Cerca per genere
Attori/registi più presenti
Vai a fine pagina

DISCUSSIONE GENERALE: Angel city (1977)

Angel city (1977)
12 gennaio 2019 ore 09:46 (5 giorni, 9 ore fa)
Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
 
 Buiomega71
Vice capo scrivano
19699 interventi
Angel city (1977)
12 gennaio 2019 ore 09:46 (5 giorni, 9 ore fa)
FALSI D'AUTORE-Perduti e ritrovati

Cinema sperimentale quello di Jon Jost, sberleffo ermetico e antinarrativo al genere hollywoodiano per eccellenza: il noir.

Interventi sulla pellicola, frasi (o solo lettere) che appaiono in sovraimpressione, giochi di colore , immagini statiche , finte interviste, estenuanti provini di un (im)possibile remake del Trionfo della volontà, simboli sparsi quà e là (Anton Lavey?), metacinema (Jost che grida "azione" fuori campo mentre gira la sequenza delittuosa nella piscina, il finale surreale io esco dal film), macchina a amano, T-rex in stop motion che sovrastano il mondo, il logorroico detective privato , la luce naturale, il continuo rimpiattino tra realtà e finzione.

Prendere il Godard più astratto e anarchico e ficcarlo in quel della città degli angeli, in due righe questo è Angel city

Ipnotico e seducente nella sua astrusità indipendente, dove Jost (spesso) stacca e dalla "trama" gialla per ritrarre Los Angeles (mai così vera, mai così realistica, mai così alienata, le si avvicina il Wim Wenders dello Stato delle cose) ripresa staticamente dall'alto con un'elicottero, oppure viaggiando ininterrottamente sulle sue infinite highway, con pezzi di musica country continuamente interrotta da statistiche sulla città (gran pezzo di cinema, dove sembra di essere nell'abitacolo dell'auto insieme alla MDP di Jost), in un sentimento di odio/amore che il regista sembra avere per la grande città tentatrice (la mecca del cinema in primis)

Assumendo, quindi, i tratti di un allucinato documentario su Los Angeles, per poi ritornare a indagare sull'assassinio di Gloria (moglie di un potentissimo imprenditore della Hollywood che conta), ma a Jost frega poco o nulla.

Il corpo di Gloria che giace (con chiazza di sangue) a bordo piscina, a casa della sensualissima Bunny, le grottesche e lynchiane (ma prima di Lynch) labbra in primo piano spalmate di rossetto , mentre una voce fuori campo pubblicizza l'uscita imminente di Stupro di Lamont Johnson con le sorelle Hemingway

Personalissimo Jost, quasi inintelligibile, ma nello stesso tempo vitale e magnetico

Come se Chinatown fosse girato dal Suzuki di Pistol Opera (vedere il delirante confronto finale tra il detective e l'imprenditore)

Lo sperimentalismo cinematografico di Jost apre la mente, ma assolutamente (e quì è il caso di rimarcarlo) non per tutti i gusti (anzi, per pochi oserei dire e assolutamente sconsigliato a chi ama il cinema "tradizionale" ovviamente)

La breve durata poi (poco più di un ora) è valore aggiunto.

Stimolante e a suo modo genialoide il buon Jost (che dirige, scrive, monta, produce con un budget miserissimo e fotografa)

Tipico film ghezziano da Fuori orario, ma se si entra nel gioco e nell'ottica autoriale di Jost (e se si ama Los Angeles, soprattutto) potrebbe rivelarsi una piacevole (quanto straniante ) esperienza.
 
Ultima Modifica: 2019/01/13 19:18 Da Buiomega71.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
Vai all'inizio pagina
Sei nella sezione DISCUSSIONE GENERALE di