Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• CHERNOBYL (5 EPISODI)

All'interno del forum, per questo film:
• Chernobyl (5 episodi)
Titolo originale:Chernobyl
Dati:Anno: 2019Genere: drammatico (colore)
Regia:Johan Renck
Cast:Jared Harris, Jessie Buckley, Stellan Skarsgård, Emily Watson, Adam Nagaitis, Paul Ritter, Sam Troughton, Robert Emms, Karl Davies, Michael Socha, Laura Elphinstone, Con O'Neil, Alan Williams, Adrian Rawlins, David Dencik, Donald Sumpter, Fares Fares
Note:Serie ideata da Craig Mazin. 5 puntate di un'ora ciascuna.
Visite:851
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/6/19 DAL BENEMERITO COYOTE POI DAVINOTTATO IL GIORNO 23/7/19
Gorbaciov dichiarò che nel disastro di Chernobyl sono da ricercare le cause del collasso dell'Unione Sovietica e non è difficile da credere. Le conseguenze immani di una simile catastrofe senza precedenti meritavano una ricostruzione che non si fermasse al documentario o alla durata breve di un film. La serie diretta da Johan Renck (cinque puntate di un'ora ciascuna) coglie la portata epocale dell'evento riuscendo mirabilmente a sposare l'efficacia tipica del prodotto statunitense con i rallentamenti e la necessaria profondità conferita da scelte stilistiche meno convenzionali riuscendo a soddisfare i gusti di un'amplissima platea, che ha premiato CHERNOBYL con ascolti record e un successo anche di critica al di là di ogni aspettativa. Concluso un breve incipit che ci mostra Valery Legasov (Harris), il vicedirettore dell'istituto per l'energia atomica Kurchatov, impiccarsi dopo aver registrato un buon numero di audiocassette rivelatrici, si riparte dai minuti immediatamente successivi alla disgrazia, quando cioè il nocciolo del reattore di Chernobyl esplode liberando nell'aria la sua pioggia radioattiva mortale. Ciò che segue ci mostrerà, nel corso delle cinque puntate, le difficilissime operazioni ideate per riparare al danno, da condursi all'ombra di un apparato governativo prevedibilmente interessato a coprire quanto più possibile la notizia, minimizzando sempre e comunque ogni nuova, tremenda scoperta relativa all'incidente. Affiancato da Boris Shcherbina (Skarsgård), ovvero l'uomo scelto dallo Stato per guidare le operazioni a livello strategico, Legasov dimostra subito grande conoscenza del campo studiando passo dopo passo le soluzioni per ogni tragica evoluzione, scontrandosi con chi è portato per proprio incarico a smorzare gli eccessi di allarmismo. Ma la serie racconta anche molto altro, ricostruendo straordinariamente le location, l'epoca e gli accadimenti con coralità appassionante, instillando tensione senza mai dover esasperare i toni, incutendo cupa disperazione attraverso una colonna sonora fatta più di suoni che di musiche (esemplare in questo senso la straziante scena della popolazione che osserva inconsapevole l'esplosione della centrale da quello che diventerà celebre come il "ponte della morte", che non lascerà scampo a chi nella notte maledetta si fece brillare gli occhi dal surreale spettacolo senza poter sapere quanto l'aria fosse gravida di morte). E se anche certe facce non sembrano esattamente "russe" è l'effetto che conta, è l'espressività con cui comunicano a coinvolgere e a immergerci nel dramma, sono i dialoghi di una sceneggiatura scritta magnificamente e studiata nei dettagli a fondersi nei paesaggi freddi e plumbei di scenografie eccellenti, con Pryp"jat' che rivive imperiosa prima di trasformarsi lentamente nella città fantasma di oggi. Lo scandire delle ore, dei giorni, infine dei mesi dà la dimensione dell'apocalitticità dell'evento, prima di una sequenza di flashback che nell'ultima puntata ci riportano ai minuti precedenti il dramma per raccontarne le cause. Nulla è lasciato al caso, e per qualche parentesi inutilmente diluita e superflua (i cacciatori di animali e più in generale la quarta puntata) ce ne sono molte altre fondamentali per una corretta percezione del momento storico. Innestata intelligentemente la figura della fisica nucleare (Watson) che si dedica alle indagini attraveso cui si dovranno stabilire responsabilità e cause, agghiacciante la resa dei corpi in disfacimento di chi incautamente si avvicinò alla centrale nelle ore susseguenti all'esplosione. E se la scelta di una simile disgrazia porta all'inevitabile sconfinamento nella metafora non si può negare che questa sia stata sfruttata con coscienza e misura. Impeccabile nella confezione, ricca di scene e personaggi memorabili (soprattutto tra i "sacrificati" scelti per donare con buona probabilità la vita per il loro Paese), mai fuori registro o scioccamente spettacolare, una serie che individua l'argomento giusto e ne ricava il massimo o quasi. A colpire è soprattutto il soverchiante clima di angoscia, di ineluttabile tragedia che pervade ogni scena, comunicato anche da una fotografia perfetta in grado di spazzare ogni residua apparenza televisiva.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 24/7/19 5:57 - 10903 commenti

Una serie che ridimensiona parte della fantascienza "dispotica" vista negli ultimi anni. Qui è tutto dolorosamente vero e ottimamente riprodotto, con una ricostruzione dei fatti eccellente sia sotto il profilo documentaristico che drammaturgico. Renk dirige alimentando una tensione a tratti insopportabile, con una colonna sonora fatta di musica e rumori angosciante. Ottime le prestazioni degli attori, con un monumentale Jared Harris e un grande Stellan Skarsgård. Da antologia.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 10/7/19 11:11 - 4316 commenti

Serie impressionante, sia dal punto di vista visivo (le conseguenze), che umano e morale. Un fulgido esempio di anteposizione della Nazione a tutto, persone comprese (l'esaltazione dell'assurdo). Girata senza filtri, senza giustamente dare inutili speranze, precipita chi la vede in un gorgo di ipocrisia umana, dove solo pochi elementi (la scienziata, che fungerà da coscienza, il protagonista e chi gli viene affiancato dal partito) ne escono in maniera dignitosa. Senza contare i poveretti mandati allo sbaraglio (eroi-vittime inconsapevoli). Sembra quasi di percepire la radioattività. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La figura del capo dei minatori; I tre che eliminano gli animali radioattivi; Il processo, con spiegazione di ciò che è successo (il bottone rosso).
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Tarabas 9/7/19 12:09 - 1608 commenti

Cominciamo dal finale. Dopo aver familiarizzato coi protagonisti, è impressionante vederne i veri volti nei filmati e nelle foto di repertorio. Gli eroi e i colpevoli, i coraggiosi e i pavidi hanno quasi tutti pagato un prezzo altissimo per essere stati a Chernobyl in quei giorni. La miniserie è un gioiello di intensità narrativa, tre protagonisti eccellenti e una profonda onestà intellettuale che evita facili suggestioni ed effettacci. Non ci sono santini né scorciatoie hollywoodiane. Serie dell'anno e sarà difficile fare meglio, nel 2019.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 10/7/19 21:31 - 8008 commenti

Cosa succede se si prende un evento drammatico universalmente noto ma dai contorni ancora non del tutto definiti e lo si affronta con scrupolo documentario scevro da spettacolarizzazioni forzate quanto inutili, potendo contare su una fotografia livida superba, una colonna sonora minimalista assai suggestiva, interpretazioni tutte pregevoli. Una delle serie tv più coinvolgenti degli ultimi anni che riesce ad appassionare come un buon thriller e suscita più impressione di un catastrofico ben girato. Bonus ulteriore: spinge ad approfondire l'argomento, a saperne di più. Capolavoro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I minatori seminudi; La vecchia con la mucca; L'abbattimento degli animali domestici che gli sfollati hanno dovuto abbandonare .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Redeyes 26/7/19 12:42 - 2022 commenti

Nei disarmanti palazzi dell’ex URSS, che freddi si stagliano sui nostri occhi, viene armata la più letale delle fusioni. L’ottima serie HBO, senza alcun indugio cinematografico o sentimentalismi a buon mercato, scava nei segreti di una guerra fredda tesa a salvare l’apparenza a discapito del contenuto. Poche le libertà degli autori e, di contro, dettagliati i particolari che hanno il grandissimo merito di avvincerci e regalarci un po’ di sana tristezza e molte riflessioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il processo; Il test fallito.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Pinhead80 18/7/19 15:20 - 3427 commenti

Cinque puntate essenziali per capire e scoprire quello che è stato uno dei più grandi disastri ambientali che la storia dell'umanità abbia conosciuto. C'è spazio per esaminare sia gli aspetti tecnici della vicenda sia l'importanza del fattore umano, che contribuì a tutta una serie di scelleratezze una peggiore dell'altra. La fattura della serie è notevole e il cast eccezionale. Tutti coloro che sacrificarono la loro vita per salvare quella di milioni di persone vengono finalmente presi giustamente in considerazione.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Piero68 11/7/19 15:19 - 2639 commenti

Una delle migliori serie di sempre. HBO fa ancora centro con un prodotto che riesce a mettere insieme argomento reale e interessantissimo a una cifra tecnica con pochi precedenti nella storia delle fiction. Impeccabile ricostruzione degli anni 80 sia nel clima politico che materialmente con l'utilizzo di attrezzature e oggetti di scena che catapultano lo spettatore indietro di trent'anni. Ritmo tesissimo per tutta la durata, coadiuvato da un montaggio pressoché perfetto. Grandissimo cast e ottima regia. In una parola: monumentale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutta la prima puntata; Ignatenko devastato dalle radiazioni; Ministro e minatori a confronto; Il rapporto tra Shcherbina e Legasov.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Il ferrini 31/7/19 22:34 - 1462 commenti

Ottimo prodotto televisivo che si distingue per l'intensità della narrazione e per una colonna sonora spettrale che ne sottolinea i momenti più densi. Un mostro invisibile e dunque quanto di più difficile da portare sullo schermo, che lentamente divora tutto: uomini, animali, bambini e soprattutto la Verità. C'è qualche rallentamento evitabile, qualche faccia poco "sovietica", ma nel complesso è un'opera notevole e molto aderente ai fatti conosciuti. Pugno allo stomaco l'ultima mezz'ora (il processo) e i credits con i protagonisti reali.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Gestarsh99 19/7/19 17:07 - 1173 commenti

Miseria e Chernobyltà. Da una parte la macchina insabbiatrice, i giochi di potere, le sottostime minimizzanti di un direttorio statale prossimo all'infarto dinanzi a un disastro radioattivamente incommensurabile; dall'altra gli improvvisati scafandri, l'orgoglio al galoppo e lo slancio sacrificale di un esercito di valorosi pronti a fiondare se stessi contro il Golia nucleare. La HBO presenta una tragedia umana, ambientale, politica e sociale che sin dalle prime sequenze s'inabissa nell'horror biologico più lutulento, incatramandosi nella messa in stato d'accusa dell'intero sistema sovietico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il corpo del pompiere allettato orrendamente tramutato dalle radiazioni in un modellino anatomico umanoide in preda alla sofferenza più estrema...
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Kinodrop 20/7/19 17:57 - 1071 commenti

Quando la ragion di Stato (di diritto o dittatoriale) si sovrappone a ogni altra ragione, alla verità stessa e all'umanità, la tragedia "materiale" di quei fatti si sdoppia e non possiamo afferrarci a nessuna consolazione. In soli 5 episodi ci viene restituita l'angoscia di un dramma conosciuto solo indirettamente, facendoci piombare nel grigio e nel fumo di quei terribili giorni e nell'impossibilità di far fronte all'esplosione e le sue conseguenze. Un'inversione di valori che travolge tutti, eroi e vittime più o meno consapevoli. Agghiacciante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ricostruzione minuziosa di quei momenti; Il crepitio dei misuratori; I 90" sul terrazzo; Il processo e il KGB; I "volontari"; Il pulsante rosso.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Anthonyvm 15/7/19 17:54 - 919 commenti

Davvero un ottimo resoconto della nota tragedia, sia per chi ha vissuto la notizia all'epoca dei fatti, sia per chi ne ha solo sentito parlare. La narrazione è perfettamente bilanciata fra storia e umanità, elencando con puntualità i principali avvenimenti e soffermandosi al contempo sulle reazioni dei protagonisti. Il dolore delle famiglie, la verità celata e la rabbia di chi ne è consapevole, la condanna di chi si sacrifica per il bene del mondo. Il dramma è dunque frammentato in tante piccole realtà, ma spaventosamente omogeneo. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli effetti delle radiazioni sui vigili del fuoco, terrificanti; La caccia agli animali contaminati; Il processo e la scomoda verità enunciata.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Xamini   17/7/19 23:53 - 894 commenti

Chernobyl, ovverosia: non è necessario dilungarsi per produrre meraviglia. Questa è una mini serie, 5 episodi soltanto, a recuperare i dolorosi dettagli di una catastrofe che i quarantenni ricordano bene. Meravigliosa la fotografia, disturbanti le musiche à la Dunkirk, da pugno allo stomaco il canovaccio. Puntata dopo puntata, Jared Harris (già visto in Mad Men, ma qui si supera), Stellan Skarsgård ed Emily Watson portano il pesante fardello di un insegnamento tanto fastidioso da indurre la Russia a girare presto la propria versione. Imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I minatori; il tetto; i corpi devastati; la ricostruzione al processo.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Pesten 23/6/19 9:37 - 514 commenti

Storia che tutti conoscono nelle sue versioni più o meno ufficiali. Eppure si rimane incollati allo schermo per un binge watching totale grazie alla bravura nell'esposizione, all'atmosfera oscura e opprimente, alla ricostruzione certosina dei dettagli, sia piccoli che grandi. Una delle migliori serie tv uscite negli ultimi anni; dopo l'episodio finale ci si dispera che siano così pochi. L'impianto fotografico è da spavento, sembra di essere davvero tra le macerie del reattore appena esploso, le storie umane sono cariche di intensità.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)

Coyote 14/6/19 16:24 - 185 commenti

Molta più drammaticità che suspense, in questa meravigliosa serie targata HBO. Si parte dall’esplosione e si ricostruiscono con grande cura scenografica e fotografica i giorni e i mesi successivi, delineando personaggi memorabili nel bene e nel male. Nonostante la storia sia in parte nota, la profondità di osservazione tiene lo spettatore incollato allo schermo per tutta la durata e non mancano le scene memorabili. In modo impeccabile, l’ultimo dolente episodio si ricollega al primo, chiudendo circolarmente la narrazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli spettatori dell’esplosione dal ponte; La mattanza degli animali; La ricostruzione dell’incidente nell’ultimo episodio.
I gusti di Coyote (Drammatico - Giallo - Poliziesco)

Muttl19741 23/7/19 18:29 - 78 commenti

Grande esempio di narrazione di un evento della storia. Il disastro di Chernobyl è raccontato con toni lugubri, oppressivi, asfissianti, da lasciar senza fiato. Il clima dell'Unione Sovietica degli anni Ottanta è dipinto a toni grigi, come il più spaventoso che possa essere stato concepito dalla mente umana. Nessuno esce salvo, nessuno può farlo. La post-apocalisse è mostrata nella sua più cruda durezza: non ci sono zombi, non ci sono forze del male: o meglio... ci sono eccome, siamo proprio noi.
I gusti di Muttl19741 (Commedia - Drammatico - Giallo)