Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SANGUE E TERRORE DIETRO L'ANGOLO

All'interno del forum, per questo film:
Sangue e terrore dietro l'angolo
Titolo originale:The Meateater
Dati:Anno: 1979Genere: horror (colore)
Regia:Derek Savage (David Burton Morris)
Cast:Arch Joboulian, Dianne Davis, Peter Spitzer, Emily Spindler, Gary Dean, Joe Marmo, Frank Montiforte, Scott McGinnis, Lenny Tunes, Richard Nathan, Debbie Alsbury, Dorothy Bartlett, Dorothy Francavilla, Joe Goossen, Lynn Harris, Fran Kay
Note:Aka "Il ritorno di Jean Harlow", "Il mostro del palcoscenico", "The meat eater"
Visite:894
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/1/08 DAL BENEMERITO HERRKINSKI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 24/1/08


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Herrkinski 15/5/08 17:26 - 4505 commenti

Primo ed ultimo film di tale Derek Savage (ed è facile capire perchè!), che girava ogni tanto sulle TV private e nelle edicole negli anni '80. Al di là della trama, che tutto sommato poteva anche passare, a rendere sconveniente la visione del film sono la pessima fotografia (spesso sballata, piena di riverberi e grossolani errori nell'illuminazione) e il montaggio emicranico e amatoriale (che ricorda alcune cose di Andy Milligan). Se si aggiunge il ritmo catatonico, tipico di certi low-budget anni '70, la noia è assicurata.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 10/2/09 22:23 - 2611 commenti

Film brutto e povero. In America dicono "so bad is so good" in riferimento a certe perle come questa... Un vecchio pazzo vive nascosto in un cinema chiuso da anni ove passa il tempo ad ammirare una famosa attrice bionda, il cinema viene rilevato da una famiglia con figlia bionda (che non somiglia per niente all'attrice del cinema) e il mostro si innamora. Fotografia che pare uscita dagli anni 40, attori che interpretano due ruoli... so bad is so good...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tentativo di baciare la ragazza; l'effetto speciale "purea" dopo la scena del tetto.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Rufus68 16/4/18 8:02 - 2700 commenti

Micidiale low budget che illude per qualche minuto (l'inizio nel cinema diroccato col topastro azzannato) e poi si sgonfia sino all'irrilevanza. Tra gli attori notevoli, per gli amanti del peggio, il protagonista sempre lì a ruminare uno spuntino e il poliziotto con trippa debordante e camicia pezzata di sudore. Quando il matto si materializza fisicamente, con calma olimpica, invocando metacinematograficamente Jean Harlow (morta nel 1937) si è, da spettatori, già groggy. Un filmino delle vacanze eccita di più.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Buiomega71 20/9/15 19:22 - 2064 commenti

Un'aura zozzerella e perversa si stampa per tutti i 76 minuti sulla pellicola di questo filmetto quasi amatoriale e infinitamente pauperistico, ma pervaso da un'atmosfera sporca e olezzosa, marcescente e fetida, dove la non regia di Savage, la terribile recitazione (la "sosia" di Jean Harlow su tutti), la povertà dell'insieme amplifica il disagio e il retrogusto disturbante. Il mostro cinefilo (con make-up semplicistico ma a suo modo efficace) ricorda il fumetto "Silver cinema" e la sua solitudine che si consuma nella follia resta nella memoria. Guilty pleasure.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le zeppe indossate dalla giovane "sosia" di Jean Harlow; IL mostro ridotto a una specie di purea sanguinolenta dopo lo schianto.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Anthonyvm 3/4/18 22:12 - 1143 commenti

Sporco e bizzarro horror settantiano che, pur non avendo particolari caratteristiche che lo rendano memorabile, si fa ricordare per l'atmosfera grind e squallida e per alcune sequenze violente che non passano inosservate. Il "fantasma del cinema" che mangia un topo crudo e il macello splatter nel finale rimangono impressi. Trama, attori e dialoghi deludono fortemente, ma non è un gran problema in questo genere di pellicole. Con un bodycount più elevato e un ritmo più sostenuto avrebbe potuto diventare un piccolo cult.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il documentario proiettato nel cinema, una collezione di chicche per ogni trash seeker in cerca di idiozie fintamente informative.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Metakosmos 18/11/19 13:01 - 157 commenti

Per quanto derivativa l'idea di base è intrigante, così come l'atmosfera sporca e l'ambientazione nel vecchio cinema abbandonato; peccato però che questi fattori non vengano sfruttati adeguatamente. Tra regia e recitazione terribile, una realizzazione pressocché amatoriale e soprattutto tantissimi riempitivi verbosi e inutilmente prolissi (compresi intermezzi palesemente pubblicitari), il film perde l'occasione di divenire un cult del genere. Al di là di ciò resta un riuscito ultimo quarto d'ora delirante e bello marcio. Appena potabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La famiglia in macchina che canta la canzone dei wurstel Oscar Meyer (saranno venuti da lì i fondi?); Le sequenze dei film di Jean Harlow; Il finale.
I gusti di Metakosmos (Giallo - Horror - Western)