Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• S.O.S.TITANIC

All'interno del forum, per questo film:
• S.O.S.Titanic
Titolo originale:S.O.S. Titanic
Dati:Anno: 1979Genere: drammatico (colore)
Regia:William Hale
Cast:David Janssen, David Warner, Ian Holm, Harry Andrews, Cloris Leachman, Susan Saint James, Matthew Guinness
Note:Aka "SOS Titanic".
Visite:421
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/12/07 DAL BENEMERITO LOVEJOY POI DAVINOTTATO IL GIORNO 3/12/19
Portare in scena il dramma del TITANIC in un film televisivo era impresa proibitiva, ma seguire per la prima volta la vicenda a colori e non in bianco e nero ha dato almeno un significato all'operazione. Condotta però senza troppo coraggio, ricorrendo a una sceneggiatura decisamente appiattita sulla narrazione standard dell'evento con poche aggiunte significative. Una prima parte che con brevi tappe nei porti di Southampton e Queenstown (ignorando Parigi) mostra qualche scena di saluti, poi tutti a bordo tra aristocrazia ai piani alti (con una certa attenzione alle nobildonne e al costruttore della nave che ha lasciato la famiglia a casa per seguire il viaggio inaugurale) e i più poveri in terza classe, in basso. Di contorno qualche veloce scena dedicata al capitano (Andrews) e all'equipaggio, sempre preoccupandosi di sottolineare il clima di grande calma. Tanto che l'impatto coll'iceberg arriva quasi d'improvviso, senza alcun avvertimento, senza che cioè il film abbia provveduto a far salire adeguatamente la tensione. Un avvistamento nel buio, la vedetta che grida, il disperato tentativo di virare, l'impatto. Che gli effetti speciali molto faticosamente rendono, un po' come tutto il resto: si alternano riprese della gloriosa Queen Mary (un transatlantico che negli anni arrivò a superare le mille traversate oceaniche, altro che Titanic!) con quelle di una nave utilizzata giusto per mostrare il nome sulla fiancata (sull'altra fiancata era stato apposto quello del Carpathia, la nave che arrivò in soccorso al Titanic e che nel film, quindi, è di fatto sempre la stessa!). Dal momento dell'incidente la progressione è quella che ci si può aspettare, con le prime perdite nella stiva, la sala macchine allagata e infine l'acqua che si riversa nei corridoi mentre i passeggeri si riversano sul ponte dove si cominciano a calare le scialuppe. Nessun riferimento al numero esiguo delle stesse, un'unica scena dedicata all'SOS lanciato via telegramma e ai razzi di segnalazione... Insomma, anche per la breve durata (ma ne esiste una versione più lunga trasmessa solo in televisione) si ha la sensazione che tutto venga risolto fugacemente, senza la necessaria drammatizzazione al di là delle prevedibili scene di allagamento. Il formato 4:3, il ricorso a una fotografia inevitabilmente scipita, a scenografie che tendono a privilegiare inquadrature strette per mostrare il meno possibile e a riprese di una laguna con lastre di ghiaccio in cui l'acqua è chiaramente immota (non si capisce come si possa pretendere di far credere che si sia in mare) non fanno propendere per un giudizio troppo positivo. Si salva la discreta recitazione complessiva e si può immaginare come comunque il vedere - finalmente a colori - la sagoma di lontano del Titanic che s'inabissa di fronte agli sguardi attoniti dei sopravvissuti possa aver colpito gli spettatori dell'epoca. Siamo comunque lontani dai grandi classici sulla tragedia. Sostanzialmente superfluo.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Lovejoy 13/12/07 14:34 - 1825 commenti

Discreto tv movie inglese dedicato al più celebre naufragio della storia. Hale ha una buona mano e riesce a ottenere dal cast ottime prove. In particolare da Ian Holm, David Warner e Harry Andrews. Prima parte decisamente troppo lunga.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)