Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A NOI PIACE FREDDO...!

All'interno del forum, per questo film:
A noi piace freddo...!
Dati:Anno: 1960Genere: commedia (bianco e nero)
Regia:Steno (Stefano Vanzina)
Cast:Ugo Tognazzi, Raimondo Vianello, Peppino De Filippo, Yvonne Furneaux, Francis Blanche, Carlo Taranto, Cesare Fantoni, Rik Van Nutter
Visite:593
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/6/08 DAL BENEMERITO R.F.E. POI DAVINOTTATO IL GIORNO 23/9/18
Naturalmente il classico di Wilder viene preso in prestito giusto per il simpatico titolo “in risposta” e per l'espediente del travestimento da donna, con Tognazzi in abiti da sposa per qualche scena. L'ambito è in questo caso profondamente italiano e ci riporta ai tempi della borsa nera nella Roma occupata dai nazisti: Bevilacqua (Tognazzi) e Titozzi (De Filippo) si occupano di vendere prosciutti, salumi e provoloni sottobanco, ma un giorno il primo viene scambiato dalla chanteuse Rosalina (Furneaux) per il misterioso “Gatto”, agente segreto che ha sentito avere il compito di uccidere un tracotante colonnello delle SS (Blanche). Un equivoco che proseguirà per tutto il film, durante il quale Bevilacqua e Titozzi continueranno comunque il loro “contrabbando” rifornendo però di armi invece che di viveri (per l'ennesimo qui pro quo causato dall'invadente Rosalina) il rinfresco matrimoniale di un Barone (Vianello). Ed è qui che la coppia comica, fino a quel momento distante, si riunisce per non separarsi più, affiancata quasi in pianta stabile da un Francis Blanche che – come da vetusta caratterizzazione degli ufficiali nazisti – straparla con accento tedesco, urla e trotterella con la sua tozza stazza per il set. Nella prima parte le scene riguardanti il camuffamento di generi alimentari da parte di Peppino divertono più degli ammiccamenti tra Tognazzi e la Furneaux, che con i suoi “miao” (per far capire di sapere che ha a che fare col “Gatto”), le sue cantantine al night e la pretesa di intromettersi pesantemente nella vita di Bevilacqua convinta di aiutare la causa italiana contro gli odiati invasori si fa presto insopportabile. Arriva in soccorso Vianello, naturalmente più a suo agio con l'abituale partner, ed effettivamente i duetti tra loro con Tognazzi travestito da sposa per non farsi riconoscere dai nazisti arrivati in gruppo al matrimonio e Vianello costretto a fingersi il marito celebrando lì le nozze rappresentano le fasi più azzeccate del film, anche se poi quando ci si allontana dalla villa trasferendo le gag altrove la trovata stanca. L'ultima parte in ospedale, nella quale i toni si alzano, le grida e i capovolgimenti di situazione aumentano, si avvicina alla farsa più tradizionale di casa nostra, con una prevedibile esagitazione che fa riconsiderare anche la qualità di quanto visto in precedenza: niente di troppo memorabile... Il finale con Peppino che omaggia la pernacchia italiana (quindi indirettamente il fratello Eduardo e la sua celebre lezione) sa di forzatura.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Il Gobbo 24/11/10 23:14 - 3005 commenti

Gustosa commedia di equivoci e travestimenti nella Roma occupata. I due grandissimi non vanno oltre lo stretto indispensabile, ma il film si accende coi caratteristi: Blanche nell'eterno ruolo dell'ufficiale nazista ma soprattutto un irresistibile Peppino borsaro nero. Fuori parte la pur bella Furneaux. Incredibilmente, come poi si rivedrà nella Feldmarescialla, Puccio Ceccarelli fa un soldato nazista!
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Rambo90 16/10/14 16:20 - 5318 commenti

Divertente farsa ambientata nella seconda guerra mondiale, con l'effervescente duo Tognazzi-Vianello che si adopera in vari travestimenti e tentativi di fuga. Ottimo Blanche antagonista nazista, doppiato benissimo da Carlo Romano e semplicemente adorabile Peppino che compie (suo malgrado) un attentato facendo una pernacchia al führer. Molti equivoci, qualche grossolanità tipica delle commedie del periodo, ma davvero un film molto spassoso.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

R.f.e. 31/8/09 11:14 - 819 commenti

Non proprio il miglior film del duo Tognazzi-Vianello. La Furneaux (qui doppiata da Maria Pia Di Meo) è un'impicciona convinta che Tognazzi sia un agente alleato, "Il Gatto". In realtà, il film si regge quasi esclusivamente sull'irresistibile caratterizzazione dell'attore francese Francis Blanche, nel suo tipico personaggio dell'ufficiale nazista (l'aveva già fatta in alcuni film francesi e la rifarà ne La feldmarescialla accanto a Rita Pavone) ottimamente resa in italiano grazie all'adeguato doppiaggio del bravissimo Carletto Romano.
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Graf 30/7/11 15:26 - 601 commenti

Ghiotta e furba commedia farsesca di Steno. Concepita come una parodia al film di Wilder A qualcuno piace caldo, il film ambienta le sue irrisistibili gesta al tempo della seconda guerra mondiale. Steno, da par suo, si prende beffa di tutto e di tutti: i tedeschi, la resistenza, i borsari neri, lo spionaggio... fino ad Hitler, destinatario di una sonora pernacchia da parte dell'inconsapevole e fifone borsano nero Peppino De Filippo. Tognazzi vestito da donna, per sfuggire ai nazisti, è irresistibile. Vianello gli tiene abilmente testa. Film da vedere.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)