Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SINDROME DEL TERRORE

All'interno del forum, per questo film:
Sindrome del terrore
Titolo originale:Blue Sunshine
Dati:Anno: 1978Genere: thriller (colore)
Regia:Jeff Lieberman
Cast:Zalman King, Deborah Winters, Mark Goddard, Robert Walden, Charles Siebert, Ann Cooper, Ray Young, Alice Ghostley, Stefan Gierasch, Richard Crystal, Bill Adler, Barbara Quinn, Adriana Shaw, Bill Sorrells
Note:Aka "La sindrome del terrore".
Visite:559
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/3/11 DAL BENEMERITO KANON POI DAVINOTTATO IL GIORNO 18/6/18
Girato negli stessi anni dei primi lavori di Cronenberg, sembra risentirne l'eco (il tema comune della follia e del decadimento fisico legati a una pericolosa quanto sconosciuta affezione); al punto che persino certe location losangelene richiamano (fors'anche per l'uso della fotografia) gli esterni canadesi di Cronenberg. Così come simile appare lo straniamento provato da alcuni personaggi, l'uso di musiche d'atmosfera a volte stridule... Di sicuro il film di Lieberman s'inserisce in binari inusuali e fin dai titoli (s'inquadra la luna con una carrellata virtuale che parte da sopra le teste di persone il cui sguardo non suggerisce nulla di buono) affonda la vicenda in un clima malsano ove anche i comportamenti di chi ci viene presentato come del tutto normale lasciano aperti molti dubbi. A cominciare dal protagonista Jerry Zipkin (King), che tra i primi durante una festa in casa entra in contatto con uno degli strani “ultracorpi” afflitti da alopecia che si stagliano presto all'orizzonte come il nemico da abbattere; sembrano impazzire, preda di un irrefrenabile impeto omicida, e la colpa è da ricercare in un misterioso acido che girava nella cittadina di Stanton dieci anni prima, il “Blue Sunshine” del titolo originale: tutte le persone colpite bazzicavano lì nel 1967 e Zipkin, per quanto non appaia la persona più adatta a condurre un'indagine (quanto a stabilità mentale e autocontrollo non è esattamente il massimo), in qualche modo lo scopre. Ciò che però prometteva di aprirsi come un vaso di Pandora emerso da un passato ricco di mistero in realtà tende a risolversi molto più semplicemente in una caccia agli strani esseri pelati che, quando indossano la parrucca, risultano del tutto irriconoscibili. Il tema è insomma quello dell'intruso che si mescola nella massa confondendosi e che Philip Kaufman riprenderà meglio l'anno dopo dando nuovo smalto al prototipo siegeliano. Naturalmente qui non ci sono alieni o visitors, solo le vittime di un'alterazione cromosomica a scoppio (molto) ritardato la cui apparenza e comportamento, tuttavia, apparenta alla fantascienza d'altri tempi. Lieberman (che il film oltre a dirigerlo se l'è scritto) punta tutto sul clima enigmatico che circonda la vicenda, insistendo sul particolare dei capelli che si staccano a ciocche da chi subisce il fenomeno e dando spazio a un candidato alla soglia delle elezioni governative per arricchire un parco personaggi che dia varietà alla vicenda, un gruppo di persone che pare conoscersi e conservare gelosamente un cupo segreto. Peccato per la scarsa reattività di Zalman King, spesso in preda a crisi immotivate o imbambolato in attesa di combinare qualcosa. Il finale, che richiama alla mente quello d'un classico di Crichton, giunge inatteso senza saper tuttavia sorprendere come si sperava. Un dramma stralunato, molto settantiano nella concezione e nella messa in scena, che pur privo di particolari effetti speciali lascia comunque un segno nella memoria; per il make-up di questi “post-drogati” che d'improvviso danno di matto ma anche per sequenze indubbiamente azzeccate come quella della ragazza sospinta a bruciare nel caminetto di casa.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Deepred89 3/11/17 11:34 - 3011 commenti

Horror dal curioso spunto iniziale che mostra ben presto i limiti dovuti a una regia noncurante del ritmo narrativo e del possibile incombere del ridicolo, elemento, quest'ultimo, accentuato dalla stralunata interpretazione del protagonista e dall'infelice resa del make-up dei posseduti. L'elemento politico (trattato meglio nel successivo Squilli di morte) lascia il tempo che trova e il film incuterà autentico disagio soltanto a chi teme l'incombere della calvizie. Pessimo finale tronco e divieto ai minori di 18 più inspiegabile del solito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tentato infanticidio, unica scena veramente degna di nota del film.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Buiomega71 2/11/17 11:57 - 1801 commenti

Piccolo diamante della new horror settantiana. Lieberman fa della paranoia zombesca romeriana il filo conduttore in una citta assolata e agorafobica. L'alopecia come un nuovo contagio pandemico, tra angoscia e puri momenti terrifici (l'incipit con il caminetto, al centro commerciale pre-romeriano, nell'appartamento con i due bambini, i defenestramenti, i luoghi delle stragi familiari), in cui il ghigno della morte assume tratti agghiaccianti e disturbanti. Se i vermi dei Carnivori venuti dalla savana giocavano al rialzo del ribrezzo, la calvizie che uccide fa leva sulle fobie quotidiane.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Mentre i bimbi in tv si guardano Stanlio & Ollio, la donna perde la folta chioma e brandisce un coltello in stati di alterata follia.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Kanon 4/3/11 0:13 - 565 commenti

Partendo da un pretesto tanto assurdo quanto intrigante, Lieberman dirige questo inconsistente thriller che ha nella premessa la sua arma migliore. Per il resto c'è da segnalare un protagonista che ha lui stesso comportamenti da psicanalisi (davvero, osservatelo: una gioia per gli occhi) e certe scene così ridicole che perlomeno risollevano dal non-climax che regna beato per tutta la pellicola. Ha un pregio: terminata la visione, più ci ripensi e più ti scatena le risate. Ma... il finale dove sta?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Non perdetevi: Il protagonista in crisi davanti al caminetto; la madre col coltello; la lezione di tiro al bersaglio!
I gusti di Kanon (Commedia - Fantascienza - Thriller)