (penso all'inseguimento a piedi tra i binari e al maxi tamponamento autostradale). Pesano sulla riuscita finale però alcuni dettagli: in certi casi la poca credibilità (di Nicola Di Bari, della situazione con i bambini indagatori, del piccolo comodamente dentro il cofano...) e la pesantezza di alcune parti "comiche" (sempre riguardanti i piccoli).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inseguimento tra i binari; Il maxi tamponamento con fuga.
I gusti di Victorvega (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Azione70 25/11/15 17:01 - 133 commenti

Film amaro, che narra le peripezie investigative di due bimbi (i bravissimi Santoro e Balestri) per fare uscire il padre (Bud Spencer) dalla galera in cui è ingiustamente detenuto. Questa ricerca della verità avviene in un contesto mafioso ed è molto ben rappresentata la frustrazione - fisica e mentale - dei due bambini e del loro giovane amico avvocato (un sorprendente Nicola Di Bari). La Torino degli anni 70 fa da sfondo e Lizzani utilizza in modo idoneo e funzionale le immagini della città e delle povere abitazioni degli operai.
I gusti di Azione70 (Comico - Commedia - Poliziesco)

Brik94 31/7/15 7:49 - 68 commenti

Non un poliziesco ma un film drammatico, in cui il protagonista non è Bud Spencer ma Nicola Di Bari insieme ai figli di Rao (Bud) alla ricerca delle prove che scagionerebbero il padre. Il film in ogni caso tiene lo spettatore incollato allo schermo (Lizzani è uno specialista in questo genere). Se si pensa che il film è ispirato a una storia vera... Buona la prova di Bud in un ruolo per lui insolito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bud tira uno schiaffo a un padrone per difendere un amico operaio (tanto per non perdere le "buone vecchie" abitudini).
I gusti di Brik94 (Azione - Commedia - Giallo)

Domila1 18/8/19 23:06 - 45 commenti

Lo chiamano poliziesco ma non lo è e, vista la firma di Lizzani, si capisce subito di essere in un film che prende spunto da una storia vera. Ma proprio per questo si sente la lacuna di non approfondire molto alcuni personaggi: Rosario Rao, che dovrebbe essere il protagonista (interpretato da un insolito Spencer) è molto assente. Sono infatti Santoro e Di Bari a reggere la scena. Altra pecca è il non avere un finale che dia un’idea su un futuro concreto della famiglia Rao. Comunque da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Spencer che perde in una scazzottata è la cosa più triste, per un fan del gigante partenopeo...
I gusti di Domila1 (Azione - Documentario - Guerra)