Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VALERIAN E LA CITTà DEI MILLE PIANETI

All'interno del forum, per questo film:
Valerian e la città dei mille pianeti
Titolo originale:Valérian et la Cité des mille planètes
Dati:Anno: 2017Genere: fantastico (colore)
Regia:Luc Besson
Cast:Dane DeHaan, Cara Delevingne, Clive Owen, Rihanna, Ethan Hawke, Herbie Hancock, Kris Wu, Sam Spruell, Alain Chabat, Rutger Hauer, Peter Hudson, Xavier Giannoli, Louis Leterrier, Eric Rochant, Benoît Jacquot
Note:Basato sulla serie di fumetti di fantascienza francese Valerian (Valérian et Laureline) scritta da Pierre Christin, disegnata da Jean-Claude Mézières e colorata da Évelyne Tranlé.
Visite:662
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/9/17 DAL BENEMERITO NONCHA17 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 8/2/18
Per il film finora più costoso girato in Europa Luc Besson recupera la graphic novel “Valerian e Laureline” di Mézières e Christine e la trasforma su grande schermo in una coloratissima orgia tridimensionale che mescola computer graphic e attori in carne e ossa. Laureline scompare dal titolo ma si ritrova interpretata dalla splendida Cara Delevingne, pronta a fare il paio col Valerian di Dane DeHaan. I due agenti sono chiamati su Alpha, il gigantesco pianeta artificiale dalle mille luci, a riportare uno speciale convertitore recuperato in un grande mercato virtuale dopo non poche fatiche. Su Alpha scopriranno essere in corso un attacco operato non si sa da chi che dovranno in qualche modo aiutare a fronteggiare. Saran mica responsabili gli strani umanoidi grigi che si erano visti nel sognante prologo e che sono pure i legittimi proprietari del convertitore? Una trama svolta senza troppa chiarezza e che si perde qualcosa per strada funge da pretesto per l'esplorazione del mondo multirazziale di Alpha, abitato da centinaia di specie diverse cui gli animatori digitali danno forma preparando il terreno alle avventure dei due giovani eroi. L'impatto – anche per merito del denaro investito – non lascia indifferenti: fin dall'inizio sulla spiaggia caraibica del pianeta Mül c'è da restare a bocca aperta, se non fosse per l'eccesso di artificiosità in qualche disegno relativo soprattutto agli esseri antropomorfi, vero tallone d'Achille di produzioni così; riesce infatti ancora difficile sposare l'armoniosa perfezione degli scenari con i personaggi non in carne e ossa, anche se qui la cosa si risolve dando apparenza plastica a molti sfondi che si fanno così contenitori ideali di creature fantasiose e fascinosi mutanti. A non convincere è però innanzitutto la sceneggiatura di Besson, tremendamente elementare nei dialoghi (la battuta su cui si chiude il film fa venire il voltastomaco) e priva di quell'ironia in più che avrebbe aiutato a renderli sopportabili. D'altra parte è evidente la secondarietà del copione rispetto al lavoro registico, che tuttavia asseconda gli aspetti più spettacolari senza offrire molto altro a livello tecnico. Per questo il film finisce coll'appiattirsi sugli standard della fantascienza meno interessante trovando vera efficacia esclusivamente nelle singole trovate o sequenze. E se la coppia DeHaan/Delevingne non è proprio indimenticabile, grandi aiuti non arrivano nemmeno da Clive Owen comandante o da Rihanna mutante tenuta “al guinzaglio” da Ethan Hawke. Il celebre musicista jazz Herbie Hancock ci mette la faccia (sullo schermo, è il ministro), Rutger Hauer fa un cameo in apertura e addio. Era decisamente meglio convogliare tanti sforzi in una storia meno ingenua e soprattutto pagarsi uno sceneggiatore di professione, perché poi cogli americani si rischia di far la figura dei cioccolatai...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 8/12/17 7:39 - 10563 commenti

Più che fantascientifico, un fantasy che per approccio pesca a piene mani dal cinema del passato: si sprecano i riferimenti visivi e di contenuto alla saga di Star Wars o a certo cinema di Cameron, e l’impressione è che Besson sia arrivato fuori tempo massimo e non abbia saputo trattare la materia adeguatamente. Troppa “carne al fuoco”, poca capacità di sintesi e una durata eccessiva che si abbina alla mancanza di ritmo. I due interpreti principali sono inadatti per il genere di film.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Daniela 9/11/17 16:41 - 7290 commenti

L'impressione dominante durante la visione del nuovo excursus fantascientifico bressoniano è il rammarico per lo spreco: un comparto visivo ed effetti speciali di prim'ordine al servizio di una sceneggiatura inconsistente, con dialoghi imbarazzanti e personaggi affidati ad un cast inadeguato. Dane DeHaan con la sua aria da liceale sfigato dedito a passatempi solitari e Cara Delevingne top model tinca formano una delle coppie peggio assortite del decennio e i loro battibecchi sentimentali sono da latte alle ginocchia. Peccato per tutte quelle creaturine che avrebbero meritato sorte migliore.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

124c 25/9/17 2:08 - 2561 commenti

Luc Besson e i fumetti di fantascienza, connubio già visto ma che funziona. Per quanto l'eroe, Velerian, abbia un nome simile a un medicinale che provoca la sonnolenza, il film è abbastanza vispo e visionario. Dane Dehaan, in un ruolo decisamente più avventuroso e auto-ironico di quello visto in The amazing Spider-man 2, è accompagnato dell'ironica Cara Delevigne nei panni dell'inseparabile aiutante/fidanzata. Fra astronavi, alieni in CGI e noti camei spicca Rihanna nei panni di una mutaforma che fa il verso alla Liza Minnelli di Cabaret.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Noncha17 21/9/17 20:00 - 35 commenti

Film per ragazzi chiaro nel suo messaggio pacifista questo Valerian che, in qualche modo, richiama alla mente il The abyss di un certo James Cameron (oltre al suo più recente Avatar) e, ovviamente, Guerre stellari. Besson, grazie all'arguta regìa, durante la prima parte riesce benissimo a trasportarci nella sua meravigliosa avventura visiva. Purtroppo subisce dei cali quando vuole andare oltre lo spassoso divertimento, proponendoci cose già viste. Il problema vero, però, è che questo "mondo" esisteva prima ancora dei vari film succitati...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rapporto tra i due protagonisti; La realtà virtuale al mercato; I tre "pipistrellotti"; La pesca con farfalla; Bob il pirata; Il convertitore Mül.
I gusti di Noncha17 (Azione - Fantascienza - Giallo)