Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MESSIA DEL DIAVOLO

All'interno del forum, per questo film:
Il messia del diavolo
Titolo originale:Messiah of evil
Dati:Anno: 1973Genere: horror (colore)
Regia:Willard Huyck, Gloria Katz (n.c.)
Cast:Michael Greer, Marianna Hill, Joy Bang, Anitra Ford, Royal Dano, Elisha Cook Jr., Charles Dierkop, Bennie Robinson, Morgan Fisher, Emma Truckman, Dyanne Asimow, Herb Margolis, Alex Michaels, Walter Hill, Laurie Charlap-Hyman, Bill Norton
Note:Aka: "Il messia del male"; "Messiah of Evil"; "The Second Coming"; "Revenge of the Screaming Dead"; "Messias des Bösen". Disponibile in Home Video (label Cinehollywood).
Visite:2197
Il film ricorda: La notte dei morti viventi (a Buiomega71)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 20/3/09 22:31 - 3875 commenti

Pittore surrealista scompare in una piccola cittadina californiana. La figlia Arletty (Marianna Hill) si mette sulle tracce del genitore scoprendo, grazie ad annotazioni rèdatte su un diario, che gli abitanti del paese sono in realtà morti-viventi e a loro si deve l'improvviso calo demografico del luogo. Gli sceneggiatori di American Graffiti, qui pure registi, puntano sul clima d'esasperazione, partorito dal ribaltamento delle realtà consolidate, senza mai ricadere nel ridicolo e/o nell'incredibile. Al di là degli effetti speciali predomina la sensazione d'un pericolo immanènte e inevitabile.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Cotola 2/1/11 17:13 - 7006 commenti

Horror dalle buone atmosfere, vanificate però da una sceneggiatura in parte confusa e farraginosa che stempera la tensione già non ai massimi livelli. Alterna momenti riusciti (quello del cinema su tutti) ad altri meno riusciti e piuttosto noiosi. Il risultato finale è molto discontinuo ma non privo di fascino ed interesse. Può valere un'occhiata.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 8/3/14 14:37 - 2075 commenti

Riadattamento non dichiarato de "La maschera di Innsmouth" di H. P. Lovecraft (l'orrore indicibile che viene dal mare...) aggiornato alla pandemia romeriana, con il teriomorfismo destituito dalla zombificazione. È, innanzitutto, un esercizio di stilizzazione visiva - il faro ricolmo di dipinti surreali e paranoici, false prospettive e azzardi cromatici - poi narrativa - un susseguirsi di scene madri (strepitosa, per gli spettatori dell'epoca, quella nel cinema) e sbrigative sequenze di raccordo. Narrativamente stringato, è pura pop art capace di evocare pervasivi universi di paura. Gioiellino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il padre impantanato in un amalgama di sangue e pittura.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 1/9/09 12:58 - 4723 commenti

Buon film che nonostante la povertà di mezzi riesce a creare un'atmosfera unica. E' angosciante per tutta la sua durata, c'è il cameo del buon Elisha Cook, jr. e le scenografie funzionano alla perfezione. Da citare la scena nel cinema e il cupissimo finale. Da vedere sicuramente.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Capannelle 17/3/14 15:29 - 3570 commenti

Tra l'allucinante e l'allucinogeno questo horror girato alla meglio e infarcito di dialoghi e movenze surreali. L'avvicinarsi degli zombi (e loro azioni) avviene in modo sommesso e senza troppe platealità e questo accresce l'atmosfera che si nutre a sua volta anche di continue gigantografie stile pop-art nella casa del dandy. Per il resto si trovano nel film diversi stilemi del genere borghesia annoiata (tipo la coppia di ragazze emancipate, i monologhi senza senso) che rappresentano la parte debole del film.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Herrkinski 10/4/12 3:29 - 4396 commenti

Interessante horror proveniente da quella miniera d'oro che erano gli anni '70. Pauperistico e dalla sceneggiatura un po' caracollante, il film è però ampiamente riabilitato dall'ottima atmosfera, macabra e misteriosa, ben resa anche grazie a una scelta delle location azzeccata. Le sequenze con i morti viventi sono da antologia, girate benissimo e cariche d'angoscia; lo spargimento di sangue è moderato ma non se ne sente un gran bisogno. Qualche tempo morto di troppo e qualche dialogo superfluo, ma nel complesso decisamente da rivalutare. **1/2

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'attacco degli zombi al cinema e al supermercato; Il tizio dal volto inquietante che mangia topi vivi ascoltando Wagner sull'autoradio.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Trivex 2/1/19 9:35 - 1414 commenti

Città di morti nella quale, come si dice nel film, gli abitanti inizieranno a mangiare carne cruda. Si, ma di che tipo di carne stiamo parlando? Non è nemmeno questo l'aspetto più inquietante della pellicola, perché l'atmosfera immobile e maligna e le smorfie del mangiatore di topi impressionano anche di più. Meglio la prima parte che il finale, ma stiamo comunque parlando di un prodotto che, pur con alcuni limiti nella sceneggiatura, "gioca" sul terreno del terrore a livello di concorrenti ben più blasonati.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pinhead80 10/10/15 10:46 - 3452 commenti

Non mi aspettavo molto da questo film trovato in superofferta e invece mi sono dovuto ricredere. Il film è buono e sono da segnalare le musiche e alcune scene veramente da incubo (quella del cinema). L'unica pecca è che a tratti appare un po' confusionario perché mescola un sacco di cose assieme per dare spiegazioni. La voce fuori campo e la martellante musica che l'accompagna alimentano il senso di cupezza della pellicola. Che dire poi del cast femminile super sexy... Un film forse troppo poco conosciuto.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Lucius  2/4/12 1:15 - 2747 commenti

Suggestiva pellicola caratterizzata da grande atmosfera e da inquietanti movimenti di macchina. Un incubo primordiale si disvela dalle pagine di un diario ritrovato e si apre in immagini una storia in grado di affascinare e al contempo di incutere pericolo e, davanti a tale sceneggiatura e a talune sequenze, la linearità diventa secondaria; quella che primeggia è l'angoscia di trovarsi davanti ad un incubo senza uscita, davanti ad una terrificante realtà che è la stessa con cui dovrà fare i conti la protagonista. Surrealista.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 27/2/12 16:12 - 2635 commenti

Nello stesso 1973 in cui consegnavano a Lucas il copione di American graffiti e diversi anni prima di siglare il proprio fatale destino con Howard, i coniugi Huyck danno alla luce (terrea ad esser sinceri) questo cult zombesco che ho sempre ricollegato a L'ultimo uomo di Ragona (per il pauperismo produttivo propedeutico all'incipiente clima d'angoscia) e a Martin di Romero (le commistione tra horror e sperimentazioni d'essai). Autarchico e capace di creare una letargica atmosfera pervasiva, possiede una farragginosa ma implacabile malìa generazionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del supermarket e i due incontri (della Hill il primo e di Anitra Ford il secondo) con l'inquietante camionista dallo strabismo di Venere.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 13/10/17 7:52 - 2299 commenti

La scomparsa di un pittore mette la propria figlia alla sua ricerca, dispiegando un mondo fatto di allucinanti personaggi dediti al cannibalismo. Interessante per le scenografie pop e i soggetti grafici, il film è un singolare horror dove sembra descritto tutto senza censure, in un clima rappresentativo decisamente gore. Peccato per la trama sfilettata e la regia così "innaturale" che rendono il tutto complicato da seguire, specie in alcuni momenti illogici.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Buiomega71 15/12/10 10:16 - 2024 commenti

Uno degli horror più cupi e angoscianti mai girati. Portatore di male e devastazione fin dall'incipit (sul dondolo; nella carrozzeria), dalle prefulciane lacrime di sangue ai cinema trasformati in banchetti cannibalici, a mostruosi albini divoratori di topi vivi fino all'apocalittico finale. Cupo, senza speranza, notturno, personalissimo viaggio nell'incubo quasi lovecraftiano dove Huyck ribalta e rimastica le Notti romeriane e i suoi cannibali catatonici mettono davvero sgomento e inquietudine. Quasi "arty" nella messa in scena, quanto viscerale e terrifico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I due poliziotti, uno di loro lacrima sangue e...; "Si sono avventati su di lui come squali"; Sul furgoncino "voodoo"; Gli inquietanti ritratti.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 26/11/17 10:46 - 1984 commenti

Particolare è il primo aggettivo che viene in mente per descriverlo perché non è facile imbattersi in un horror del genere, per di più di quel periodo. In alcuni momenti è parlato pochissimo e, nei dialoghi che si ascoltano, poco è veramente spiegato lasciando molto sia all’interpretazione dello spettatore che alla suggestività delle immagini. A Lovercraft e Romero appartengono le sfumature più riconoscibili, anche se la sensazione predominante è di presunta irrealtà. Non manca qualche momento di stanca, ma glielo si perdona.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ragazza nel cinema.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Fauno 12/9/12 0:22 - 1815 commenti

Niente a che fare con gli zombi romeriani: questi sono uomini scontrosi, che diventano cannibali per via di una maledizione creata alla fin fine da loro stessi; il fatto che ci sia di mezzo la mitologia avvalora il concetto che nei paesi senza cultura e isolati il diavolo ci va a nozze (niente di più vero)! Il brano di apertura e chiusura è fantastico. Anche se si vede che è un film datato, posso dire che è spettacolare, coinvolgente; mi è piaciuto da impazzire e pochi film visti ex novo mi avevano così colpito. E l'horror non è il mio genere...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del pastore proveniente dalle montagne e sopravvissuto all'epidemia...
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Faggi 17/3/18 20:24 - 1400 commenti

Horror in odore di pop-art, suggestivo per un'ora e più filata (solo gli ultimi venti minuti hanno dei cedimenti). L'orrore innominabile, le turpitudini, le maledizioni trovano una cifra estetizzante; notevoli diversi passaggi (l'incipit magnetizza immediatamente) e si tocca l'indimenticabile (il segmento nel cinema). Ottimo nei cromatismi e nell'ambientazione; buono come esempio di invenzioni e sperimentazioni settantiane (la regia corteggia e forse conquista un'idea di stile), non male come destabilizzatore emotivo. Trascurabili i difetti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'albino; Nello studio del pittore; Al supermercato; Al cinema; Le lacrime di sangue.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Anthonyvm 12/3/18 0:30 - 975 commenti

Bizzarrissimo e incredibilmente singolare horror dei primi '70 che unisce una trama originale a scene di impatto visivo innegabile. Diciamo che narrativamente non è granché: molti passaggi del plot non sono ben spiegati, il finale è sbrigativo e l'andazzo lento può tingersi di noia. Ma ci sono almeno quattro scene che per la loro forza spaventosa e per l'influenza che avranno sul cinema horror successivo conferiscono al film lo scettro di cult. Bellissime luci "baviane" con cromatismi rossi e blu, scenografie da incubo. Imperfetto ma da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena terrificante nel supermercato; La scena nel cinema, capolavoro; L'albino che mangia topi vivi; Le lacrime di sangue; La morte del pittore.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Bruce 22/1/10 15:52 - 916 commenti

Un horror da drive-in americano, niente di memorabile. Una profezia o maledizione che sia ha trasformato una cittadina sulla costa in un covo di zombi carnivori; la protagonista vi si aggira come uno spettro alla ricerca del padre pittore scomparso, incontra un tipo che se la vuole fare e due sue amiche che finiranno divorate dai morti viventi. Grezzo e privo di qualità. Belle solo le scenografie con i dipinti all'interno della casa. Vagamente moralistico e decisamente evitabile.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Fedeerra 16/8/19 5:38 - 286 commenti

Il bianco corridoio iniziale con la voice over della protagonista forse non è altro che un limbo psicofisico dove l’anima e il corpo dei personaggi vengono rinchiusi. Bellissimo film surreale, poetico e macabro: le lacrime di sangue, l’attacco al supermercato e al cinema, gli insetti in bocca, il faro allestito in stile pop art. Un macabro gioiellino.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)