Cerca per genere
Attori/registi più presenti

AMERICA, AMERICA

All'interno del forum, per questo film:
America, America
Titolo originale:Pandemonium
Dati:Anno: 1982Genere: comico (colore)
Regia:Alfred Sole
Cast:Candice Azzara, Carol Kane, Judge Reinhold, Teri Landrum, Debralee Scott, Miles Chapin, Marc McClure, Tom Smothers, Paul Reubens
Visite:102
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/10/19 DAL BENEMERITO CAESARS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/11/19
Parodia dichiarata degli slasher a cui in qualche modo lo stesso Alfred Sole aveva contribuito tangenzialmente qualche anno prima girando l'apprezzato COMUNIONE CON DELITTI. Qui l'ambiente è quello di un cheerleader-camp, dove già nelle prime scene avviene un delitto a dir poco bizzarro: un gruppo di ponpon girl che procede allegramente in fila sul campo di football viene infilzato da un giavellotto lanciato da chissà chi che ne fa una sorta di macabro spiedino umano. Un massacro che porta all'immediata chiusura del campo. Qualche tempo dopo, però, Bambi (Azzara), aspirante cheerleader al tempo rifiutata dalle titolari, viene chiamata per riaprirlo e dirigere un corso speciale. Si presentano una serie di ragazzi e ragazze introdotti da un'inquietante didascalia: victim #1, victim #2 e via dicendo... Sono Mandy (Landrum), Candy (Kane), Sandy (Scott), Andy (Chapin), Randy (McClure) e... Glenn (Reinhold). Glenn? "Glenn Dandy", precisa lui. Nel frattempo una Giubba rossa canadese (Smothers), abituato a portarsi dietro il suo cavallo e un aiutante sovreccitato (Reubens), viene avvisato che un detenuto omicida è evaso e si aggira nei pressi del campus. Non ci vuole molto a fare 2 + 2, anche perché la trama è volutamente minimale per potervi inserire, come d'abitudine, le diverse gag che prendono vagamente spunto da qualche horror del tempo (Candy spara raggi dagli occhi spostando gli oggetti come Carrie). La verità è che l'ispirazione è debole e si finisce col perdersi in gag da quattro soldi ravvivate di tanto in tanto da qualche buona idea. La Giubba rossa gioca a fare il demente, ma a dire il vero non più degli altri. Non esistono personaggi “normali” e tutti si dedicano ad apparire più idioti possibile per sposarsi a una trama chiaramente demenziale. Nella prima parte una breve introduzione separata dei frequentatori del campo, nella seconda le prime indagini sul nulla, nella terza i delitti di un killer nerovestito che uccide trapanando in bocca una ragazza che stava lavandosi i denti (quintali di dentifricio che sprizza ovunque) oppure attaccandone un'altra che si stava facendo il bagno nel latte con tanto di biscotti. Un giovanissimo Judge Reinhold con capelli ossigenati mostra già di poter condurre appena meglio le danze di colleghi un po' allo sbaraglio, anche se in fondo la recitazione volutamente sopra le righe di tutti mette allegria e l'operazione nel complesso suscita tenerezza. Come sempre, in film in cui se ne sparano tante, qualche battuta arriva a segno; purtroppo, nel caso specifico, sono proporzionalmente davvero poche. Che dire ad esempio dell'aereo giapponese la cui hostess è... Godzilla? Tra il Mel Brooks di ALTA TENSIONE (per le scene al manicomio, col paziente che imita la gallina o quella che osserva gli attributi al cavallo della Giubba rossa) e una rivisitazione dei protoslasher d'epoca, Sole anticipa classici come SLEEPAWAY CAMP e BLOODY NIGHTMARE preparando loro... il campo! Ma lì non si scherzerà affatto...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Caesars 28/10/19 9:48 - 2501 commenti

Alfred Sole ci aveva illuso col bellissimo Comunione con delitti, a cui han fatto seguito opere di ben poco spessore. Questa parodia degli slasher movie, seppur abbastanza originale all'epoca (ma Pupi Avati aveva fatto decisamente di meglio qualche anno prima) lascia parecchio interdetti. L'umorismo è veramente di bassa lega; basti pensare che una delle trovate più riuscite riguarda il protagonista, in Giubba Rossa a cavallo. Gli interpreti forniscono prove dignitose, ma il resto non convince per nulla.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)