Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA PIù BELLA SERATA DELLA MIA VITA

All'interno del forum, per questo film:
La più bella serata della mia vita
Dati:Anno: 1972Genere: commedia (colore)
Regia:Ettore Scola
Cast:Alberto Sordi, Michel Simon, Charles Vanel, Claude Dauphin, Pierre Brasseur, Janet Agren
Visite:4549
Il film ricorda:...Hanno cambiato faccia (a Tomastich)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 29
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 15/2/07 19:51 - 4487 commenti

Film di livello non eccelso, ma decisamente gradevole (e non solo per la sfolgorante presenza di Janet Agren). Alberto Sordi in gran forma, in un ruolo per lui perfetto, che accelera e rallenta, rallenta ed accelera. Cast di gran classe, con Pierre Brasseur (morto a Brunico, durante una delle ultime riprese) ed altri mostri sacri del cinema francese.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 9/7/12 18:55 - 11002 commenti

Nonostante la realizzazione sia del 1972, non è invecchiato molto questo interessante film di Ettore Scola (tratto da un racconto di Friedrich Dürrenmatt), che dipinge un ritratto dell'Italia e degli italiani cinicamente veritiero. Nessuno come Alberto Sordi poteva meglio interpretarne il protagonista e l'attore romano è affiancato da grandi interpreti francesi e da una fascinosa Janet Agren. Notevole la prova del regista; non eccelso il doppiaggio. Film senz'altro meritevole di visione.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Il Gobbo 16/4/13 9:13 - 3011 commenti

Film con potenzialità in parte frustrate dal didascalismo di Scola, troppo tignoso nel piegare il racconto alle sue smanie moralistiche, e dal controllo non totale dei toni, goffe alcune sottolineature grottesche che tolgono aria. Nè la scelta dei pur valorosi gigioni d'oltralpe è priva di controindicazioni. Per fortuna c'è un Sordi gigantesco, e una Agren allucinante (in senso buono). Sufficiente.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 4/6/12 12:24 - 7375 commenti

Un apologo amaro sulla giustizia, guidato da uno sguardo tagliente sui mali di una certa Italietta cialtrona, allupata e arrembante (così attuale!), e venato autoironicamente da un’atmosfera gotico-grottesca. Il racconto originario di Dürenmatt mantiene qui tutta la spietata disillusione per la giustizia terrena esercitata in una società malata, ammorbidendo con accenti da commedia il rigore quasi sadiano dei 4 Signori-giustizieri reclusi nel castello. Un film dalla serrata teatralità per una inquietante e beffarda parabola morale.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 18/1/15 17:05 - 5737 commenti

Scola è più cinico e pessimista di Dürrenmatt: ne condivide la sfiducia per la giustizia tecnica, ma di punire le colpe incarica non i rimorsi di coscienza - estranei ad italiani arrivisti, corrotti e ruffiani che non si fermano davanti a nulla - ma la debolezza umana e il fato. Sordi e i quattro vecchi attori francesi tengono la scena da consumati mattatori in uno scoppiettante processo dai labili confini tra serio, faceto e grottesco su cui incombono minacce terrifiche (la motociclista, l'incubo, l'ex boia e lo stesso modo di fare dei quattro ex magistrati). Di bellezza sublime la Agren.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arringa di Sordi; L'incubo con la decapitazione; Il risveglio.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 1/4/10 19:03 - 1495 commenti

La pecca principale, tanto per cambiare, è Sordi. L'attore romano esagera di continuo e sfiora il demenziale in più punti, con la sua solita parlata e la sua finta risatina infilata ogni 4 parole. Detto questo il film è piacevole, tenuto su un registro volutamente ambiguo che dona al tutto un'aria molto interessante. Tutta la parte centrale, col processo che entra nel vivo, è ottima; il finale è spiazzante ma solo fino ad un certo punto. E la Agren è qui più bella del solito, sempre che la cosa fosse tecnicamente possibile.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 28/7/19 1:45 - 7099 commenti

Lo splendido racconto di Durematt è l'occasione di mettere in scena un vero e proprio processo a certi italiani ed ai lori usi, costumi e mentalità. Per questo non disturbano troppo i cambiamenti rispetto al testo, ché sono funzionali C'è qualche lungaggine gratuita che ne appesantisce l'andamento, ma alla fine il risultato è buono. E come nel racconto è pienamente riuscita la sospensione tra scherzo e realtà. Buona la prova di tutto il cast, con un Sordi che a volte però eccede. Interessante la colonna sonora di Trovaioli, con gustosi e riusciti innesti elettronici.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 4/3/14 12:00 - 8304 commenti

Deludente se confrontato con lo stupendo racconto di Durrenmatt, di cui non conserva lo spirito oltre a stravolgerne il finale, il film di Scola acquista invece una sua godibilità come opera a se stante, ossia come ritratto di un mostro inconsapevole, a cui Sordi presta la sua maschera più meschina di borghese arrivato, soddisfatto di se stesso, grettamente benpensante, nell'occasione attorniato da tre mostri sacri del cinema francese, che gareggiano in finezza (Vatel), spirito (Brasseur) e gigioneria (Simon). 2+ che poteva essere 3 con una chiusa più secca.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 4/7/16 23:28 - 3116 commenti

Film insolito, sospeso, che gioca col grottesco e il kafkiano senza mai abbandonare il campo della commedia, pur gravitando sovente attorno ai suoi limiti. Il paradossale gioco giudiziario ha forse meno mordente del previsto, ma l'ironica soluzione giunge inaspettata e la stramba atmosfera funziona. Confezione professionale e funzionale, ottimo cast, belle ambientazioni montane ed ennesima prova dell'eclettismo di Trovajoli, che - tra le varie cose - tira fuori dal cilindro un sorprendente tema proto-carpenteriano. Imperfetto ma interessante.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Matalo! 12/7/12 11:16 - 1362 commenti

Tra Durrenmatt e Scola passa un fiume in piena; tanto distaccato e implacabile è lo stile del grande scrittore, così eccessivo e semipopolare quello del regista. Un film curioso, con ambizioni di apologo; forse il cambiamento di rotta vale per mettere meglio in luce i difetti dell'arricchito "all'italiana" per cui non me la sento di condannare in toto il film, anche se Sordi fa sempre se stesso. Curioso rimando "di moda" ad Arancia meccanica nella scena del sogno. Qualche inquadratura wellsiana qua e là. Janet Agren in forma splendida.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Gugly 28/10/13 13:16 - 983 commenti

Buon film di Scola che offre un meccanismo perfetto sino alla requisitoria del pubblico ministero, poi il racconto si diluisce in minuscoli rivoli non esattamente indispensabili (la banda per il coro di addio!); allo stesso modo, Sordi è magnifico nella prima parte, poi viene lasciato libero di gigioneggiare mentre la misura della prima parte estesa all'intera vicenda avrebbe dato più corposità all'impronta drammatico-apologetica-surreale della pellicola. Janet Agren splendida come sempre. Ad avercene, processi così...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il progressivo disvelamento delle magagne di Rossi, compiaciuto della requisitoria dell'accusa.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Rambo90 20/2/12 23:34 - 5961 commenti

Un film davvero notevole, ingiustamente sottovalutato da troppo tempo. La storia è originale e coinvolgente, pur procedendo con lentezza e con qualche lungaggine e fino alla fine lascia lo spettatore sulle spine, sempre in bilico fra commedia e inquietudine. Sordi è bravissimo, rende perfettamente lo spaesamento del protagonista, che non sa se divertirsi o preoccuparsi; grandi anche i quattro attori francesi che fungono da magistrati in pensione, stupenda Janet Agren. Da vedere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 27/7/12 20:24 - 3533 commenti

Tratto da un racconto di Friedrich Dürrenmatt, questo film di Scola è stato per me una piacevolissima sorpresa. L'ambientazione è molto suggestiva e la messa in scena risulta essere in perfetto equilibrio tra commedia e grottesco. Il cast è ben assortito e davvero in gran forma. Janet Agren dimostra di avere un fascino fuori dal comune e Sordi riesce a farti ridere anche in situazioni drammatiche. Peccato per il finale che, diverso rispetto al racconto, non è sicuramente all'altezza del resto dell'opera.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Belfagor 3/7/17 19:59 - 2601 commenti

Una critica agli italiani fatta da un italiano che resta ancora valida, al netto di un'impropria ma secondaria xenofilia. Durante il surreale processo, la maschera da divertente canaglia del protagonista (un Sordi in gran spolvero) viene progressivamente rimossa per rivelare i lati più turpi di una borghesia che si autocelebra e, con la medesima incoscienza, si autodistrugge. A studiarlo con perizia entomologica vi sono tre glorie del cinema francese e una misteriosa, splendida Agren. Finale tirato per le lunghe ma soddisfacente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arringa finale dell'accusa; "Un ameno villeggiante sulla spiaggia della vita".
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Ryo 1/12/19 21:30 - 1926 commenti

Ottima film di Ettore Scola. Impostazione da spettacolo teatrale ravvivata da buone idee e da un grandioso Alberto Sordi, protagonista molto presente, coadiuvato da un cast all'altezza che sa restituire una trama che sulla carta potrebbe essere statica. Curiosa l'aria assurda e inquietante che si respira e che raggiunge l'apice nella sequenza onirica prima della parte finale.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Il Dandi 19/5/16 13:43 - 1608 commenti

Apologo grottesco in cui la maschera sordiana dell'italiano medio viene deformata sotto la lente d'ingrandimento di un vero e proprio processo che ne seziona vizi e intenzioni. Nessuno meglio avrebbe potuto prestarsi al ruolo meglio di Sordi che, unico personaggio umano in un'atmosfera surreale, di fatto tiene l'intero film sulle sue spalle. La regìa di Scola non convince appieno nelle fasi più oniriche (l'incubo in motocicletta e il finale) altrimenti avrebbe potuto essere un piccolo capolavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sordi applaude alla requisitoria del Pubblico Ministero.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Dusso 30/4/13 13:50 - 1533 commenti

Mi ha lasciato molto perplesso questo film di Scola il quale, attraverso un soggetto interessante, realizza un'opera tutto sommato deludente per le potenzialità inespresse e nei momenti topici prende strade totalmente sbagliate (il finale telefonatissimo, il sogno...) o sbaglia i tempi delle rivelazioni (il momento della sentenza). Sordi esagera, meglio i francesi (straordinario Simon).
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Il ferrini 14/12/17 23:42 - 1521 commenti

Commedia grottesca che impiega qualche minuto a ingranare ma poi cattura completamente; merito del buon racconto da cui è tratta (che Scola modella sul Sordi piccolo borghese) ma anche delle grandiose interpretazioni del cast. Un film sorprendente, sia negli sviluppi che nel drammatico finale e che può contare su una splendida location, perfetta con i suoi anacronismi d'arredo per incorniciare una storia sempre in bilico fra il reale e l'onirico. Grande cinema, ingiustamente sottostimato.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Tomastich 2/7/14 16:38 - 1213 commenti

Un film che è quasi un unicum nella cinematografia italiana. Fiaba nera, mystery, denuncia sociale, surreale e metafisico. La più bella serata della mia vita è tutto questo: un grande Sordi aiutato dai quattro francesi dà vita al ritratto gretto e meschino di un italiano arricchito alle spalle degli altri. Un processo farsa la cui condanna poi avrà riflesso reale sulla vita del povero "signor Rossi". Sicuramente un film da riscoprire.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Von Leppe 25/3/11 22:37 - 958 commenti

Il personaggio Sordi dell'italiano mediocre e furbacchione in Svizzera, dove tutto funziona e dove viene sottoposto a processo. La vicenda si svolge tra le mura di un castello con un'ottima fotografia, che dal crepuscolo della cena passa alla notte, fino all'incubo. Il film procede in modo ambiguo tra le risate e le gag di Sordi alle arringhe dei giudici e Simonetta (ricorda quasi la bimba di Toby Dammit). Alberto Sordi, attore simbolo della commedia italiana, è inserito in un'atmosfera da incubo in un castello alpino. Esempio dell'esterofilia nostrana.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli italiani sono i clienti migliori.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Lupoprezzo 30/7/12 13:59 - 635 commenti

L'idea di partenza è stuzzicante, il cast a disposizione del regista da oscar; ma il tono utilizzato allunga un po' il brodo con l'acqua, sprofondando in una farsa che alleggerisce la potenza del film. Un po' un peccato, perché questa grande abbuffata di giustizia manca della giusta cattiveria, soprattutto in chiusura, con un finale sognante che onestamente non convince del tutto. Comunque sia resta discreto e le interpretazioni degli attori soddisfacenti (meraviglioso Sordi; impagabili i tre grandi vecchi del cinema francese; da infarto la Agren).
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Graf 6/9/13 2:43 - 630 commenti

Ettore Scola, uno dei re della commedia italiana, questa volta sforna un film da cinema kammerspiel anni venti forgiato con il fuoco della deformazione grottesca, con la fiamma della distorsione onirica e finanche con l’ardore dell’atmosfera kafkiana. Oddio, un dubbio di sfoggio snobistico aleggia sull'intera operazione che rimane un magistrale esercizio di stile, ma “il processo” intentato da quattro magistrati svizzeri in pensione al ricco evasore italiano Sordi possiede tutta la rabbia, lo sdegno e la crudeltà del teatro elisabettiano del'600. Finale molto deludente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Alfredo Rossi, l'evasore interpretato da Sordi, viene dissezionato durante il processo in modo rigoroso come se fosse un insetto.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Kanon 15/4/11 11:30 - 589 commenti

Non aveva bisogno di essere modificata questa storia (tratta da un bel racconto di Dürrenmatt); sarebbe bastato riproporla così com'era, senza peraltro cambiarne il finale (peggiorandolo). Funzionano meglio i quattro giudici, veri protagonisti della vicenda, rispetto a Sordi che è sì adatto al ruolo del borghesuccio italiano ma gigioneggia troppo finendo per dare un'impronta troppo personale al suo ruolo. Comunque Scola riesce bene a creare quella giusta atmosfera di mistero mista ad allegria che aleggia per tutta la pellicola.
I gusti di Kanon (Commedia - Fantascienza - Thriller)

Vitgar 16/4/17 18:42 - 586 commenti

Buon film di Scola - non foss'altro perché realizzato per buona parte in ambiente chiuso - basato su un bizzarro e inquietante "processo" alle intenzioni. Vi sono comunque momenti un po' zoppicanti che sembrano messi lì per allungare la durata. Ottimo Sordi, more solito, alle prese con l'italico che si crede furbo. Ottimi anche gli attori francesi, bellissima la Agren. Consigliato.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Motorship 11/7/12 17:41 - 567 commenti

Ottimo film di Ettore Scola il quale, ispirandosi a un romanzo di Durrenmant, tratta con ferocia l'atteggiamento dei furbi che portano soldi sporchi all'estero. A rendere il film interessante è anche un grandissimo Alberto Sordi, che riesce a dare un'ottima caratterizzazione al personaggio dell'Italiano altoolocato in Maserati, furbo e cinico verso il proletariato ("i poveri c'hanno a pelle brutta", dice). Dal processo in poi il film prende ritmo (un ritmo per la verità un po' blando inizialmente, anche se il film è godibile). Splendida Janet Agren.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)

Stelio 12/6/14 6:38 - 384 commenti

È uno di quei casi in cui si oscilla tra il "poteva essere un capolavoro" e il "però, geniale". Direi che si può lasciar stare la prima lamentela concentrandosi sulla seconda. La struttura è veramente qualcosa di unico, le spalle svizzere di Sordi sono eccezionali, mentre Albertone dà una grande prova recitativa, anche se in certi frangenti va un po' fuori contesto con il suo stile recitativo prettamente comico.
I gusti di Stelio (Animazione - Commedia - Drammatico)

John trent 27/8/11 18:28 - 326 commenti

Bello, bello, bello. Nonostante un Sordi un po' sottotono l'impianto generale del film è ottimo, merito delle quattro vecchie glorie del cinema francese nei panni del pubblico ministero, del giudice, dell'avvocato difensore e del cancelliere. Davvero splendida la Agren, motociclista demoniaca (forse). Finale un po' irrisolto ma non del tutto inappropriato, a mio avviso. Suggestiva l'ambientazione e ottima tutta la parte centrale del "processo". Ingiustamente tra le opere meno celebrate e conosciute interpretate da Sordi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Come se chiama quel Temistocle, quello che voleva tirare sul prezzo con le puttane? ".
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)

Liv 1/5/13 16:32 - 237 commenti

Un paio di orette meglio spendibili altrimenti. Il film è greve, pedante, autocompiaciuto, moralista come solo gli italiani sanno essere quando non sono immorali, xenofilo come solo gli italiani possono essere quando vogliono elevarsi. Sordi gioca in trasferta ma con un personaggio che interpreta perfettamente. La farragine letteraria è portata al massimo da Scola, che allora era entrato, purtroppo, nella sua fase di cineasta impegnato (siamo nel 1972). Il finale è appiccicato, appiccicaticcio e non appartiene ai nostri gusti cinematografici.
I gusti di Liv (Animazione - Avventura - Commedia)

Edo 9/5/17 1:11 - 12 commenti

Il racconto “La panne” di Friedrich Dürrenmatt viene trasformato da Amidei e Scola in una intrigante commedia (all’)italiana in cui trovano posto anche citazioni da Cocteau e da Kafka. Alfredo Rossi, arrivista senza scrupoli, viene sottoposto per gioco a un finto processo che, a poco a poco, diventa un processo alla borghesia che si conclude con un verdetto emesso "In nome del popolo e di tutti i popoli": sogno o finzione? incubo o realtà? Imperdibile interpretazione di Alberto Sordi. Notevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il (finto?) avvocato difensore descrive così Alfredo Rossi: "E’ solo una comparsa, un piccolo uomo: è un ameno villeggiante sulla spiaggia della vita".
I gusti di Edo (Comico - Commedia - Drammatico)