Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LUDWIG

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/1/08 DAL BENEMERITO B. LEGNANI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 24/1/08 20:16 - 4282 commenti

Mastodontico, tormentato, bellissimo. Straziante ritratto della decadenza psichica di Ludwig II (inconsapevole sponsor della sezione "puzzles" della Ravensburger, avendo lui fatto costruire il castello di Neuschwanstein), narrato con sincera pietà da Visconti. Il regista riesce mirabilmente a evitare allo spettatore che la crescente cupezza dell’ambientazione diventi incomunicabilità e che la parossistica ridondanza scenografica diventi insostenibile orpello. Molte scene indimenticabili. Berger (doppiato da Giannini) grande, come tutto il cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incredibile fontana con i cigni.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Pigro 10/3/09 8:33 - 7125 commenti

La vita estrema del re Ludwig II, l'amore per la cugina, la follia, la musica, la morte. Il film dilaga oltre ogni limite, puntando proprio su quell'eccesso da melodramma wagneriano che fu la cifra esistenziale e psicopatica del monarca bavarese. Visconti tracima oltre ogni limite riempiendo gli occhi dello spettatore di malata meraviglia, a cui si attengono tutti gli eccellenti attori coinvolti. Con un gusto operistico che interpreta la vita stessa di Ludwig come un poema tragico e visionario. Imponente, imprescindibile, impegnativo.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 26/12/12 17:49 - 5737 commenti

È l’opera dove Visconti, ormai sul punto di chiudere la sua carriera, sostanzia tutto il suo culto per la Bellezza, sfolgorante in scenografie sontuose e nella cura certosina con cui allestisce gli aristocratici décor. Questo perfezionismo esornativo – lungo trait d’union fra Il gattopardo e Gruppo di famiglia in un interno – inibisce la vis dramatica generale, ma fa tutt’uno con il personaggio di Ludwig II: un medaglione di esteta romantico e decadente, sovrano perso nel mondo dell’arte ed estraneo alla realtà politica. Ottimi il doppiaggio di Giannini su Berger e di Montagnani su Howard.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La grotta dei cigni.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 27/5/10 13:44 - 1495 commenti

Impressionante biografia di Ludwig II, girata da Luchino Visconti con abbondanza di mezzi ed un ottimo cast. Alla fine emerge con prepotenza una figura complessa, contraddittoria ed indubbiamente affascinante: chi era in realtà Ludwig? Un pavido scialacquatore di risorse, oppure un illuminato intellettuale? Il dubbio aumenta il fascino della pellicola, che pretende qualcosa dallo spettatore (poco meno di 4 ore la durata) ma dona molte sequenze grandiose: una su tutte la prima nella grotta artificiale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ludwig: "Io sono un enigma, e voglio rimanere per sempre un enigma per gli altri... ed anche per me stesso".
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Deepred89 19/5/15 17:50 - 3048 commenti

Col suo consueto tocco a tutto sfarzo (ma a emergere sono soprattutto gli squarci meno sfarzosi, come certi meravigliosi esterni) Visconti dipinge un personaggio di impressionante profondità, quasi commovente nella sua anima candida e fragile, dotta e (mi si passi il termine) burtoniana, impersonato da un Berger con volto e movenze indescrivibili (nè tantomeno giudicabili). Nel secondo tempo la megalomania mangia il personaggio il quale, irrimediabilmente, si allontana dallo spettatore, ma la sua ombra veglia sul film, impedendogli di cadere.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Nando 30/5/10 2:36 - 3197 commenti

La storia discendente di un re, narrata con cura da Visconti, le sue paure, i suoi vizi, le sue turpi voglie. Da qui nasce un film importante in cui il regista analizza la decadenza di una dinastia evidenziando le brutture e le manie di grandezza. Una grande parabola sulla decandenza intellettuale che vede un Berger, dannato e totalmente partecipe nel ruolo assegnatogli.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Jena 10/9/11 20:39 - 905 commenti

Grandioso film fluviale sulla follia del grande Ludwig. Ricostruzione storica perfetta, cura dei particolari esasperata, scenografie di una bellezza che lasciano senza fiato (visto l'abbondante utilizzo dei meravigliosi castelli bavaresi - e non - di Ludwig). Film wagneriano al cento per cento, in cui perdersi senza riserve. Infine l'interpretazione sconvolgente di Berger, che lascia senza parole (ma ottimi tutti, Romy Schneider in testa). Film che non si riescono a fare più e che solo Visconti riusciva a fare...
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Mtine 9/10/18 20:13 - 214 commenti

Lussu(ri)oso e malato come il suo protagonista (e forse anche il suo interprete), Ludwig è la magnetica non-biografia di un regnante nemico di se stesso, che fin dalle prime immagini lascia trasparire quella che sarà la sua disperata e misteriosa vita. Vengono messi in luce più i rapporti con gli artisti (Wagner in primis) e l'Imperatrice Sissi (reinterpretata dalla Schneider) che le vita politica e pubblica (praticamente assente), sullo sfondo di curatissimi e claustrofobici interni. Un po' tirato per le lunghe (4 ore!), ma imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I denti neri di Ludwig.
I gusti di Mtine (Comico - Giallo - Thriller)

Pau 4/7/10 1:09 - 125 commenti

Implacabile affresco della decadenza di uno spirito - quello di re Ludwig II di Baviera - che poteva essere bello ma finisce per scivolare nel disagio, nell'inquietudine, nel tormento, nell'eccentricità, nel vizio e nella paranoia. La solitudine e la meschinità del potere uccidono gli afflati del povero Ludwig, anima eletta decisa a cercare la felicità nell' "impossibile", come dice lui stesso in una delle scene più intense. Intensa Romy Schneider, di nuovo alle prese con il ruolo che la rese celebre, stavolta in chiave più pragmatica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le sontuose e straripanti scenografie che illustrano gli interni dei castelli fatti costruire da Ludwig meriterebbero da sole la visione.
I gusti di Pau (Giallo - Poliziesco - Teatro)